l'anno 1000

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

1.5 (2)
Download:169
Data:10.01.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
anno-1000_1.zip (Dimensione: 4.28 Kb)
trucheck.it_l-anno-1000.doc     11.11 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

1- L'incremento demografico dal 1000 al 1300
Le innovazioni tecnologiche permettono un migliore sfruttamento delle terre e un incremento delle terre coltivabili (disboscamento); ciт produce una migliore dieta che permette di vivere piщ a lungo(aumenta la vita media e la natalitа e decresce la mortalitа)

2- La rivoluzione agraria
Con l'anno 1000 si ha un'importante rivoluzione agraria: si usa il ferro per fabbricare gli attrezzi, viene usato l'aratro pesante pesante per i terreni dell'Europa centro settentrionale. Anche i cavalli venivano usati per arare con la ferratura e il giogo rigido a spalla che sfruttava la loro potenza, invece per i buoi si usava il giogo a due. Vennero sfruttati anche i mulini a vento e si inventт la rotazione triennale delle colture: i terreni venivano divisi in tre parti, 2/3 venivano sempre coltivati mentre 1/3 restava a maggiese. In questo modo si aveva una minore usura del ferro.

3- La rivoluzione rei rapporti solciali
Con l'anno 1000 ci fu una rivoluzione anche dei rapporti sociali: i contadini producevano surplus per vendere i prodotti, per comprarsi la libertа e per affittare terre da coltivare. I signori preferiscono affittare i terreni per avere rendite di cui hanno bisogno per vivere nelle cittа dove occorrono tanti soldi. I sognori per invogliare i contadini a disboscare, bonificare e costriure nuovi villaggi liberi garantiscono libertа scritte (che si comprano).

4- La rinascita delle cittа
Le cittа rinascono con determinate caratteristiche:
• le cittа medievali, al contrario di quelle romane che erano pianificate, nascono senza progetti urbanistici: vie contorte e strette costeggiate da torri minacciose;
• mancavano teatri e terme (sede di corruzione per i preti);
• и proibito praticare sport, perchи era vietato esibire il proprio corpo;
• c'erano la cattredrale, che era il centro della cittа, il palazzo comunale che era la sede del governo cittadino e la piazza per il mercato;
• esisteva uno STATUS SOCIALE: il cittadino и libero , non soggetto a vindoli feudali, le attivitа mercantili e manifatturiere necessitavano di leggi che non potevano essere quelle della societа rurale, nasce cosм la borghesia fermata da cittadini che conquistano privilegi economici, giuridici e fiscali.

5- Il progresso economico
Dopo l'anno 1000 ci fu un progresso economico:
• la cittа diventa: centro di produzione artigianale e di mercato, mercato per il contadino, polo dei commerci a media e lunga distanza.
• ci sono flussi commerciali: da Oriente (con Cina e India si commerciano spezie, pepe, metalli preziosi, gioielli, perle e sete) ad opera delle cittа marinare (Pisa, Venezia, Genova, Amalfi), con Europa (lana da Fiandre e Lombardia, ferro da Germania, metalli da Milano, carta da Fabriano)
• effetti della ricomparsa del mercato: ricostruzione e ampliamenti della rete stradale e fluviale; fiere: richiamano mercanti da tutta Europa, importantissime per l'economie del paese ospitante; riattivazione della circolazione monetaria
• nasce il banchiere: cambiavalute (cambia monete alle fiere per rendere possibili gli acquisti), lettere di credito (cambiali, prestito contro interesse), nascono le prime associazioni di mercanti.

6- La corruzione della chiesa
L'inserimento del X e XI sec di vescovi e abati nelle strutture politiche (vescovi-conti gestivano ricchi monasteri) aveva portato alla corruzione dei costumi ecclesiastici. Due erano i mali peggiori della chiesa: SIMONIA (vendita di cariche ecclesiastici) CONCUBINATO (convivevano con una donna).

7- Gli ordini del rinnovamento della chiesa
Tutto il popolo, che era superstizioso, e la parte sana della societа feudale ed ecclesiastica vedevano nella corruzione il diffondersi del male e avvertivano la necessitа di una moralizzazione dei costumi della chiesa, un radicale rinnovamento che la allontanasse dalle cose terrene per riavvicinarsi al compiti spirituali. Per questo motivo nascono e si diffondono tra ordini: Cluniacensi, Certosini e Cistercensi.

8- La lotta per le investiture
Enrico III di Franconia diede una spinta all'azione riformatrice della Chiesa eleggendo papi riformatori. Da quel momento la chiesa divenne il centro propursore della riforma. Giа Niccolт II aveva annullato il Privilegium Othonis, ma con Gregorio VII (il debrando di Soana) la lotta fra papato e impero si fece aperta. Nel 1075 Gregorio vietт che i Vescovi fossero investiti nelle loro cariche da parte di un re o dell'imperatore. Enrico IV convocт un concilio amico e fece deporre il papa. Il papa lo scomunicт. La scomunica non solo priva lo scomunicato dai sacramenti, ma nel caso del re, scioglie i sudditi all'obbligo di fedeltа al sovrano. Cosм i feudatari tedeschi si ribellarono a Enrico IV. L'astuto Enrico, allora, scese in Italia, a Canossa, dove Gregorio era ospite di Matilde di Canossa. Dopo averlo fatto attendere giorni in penitenza fuori dal castello, Gregorio gli revocт la scomunica. Enrico ritornт in Germania e ristabilм l'ordine. Successivamente si vendicт: scese in Italia e assediт Roma. A salvare il papa furono i romani che lo condussero a Salerno. La morte dei due protagonisti non fece cessare le lotte per le investiture, solo nel 1122 con il CONCORDATO DI WORMS si giunge ad una conclusione definitiva: i vescovi e gli abati sarebbero stati eletti secondo le norme canoniche, cioи dagli ecclesiastici, poi avrebbero ricevuto l'investitura temporale, solo che, mentre in Italia prima il vescovo era consacrato, poi riceveva l'investiture, in Germania accadeva il contrario

Esempio



  



Come usare