La descrizione fisica dei personaggi de"I promessi sposi"

Materie:Tema
Categoria:Italiano

Voto:

1 (3)
Download:4033
Data:07.11.2005
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
descrizione-fisica-personaggi-de-promessi-sposi_1.zip (Dimensione: 3.99 Kb)
trucheck.it_la-descrizione-fisica-dei-personaggi-de-i-promessi-sposi-.doc     22 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

La descrizione fisica dei personaggi viene utilizzato dal Manzoni per presentare le sue caratteristiche psicologiche: analizza degli esempi

Come sappiamo, i personaggi de “I promessi sposi” sono presentati assai spesso indirettamente, attraverso la descrizione del paesaggio, della casa e dell’aspetto fisico.
Utilizzando le descrizioni, infatti, Manzoni delinea l’animo e la parte interiore del personaggio che introdurrà nella storia.
La descrizione dell’aspetto fisico, è presente gia nel primo capitolo quando Don Abbondio incontra i due bravi: con questa descrizione, Manzoni mostra l’arroganza e la violenza dei potenti, che si rispecchia sui bravi, manifestandosi nel provocatorio sfarzo del vestire (gran nappa) e nell’esibizione delle armi (due pistole, uno spadone, un manico di coltellaccio).
Proseguendo nella storia, si incontra la descrizione fisica della giovane Lucia; questa è presente alla fine del capitolo secondo quando Renzo giunge da lei per spiegare la storia raccontatagli in precedenza da don Abbondio.
Con una forte aggettivazione di contrasto (gioia temperata, placido accorramento, turbamento leggero, modestia bellezza) dovuta all’utilizzo di un aggettivo davanti ad un sostantivo di significato opposto, Manzoni spiega psicologicamente l’aspetto di Lucia: il suo carattere si dimostrerà, infatti, equilibrato poiché è in grado di alternare aspetti diversi del suo carattere in base alle situazioni.
Nella descrizione sono presenti numerose volte l’aggettivo numerale due (due pianelle, due calze vermiglie, due bottoni alternati) e la figura del cerchio (aureola, bottoni d’oro, capelli circolari, le amiche le facevano cerchio) che come l’aggettivazione di contrasto, danno un forte senso di equilibrio alla figura di Lucia poiché hanno una connotazione di armonia, di parità e di perfezione.
Un ultimo elemento presente nella descrizione di Lucia è l’aureola, densa di un significato religioso e di santità. Manzoni fa intuire che Lucia è un personaggio molto devoto ne “I promessi sposi”.
Nel capitolo seguente si trova la corta descrizione dell’aspetto fisico di Azzecca-Garbugli che viene caratterizzato dal “naso rosso” e “dalla voglia di lampone sulla guancia”.
Questi due elementi ci fanno intuire che Azzecca-Garbugli è un uomo che lavora e guadagna non per suo interesse personale ma unicamente per mangiare e bere.
La “voglia di lampone” esplica la sua bramosia verso cibi prelibati e costosi.
Nel capitolo quattro è presente la descrizione di padre Cristoforo (come due cavalli bizzarri, condotti a mano da un cocchiere): ancora una volta il suo aspetto fisico contribuisce ad anticiparne la conoscenza del carattere: gli occhi, simili a due cavalli tenuti a freno, denunciano il coesistere in lui di due personalità: la parte generosa pronta al sacrificio e quella che ha conquistato con la sua grande volontà, con la penitenza e con l’esercizio dell’umiltà.
Il suo carattere, ben diverso da quello di Don Abbondio, è animato da una capacità di sacrificio per cui ben merita la fiducia di Lucia.
Il personaggio che si incontra per la prima volta nel capitolo cinque è Don Rodrigo che viene introdotto dal Manzoni con una accurata descrizione paesaggistica della sua cittadella: un villaggio popolato da figure volgari composto da case che trasudano violenza e preparano la cornice in cui inquadrare il carattere di Don Rodrigo.
Non viene descritto invece fisicamente eccetto che nel volto “da far morire in bocca a chi si sia una preghiera”.
La particolare espressione del volto di Don Rodrigo riflette infatti la malvagità del suo animo.
Un ultimo personaggio che come Don Rodrigo non viene quasi descritto fisicamente è Don Abbondio. Dico quasi perché nel secondo capitolo si nota il colore dei suoi occhi grigi, colore con una forte connotazione di neutralità. Questa caratteristica che può sembrare minima ancora una volta rispecchia perfettamente gli aspetti morali del personaggio perché come sappiamo Don Abbondio è un curato che per sopravvivere e per non crearsi problemi evita sempre di prendere posizioni difficili.

Esempio



  


  1. boss

    descrizione fisica di renzo, lucia, padre cristoforo ecc.

  2. ludovica

    una descrizione dettagliata di don abbondio

  3. natasha

    una descrizione dettagliata di renzo e lucia


Come usare