La legge di Hubble

Materie:Appunti
Categoria:Astronomia

Voto:

2 (2)
Download:72
Data:07.03.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
legge-hubble_1.zip (Dimensione: 3.26 Kb)
trucheck.it_la-legge-di-hubble.doc     20.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Che cosa significa e su cosa si basa l’idea dell’ «Universo in Espansione»?
Dire che l’universo è in espansione significa affermare che ogni corpo, o meglio, ogni oggetto che ne fa parte si allontana da ogni altro oggetto, per il progressivo dilatarsi dello spazio. Questa teoria è supportata dall’importante scoperta effettuata nel 1929 dall’astronomo americano Hubble, il quale studiò gli spettri delle radiazioni luminose emesse da stelle appartenenti a galassie lontane.
Trattandosi di radiazioni elettromagnetiche, quando la sorgente si allontana dall’osservatore, diminuisce la frequenza delle onde emesse (aumenta quindi la lunghezza d’onda), e le righe scure presenti nello spettro si spostano leggermente verso l’estremo rosso, rispetto a quanto accade nello spettro dello stesso elemento realizzato in laboratorio (da qui il nome red shift); quando, invece, la sorgente luminosa si avvicina all’osservatore, la frequenza delle radiazioni aumenta (quindi diminuisce la lunghezza d’onda), causando un leggero spostamento dello spettro verso l’estremo blu (blue shift).
Hubble scoprì che a galassie più lontane corrispondevano spettri sempre più spostati verso il rosso, e poiché maggiori scostamenti verso il rosso denotano la maggiore velocità con cui la sorgente si sta allontanando, egli arrivò a dedurre la legge secondo cui quanto più le galassie sono lontane da noi, tanto più grande è la loro velocità di allontanamento.
Studi e misurazioni condotte, negli anni successivi, sulle distanze e sulle velocità di quelle galassie, lo portarono a trovare che il rapporto tra velocità di allontanamento e distanza era pari a una costante che chiamò H0. I calcoli da lui effettuati lo portarono a stimare questa costante pari a 540 Km al sec per MegaParsec; oggi però sappiamo che questo valore è molto più grande di quello reale (che è tra 50 e 80). Infatti, se H0 valesse veramente 540, l’universo risulterebbe avere “solamente” 2 miliardi di anni; ciò non è possibile perché sulla terra sono state trovate tracce di vita risalenti a circa 15 miliardi di anni fa.
Quasar: sorgenti radio quasi stellari che emettono onde radio di grandissima intensità e fortemente concentrate; un quasar è mille miliardi di volte + luminoso del sole ma è molto + piccolo di una galassia e si sta allontanando da noi con una velocità pari al 90% della vel della luce.

Esempio



  



Come usare