La lupa, G. Verga

Materie:Appunti
Categoria:Antologia
Download:885
Data:26.06.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
lupa-verga_1.zip (Dimensione: 4.07 Kb)
trucheck.it_la-lupa,-g-verga.doc     22 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Dentella Natascia 2°A Vacanze Natalizie

La novella “La lupa”, scritta da Verga, è ambientata in Sicilia nelle campagne aride e afose intorno all’Etna.
In questa vicenda emergono alcuni personaggi:
La Lupa, che viene descritta una donna non più giovane,alta, magra, avente un seno fermo e vigoroso, le labbra fresche e rosse, sempre pallida in viso, con gli occhi grandi e neri e con i capelli bruni.
Maricchia, la figlia della Lupa e in netta contrapposizione con essa. Dalla novella emergono, infatti, alcune caratteristiche contrarie: La ragazza viene definita una madre di famiglia, innamorata di Nanni, buona di cuore.
Nanni, marito di Maricchia ma perseguitato dalla passione della Lupa alla quale non riesce a reagire.
In un piccolo villaggio della Sicilia viveva la, così soprannominata, Lupa. Era una donna con grande personalità, sempre sicura di sé. Vagava per le strade e nessuno le parlava, anzi quando la vedevano passare facevano il segno della croce. Le donne del paese la disprezzavano vedendosi portar via, proprio da lei, i loro mariti e figli.
Un giorno però mentre lavorava nei campi conobbe Nanni e se ne innamorò. Lui però semrava interessato alla figlia Maricchia e così la Lupa la obbligò a sposarlo, donando loro una parte della casa.
La forte donna continuò però a travolgere il ragazzo con la sua passione alla quale lui non riusciva a resistere. Maricchia la quale si era affezionata e innamorata al marito piangeva sempre, finche non decise di andare dal brigadiere.
Nonostante questo la madre non si fermò, quando un giorno Nanni le disse che se si sarebbe fatta vedere un’altra volta l’avrebbe uccisa.
Il finale della novella non è molto chiaro, probabilmente l’autore lascia alla nostra immaginazione il compito di terminare la vicenda.
Il tema principale di questa novella è l’amore, quello costituito però sola dalla passione, diabolico che si può anche trasformare in tragedia.
L’autore utilizza l’intreccio, sono presenti delle elissi, in particolare viene taciuto il matrimonio, la nascita e la crescita dei figli di Maricchia e la morte della Lupa.
Il narratore è interno alla vicenda, Verga infatti narra dal punto di vista del popolo. L’ambientazione, inoltre, serve a sottolineare il tema: il caldo, l’arido e l’afoso delle campagne stanno a descrivere attraverso delle metafore l’amore inteso dalla Lupa.
“non era mai senza di nulla”, “sola come una cagnaccia randagia e sospettosa”,”non veniva mai in chiesa”,”occhi da satanasso”, ”si spolpava i figliuli e i mariti”, mentre l’aspetto fisico viene descritto con la descrizione diretta, la sua personalità viene capita solo analizzando queste citazioni.

Esempio



  


  1. bcvtyrd tdgfrxdfgtr

    http://trucheck.it/images/esam.gif


Come usare