Il ritratto di Dorian Gray

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale
Download:1704
Data:04.01.2001
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
ritratto-dorian-gray_5.zip (Dimensione: 7.15 Kb)
trucheck.it_il-ritratto-di-dorian-gray.doc     28.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

IL RITRATTO DI DORIAN GRAY
di Oscar Wilde

ORIENTARSI SU UN TESTO

A) Nota biografica e bibliografica
Wilde Oscar Fingall O’Flahertie Wills (Dublino 1854, Parigi 1900), scrittore irlandese, nato e cresciuto a Dublino in un ambiente colto e spregiudicato, studiò a Oxford dove ebbe come maestri J.Ruskin e W. Pater. Il suo ingegno brillante e le sue pose eccentriche lo imposero rapidamente nei circoli artistici e nei salotti mondani inglesi e francesi. Alternò come residenza Parigi e Londra, con frequenti viaggi in Italia, Grecia e Nord-Africa. Nel 1882 si recò negli Stati Uniti per un ciclo di conferenze. Nel 1884 sposò Costance Lloyd, da cui ebbe due figli, ma ben presto il matrimonio naufragò e la sua amicizia con lord Alfred Douglas gli mise contro tutta l'aristocrazia e la classe dirigente di cui Wilde era stato fino a poco prima l’idolo. In un processo che suscitò enorme scalpore, Wilde fu condannato per omossesualità a due anni di lavori forzati (1895). Scontata la pena, in miseria e abbandonato da tutti, si rifugiò in Francia dove morì tre anni dopo per le conseguenze di un inferione luetica contratta in gioventù e per abuso di alcolici.
Le sue opere principali sono: Il principe felice, La casa di melograni, Una donna senza importanza, Il ventaglio di Lady Windermere, L'importanza di chiamarsi Ernesto, Un momento ideale, Deprofundis, Il ritratto di Dorian Gray.

B) Titolo dell’opera; anno e luogo della prima pubblicazione
Il romanzo “Il ritratto di Dorian Gray” è stato scritto nel 1890 e pubblicato per la prima volta nello stesso anno sul giornale americano “Lippincott’s Monthly Magazine”.

C) Genere letterario
Il romanzo appartiene alla corrente artistica dell'estetismo: in questa epoca si dà molta importanza all'aspetto estetico e alla bellezza. All'inizio del libro infatti troviamo degli aforismi che parlano e commentano l'arte e l'artista.

ANALISI DEL TESTO

A) I personaggi

DORIAN GRAY → è straordinariamente bello, con le labbra scarlatte dal contorno fine, i limpidi occhi azzurri, i capelli biondi inanellati. Nel suo viso c’è qualche cosa che ispira un’immediata simpatia, c’è il candore della giovinezza e della giovinezza ha anche l’appassionata purezza.

LORD HENRY WOTTON → con le sue sottili e velenose teorie, ha acceso in Dorian la passione delle cose impossibili e che lo avrebbero portato alla rovina. È un giovane alto ed elegante; il suo viso è romantico, olivastro dall’espressione stanca, c’è qualche cosa di affascinante nella sua voce tonale, languida; anche le sue mani fresche, bianche hanno uno strano incanto: quando parla ondeggiano come una musica.
Ha un carattere molto mutevole e non manca mai di esprimere le sue idee pessimistiche e velenose che hanno influenzato negativamente Dorian Gray.

BASIL HALLWARD → è un magnifico pittore, forse un po’ ottuso, ma romantico. È rimasto affascinato dalla bellezza di Dorian e si è affezionato moltissimo a lui. È stato lui a dipingere il quadro che poi sarebbe mutato.

SYBIL VANE → è la ragazza di cui s’innamora Dorian Gray. Una giovane di neppure diciassette anni timida e gentile, un viso simile a un fiore, una piccola testa greca, fasciata di capelli neri e lisci; occhi appassionati, labbra come petali di rosa. Vive con sua madre, una donna stanca e appassita.

B) L’ambiente
La storia si svolge a Londra in ambienti diversi, quali la casa di Basil Hallward, la casa di Dorian Gray, il teatro dove recitava la sua sfortunata fidanzata, i grandi saloni delle case in cui si svolgevano le feste di personaggi illustri ed altri luoghi meno importanti.
Non ci sono date che indicano il periodo esatto in cui si svolgono i fatti narrati; si può però intuire che la storia è ambientata nel periodo in cui visse lo scrittore, ossia la seconda metà dell'Ottocento.
La classe sociale è quella nobiliare e lo si può capire dalle continue feste organizzate da personaggi importanti, dalla presenza in casa di uno o più maggiordomi e dai titoli nobiliari che ogni persona possiede.

C) Analisi del punto di vista della narrazione
Sia il narratore che il punto di vista sono esterni, in quanto il narratore non commenta la storia, ma si limita a raccontare i fatti.

D) Analisi della narrazione
In questo libro sono presenti molte descrizioni dettagliate, sia dei personaggi sia degli ambienti che al contrario sembrano suggeriti, non ci sono flash-back e il dialogo tra i personaggi è reso per lo più con il discorso diretto

E) La trama
La storia si svolge a Londra alla fine dell’Ottocento. In un laboratorio artistico un bellissimo giovane di nome Dorian Gray posa per un ritratto eseguito dall’amico pittore Basil Hallward.
Una volta terminato questo quadro, nel quale il pittore esprime tutta la bellezza del soggetto, Dorian si rammarica per il fatto che la propria bellezza sia destinata ad essere distrutta dal tempo, mentre quella del suo ritratto resterà inalterata. Nel momento in cui osserva il quadro però si immagina che possa succedere il contrario: questo suo desiderio si avvera e nonostante passino gli anni Dorian rimane sempre giovane e bello e il quadro invecchia al suo posto. Il ritratto infatti rispecchia la sua vera identità. Egli può divertirsi e mentire a se stesso, ma nel quadro si riflette tutta la malignità di Dorian. Per questo copre il ritratto con un drappo e lo rinchiude in una stanza segreta.
Frattanto Gray incontra e s’innamora di Sybil Vane, una giovane e bella attrice, che dopo poco tempo, presa dalla tristezza a causa di una discussione con il fidanzato, si uccide. Il fratello della ragazza saputa la notizia va alla ricerca di Dorian per ucciderlo, ma trovandolo dopo 23 anni ancora giovane come una volta, si meraviglia e non termina la sua missione.
Dorian, però, ha ancora il male dentro di se e uccide il pittore Basil che gli rimprovera la sua condotta dopo aver visto il quadro.
Il ritratto ormai è sempre più vecchio e brutto dimostrando il male che si cela sotto il vero uomo. Il protagonista allora si accorge che ormai in lui il male ha preso il sopravvento, tanto da non riuscire più ad essere buono. Decide quindi di mettere fine a tutta la faccenda: prende un coltello e pugnala la tela. Senza saperlo aveva colpito se stesso.
I servi di Dorian Gray sentendo un urlo accorrono nella stanza. Sul muro trovano appeso uno splendido ritratto del loro padrone in tutta la sua giovinezza e bellezza; per terra, invece, giaceva un vecchio dal viso raggrinzito e ripugnante con un coltello piantato nel cuore. Solo esaminando gli anelli riescono a riconoscerlo.

RICERCA DEI SIGNIFICATI SECONDARI

L’autore vuol dimostrare con questo libro che la vita ci corrompe e ci guasta, per il solo fatto di viverla e che non si può sfuggire dai ricordi che invece ci divorano.
Il libro ci vuole inoltre dire che in ognuno di noi c'è una parte buona e una cattiva e queste due parti sono regolate da una coscienza. Nel racconto il protagonista non ha dato retta alla sua coscienza e ha fatto come voleva. Alle sue azioni si sono collegate conseguenze: se noi facciamo una scelta, dobbiamo sapere che ad essa è legata una conseguenza; se la scelta è negativa anche la conseguenza sarà negativa.

COMMENTO PERSONALE

Per me il libro è stato molto bello perché è avvincente in tutte le sue parti, la vicenda è narrata in modo semplice con periodi brevi, ma soprattutto perché ci sono numerosi colpi di scena e il finale è inaspettato e sorprendente.

Esempio



  



Come usare