Appunti di greco

Materie:Appunti
Categoria:Greco
Download:229
Data:27.01.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
appunti-greco_1.zip (Dimensione: 5.38 Kb)
trucheck.it_appunti-di-greco.doc     27.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

1. Apostrofo
L’apostrofo è il segno dell’elisione, cioè quando una vocale breve in finale di parola cade davanti ad una vocale o davanti ad un dittongo iniziali di parola seguente. Quando le occlusive* sorde per effetto dell’elisione vengono a contatto con vocale o dittongo iniziali di parola con spirito aspro, si trasformano nelle aspirate corrispondenti. Ci sono parole che non sono suscettibili dall’elisione:
• ••eeeefinali di monosillabi;
• • finale di , ,,,,,, ,,,,, ,,,, ,,,
• • finale di parola.
2. Vocali
• Forti (aspre): FFFFFFFFF
• Deboli (dolci): DDD
3. Dittonghi
• Propri (brevi): PPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP
• Impropri (lunghi): IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
Nei dittonghi NNNNNNNNNNNla pronuncia della l si è nel tempo affievolita fino a scomparire e dall’età bizantina, nelle minuscole si sottoscrive, mentre nelle maiuscole si ascrive.
Consonanti
Si dividono in due gruppi, in base alla durata dell’articolazione: occlusive e non occlusive.
*
Sorde
Sonore
Aspirate
Gutturali
Labiali
φ
Dentali
Esistono poi delle consonanti doppie: EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
4. Accento
• Legge del trisillabismo: l’accento non può risalire oltre la terzultima sillaba ed regolato dalla quantità dell’ultima.
• Legge del trocheo finale: quando una parola termina con una sillaba lunga seguita da una breve, l’accento è ~.
5. Proclisi ed Enclisi
• Proclitiche: PPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP
• Enclitiche: EEEEEEφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφφ
• Le enclitiche influenzano la sede dell’accento:
• Parola ossitona o perispomena + enclitica ⇒ accento rimane inalterato
• Parola proparossitona o properispomena + enclitica ⇒ accento acuto sull’ultima sillaba della parola
• Parola parossitona + enclitica monosillabica ⇒ accento rimane inalterato;
+ enclitica bisillabica ⇒ l’enclitica assume un accento sull’ultima sillaba.
6. Flessione del nome
Casi:
• Nominativo: soggetto
• Genitivo: complemento di specificazione
• Dativo: complemento di termine
• Accusativo: complemento oggetto
• Vocativo: complemento di vocazione
7. Gli elementi costitutivi del nome
• Radicale: gruppo di suoni che sta alla base di una famiglia;
• Tema: parte variabile che si forma con l’aggiunta di suffissi o prefissi al radicale;
• Desinenza: elemento che si aggiunge al tema per segnalare genere, numero e funzione logica.
8. Articoli
9. Verbi
• 2 coniugazioni: verbi in -ω e in -2222
• 3 diatesi: attiva, passiva, medio-passiva
• sette tempi: 4 principali (presente, futuro, perfetto, futuro perfetto)
3 storici (imperfetto, aoristo, + che perfetto).
• Tema: parte che rimane immutata in tutta la coniugazione;
• Vocale tematica: vocale che si inserisce tra il tema e la desinenza personale;
• Desinenza personale: primarie e secondarie, che a loro volta si dividono in attive e medio-passive.

Esempio