lo scudo di talos

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano
Download:244
Data:06.02.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
scudo-talos_5.zip (Dimensione: 4.57 Kb)
trucheck.it_lo-scudo-di-talos.doc     24 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

L’autore: Valerio Massimo Manfredi

Titolo: Lo Scudo di Talos

Genere letterario: romanzo storico

Riassunto:

Kleidemos, figlio di Aristarchos, nasce con un piedino rattrappito. La legge di Sparta prevede che debba essere abbandonato sul monte Taigeto. Kleidemos però viene trovato da un vecchio pastore, che se ne occupa facendolo crescere tra gli Iloti. I due figli di Aristarchos iniziano due vite differenti: per Brithos si delinea una vita nobile, mentre per Talos (Kleidemos), così fu chiamato da Kritolaos, una vita da pastore. Più tardi, quando Brithos aggredisce Antinea, la contadina di cui Talos si è innamorato, i due ragazzi si scontrano senza sapere di essere fratelli; Brithos lo prenderà subito come suo scudiero nell’esercito. Sul campo di battaglia a Platea, Brithos muore gloriosamente svelandogli le sue vere origini. Kleidemos rimane turbato dalla verità e vuole subito conoscere la madre naturale, che morirà nelle sue braccia. Kleidemos, eroe forte e valoroso, partecipa a varie battaglie sotto al comando del re Pausania. In un clima rovente in cui si sospetta un tradimento a svantaggio dei Greci, Kleidemos continua a dare prova di coraggio e lealtà. A Sparta muore il re Pausania che si scopre essere il traditore. Kleidemos, convinto di essere destinato a ridare la libertà agli Iloti, organizza la difesa e finalmente la città d'Ithome viene ricostruita. Gli ateniesi rimangono impressionati dalla resistenza degli Iloti e appoggiano la loro rivendicazione di libertà. Ma proprio quando potrebbe raccogliere i risultati del suo valore Kleidemos scompare. Il suo più caro amico, Karas, si mette alla sua ricerca fino a che s’imbatte in un lupo che lo conduce vicino alla sua tana dove rinviene l'armatura e lo scudo dell'eroe.
Personaggi:

Talos / Kleidemos: Occhi e capelli neri, corporatura snella e slanciata nonostante la sua malformazione al piede. Kritolaos, che lo alleva col nome di Talos, lo definisce "mente pronta e cuore generoso". Antinea e Brithos lo elogiano per la sua generosità e il suo coraggio. Pausanias, che lo ha seguito in guerra, sottolinea la scarsa malleabilità del carattere e la predisposizione al comando. Kleidemos era il nome datogli dalla sua famiglia natale. Kritolaos: Appartiene al popolo degli Iloti. E' contraddistinto dalle canizie e dalle mani nodose. Secondo Talos è l'uomo più saggio del mondo. Vive sul monte ed è considerato il nonno di Talos, mentre la figlia è considerata la madre. Questa ha gli occhi grigi e la testa reclinata. Può essere considerata la personificazione della dedizione e dell'umiltà. Brithos: Viene descritto solo come un grande guerriero. Nella prima parte del testo tenta di uccidere Talos, ma qualcosa lo ferma. Solo in seguito scoprirà che Talos, al suo servizio in guerra, è suo fratello. Karas: E' l'amico migliore di Talos dopo la morte di Kritolaos. Di lui non si sa molto, solo che è un omaccione che pur di difendere il suo popolo subisce l'accecamento di un occhio. Antinea: E' l'unica donna amata da Talos. Nonostante abbia girato molto per seguire il suo padrone, non ha mai dimenticato Talos come lui non ha mai dimenticato lei. Ha occhi verdi e corpo snello. Rappresenta la giovinezza e l'amore.

Individua il ruolo- funzione dei personaggi:

Talos(personaggio principale) è il protagonista e tutto il romanzo si basa sulle sue vicende ed imprese. Brithos(personaggio principale) è il fratello di Talos. Questi durante la vicenda subisce una radicale trasformazione da antagonista ad aiutante-oggetto. Kritolaos(personaggio principale) è il contadino ilota che si prende cura di Talos dopo il suo abbandono. Svolge una funzione d’aiutante nei confronti di del protagonista perché lo alleva e lo educa. E’ anche il destinatore che propone al ragazzo uno scopo da raggiungere: la liberazione degli Iloti. Karas(personaggio secondario ed aiutante) è un ilota che aiuta Talos dopo la morte del padre adottivo. Antinea(personaggio secondario) è la giovane contadina ilota della quale Talos si innamora. Ha la funzione d’aiutante nei confronti di Talos, ma si trasforma in oggetto che giustifica determinati comportamenti di Talos. Laghal(personaggio secondario) è un giovane servo che vive a Creta. Egli è un altro aiutante di Talos. Aristarchos( personaggio secondario) è il padre di Talos e rappresenta la nobiltà spartana, mette le leggi della polis davanti all’amore del proprio figlio. Nella battaglia delle Termopili si rivela comunque valoroso e coraggioso. Pausanias(Personaggio secondario) è il re spartano che si rivela traditore dei suoi concittadini. E’ lui che fa conoscere a Talos le sue vere origini. Philippides(comparsa) è un atleta Ateniese che porta a Sparta la notizia dell’invasione dei Persiani. Aghias(comparsa) è l’amico di Brithos che si è tolto la vita dopo essere sopravvissuto alla battaglia di Platea. Come Brithos fu accusato di codardia e non riuscì a reggere le accuse.

Esempio



  



Come usare