Asse diacronico sulle lotte politiche in Europa tra il 1500 e il 1660

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

1.5 (2)
Download:169
Data:18.02.2008
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
asse-diacronico-lotte-politiche-europa-1500-1660_1.zip (Dimensione: 7.17 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_asse-diacronico-sulle-lotte-politiche-in-europa-tra-il-1500-e-il-1660.doc     44.5 Kb



Testo

ASSE DIACRONICO SULLE LOTTE POLITICHE DELL’EUROPA DEL 500-600

1508 Carlo d’Asburgo, fanciullo eredita dal padre Filippo d’Asburgo i Paesi Bassi.
1516 Carlo eredita la Spagna e i territori americani dal nonno paterno Ferdinando d’Aragona.
1519 Carlo eredita il territorio austriaco dal nonno materno Massimiliano d’Asburgo. Viene eletto imperatore con il nome di Carlo V.
1520-22 Rivolta dei comuneros spagnoli contro la dominazione di Carlo V.
1521-26 Guerra tra imperiali (Carlo V) e francesi (Francesco I) per Milano e la Lombardia.
1525 Battaglia di Pavia in cui Carlo V sconfigge Francesco I e lo fa prigioniero.
1526 Francesco I viene costretto a firmare la Pace di Madrid in cui rinuncia ai domini italiani e alla Borgogna a favore di Carlo V.
1526 Battaglia di Mohacs tra il sultano Solimano II e Carlo V
1526-29 Guerra tra Carlo V e una coalizione (Lega di Cognac) formata da: re di Francia, il papa Clemente VII, Firenze, Venezia, Milano, Genova e Inghilterra.
1527 Sacco di Roma: occupazione di Roma da parte delle truppe imperiali, lanzichenecchi, che aizzavano il popolo contro il papa.
Seconda cacciata dei Medici da Firenze.
1529 I Turchi assediano Vienna
1530 Ritorno dei Medici a Firenze con il duca Alessandro.
Incoronazione di Carlo V ad imperatore e re d’Italia dal papa Clemente VII.
Lega di Samalcalda formata dagli stati tedeschi per fronteggiare Carlo V
1535 Controllo diretto di Carlo V su Milano.
1544 Francesco I viene sconfitto a Crèpy da Carlo V che priva così i principi tedeschi del loro alleato.
1547 Carlo V sconfigge i protestanti a Muhlberg.
1548 Dieta di Augusta in cui Carlo V propone un compromesso tra cattolici e protestanti ma nessuna delle parti accettò.
Viene anche bocciata la proposta dell’imperatore di riorganizzare l’impero.
1552 Ripresa del conflitto militare tra Carlo V e una coalizione formata dai principi tedeschi e il re di Francia Enrico II.
1555 Pace di Augusta in cui Carlo V riconosce il policentrismo e ad ogni stato di scegliere tra cattolicesimo e luteranesimo.
1556 Carlo V abdica in favore del figlio Filippo II (Spagna, Milano, Napoli, Paesi Bassi) e del fratello Ferdinando (Boemia, Ungheria e trono imperiale)
1557 Enrico II viene sconfitto a San Quintino (nord Francia) dalle truppe spagnole e imperiali.
1558 Morte di Carlo V
1559 Pace di Cateau-Cambrèsis tra la Francia, la Spagna e l’Impero.
Morte di Enrico II, conseguente crisi dinastica e poiché Francesco II e Carlo IX erano minorenni prede le redini la regina Caterina dè Medici.
1562 Inizio guerre civili e di religione in Francia.
1570 I turchi conquistano l’isola veneziana di Cipro e le flotte cattoliche non arrivano in tempo per difenderla.
1571 Battaglia di Lepanto tra la flotta cattolica e quella turca con la vittoria dei cattolici e la fine dell’espansione ottomana nel Mediterraneo occidentale.
1572 Uccisione dei capi Ugonotti convenuti a palazzo reale a Parigi.
1574-89 Regno di Enrico III figlio di Enrico II e Caterina dè Medici.
1589 Assassinio di Enrico III che conclude la guerra “dei tre Enrichi” tra ilo cattolico Enrico di Guisa e il calvinista Enrico di Borbone. Enrico III riconobbe morente come suo erede al trono Enrico IV di Borbone ma il papa dichiara nulla la successione.
Enrico IV di Borbone viene eletto re ma prima abiura al calvinismo e abbraccia il cattolicesimo.
1598 Enrico IV pubblica l’editto di Nantes in cui conferma il cattolicesimo come religione di stato ma permetteva ai protestanti di professare la loro fede in privato.
Trattato di Vervins con cui la Spagna rinuncia alla corona francese.
1604 Istituzione della paulette, tassa che permetteva di lasciare in eredità la carica politica. Nacque un ceto privilegiato, la noblesse de robe o nobiltà di toga.
1610 Uccisione di Enrico IV che ormai non era accettato né dagli ugonotti né dai cattolici.
1618 Inizio della guerra dei Trent’anni che vedeva in conflitto gli stati protestanti e le potenze asburgiche che erano impegnate in una restaurazione cattolica e egemonia continentale.
Defenestrazione di Praga in cui due membri cattolici vennero scaraventati dalla finestra del palazzo boemo.
1619 L’esercito d’Asburgo venne cacciato dalla Boemia e, deposto Ferdinando, venne eletto Federico V come re.
Gli stati cattolici si riunirono nella lega cattolica sotto la guida di Massimiliano di Bavera.
1620 Occupazione del basso palatinato da parte delle armate spagnole.
Sconfitta dall’esercito boemo-palatino nella battaglia della Montagna Bianca a vantaggio della lega cattolica e conversione forzata al cattolicesimo.
1629-35 Entrata in guerra della Svezia che subito sconfigge gli imperiali nelle battaglie di Breitenfeld e Lutzen, ma nel 1634 perde il dominio sulla Germania. Questa fase si concluse con la Pace di Praga.
1635 Ripresa della guerra tra gli Asburgo, che cercavano di imporre le potenze cattoliche, e i principi tedeschi a cui si aggiunse successivamente la Francia.
1643 L’esercito spagnolo viene battuto dai francesi comandati dal principe di Condè a Rocroi.
1648 Pace di Westfalda che provocò:
• un rafforzamento della Svezia sul Baltico;
• venne riconosciuta l’indipendenza alle province olandesi;
• la Francia consolidò il proprio confine orientale;
• diminuì la potenza spagnola in Europa;
• venne riconosciuta l’indipendenza alla confederazione svizzera;
• gli Asburgo consolidarono i propri domini e si rivolsero verso oriente.
1659 Pace dei Pirenei in cui Filippo IV (Spagna) dovette cedere alla Francia il territorio dei Pirenei e la potenza spagnola diminuì in Europa.

Esempio