Diario di Zlata

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale
Download:337
Data:02.03.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
diario-zlata_1.zip (Dimensione: 3.31 Kb)
trucheck.it_diario-di-zlata.doc     20.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

Bernardis Martina 4 A Liceo

SCHEDA LIBRO DEL DIARIO DI ZLATA
Di Zlata Filipovic

Titolo: Il diario di Zlata
Autore: Zlata Filipovic
Editore: Superbur
Anno di pubblicazione: 1995

BREVE SINTESI:

Il libro è il diario di una ragazza che ha vissuto in prima persona un dramma contemporaneo.
La guerra in Jugoslavia è vista attraverso gli occhi di una bambina, che a 11 anni si vede spezzare e strappare l'adolescenza a causa di una lunga e sanguinosa guerra. Zlata, come Anna Frank, trova nel diario un'amica nel quale racconta e confida tutti i suoi segreti, le proprie idee, i suoi pensieri, le sue impressioni e le sue sensazioni. Le ha dato un nome, Mimmy, cercando così di farla il più reale possibile, come fosse un'amica vera a cui scrivere quello che vuole. Questa guerra ha allontanato Zlata da parenti, e amici. Zlata con gran tristezza e dispiacere ha dovuto abituarsi al coprifuoco, rifugiandosi in fretta in seminterrati bui e freddi, alla mancanza di cibo ma soprattutto di luce elettrica, acqua e gas, alla perdita di amici e parenti molti dei quali sono scappati da Sarajevo (città di Zlata) ma altri sono morti.
Un interrogativo che Zlata non riesce a risolvere è: "Io amavo la mia infanzia e ora una terribile guerra mi sta portando via tutto. Perché? " A quest’interrogativo è impossibile per degli adolescenti trovare una risposta: neanch’io riesco a capire il perché. Il messaggio che Zlata vuole trasmettere attraverso questo libro è come dice lei stessa. "Il messaggio che voglio comunicare a tutti è uno solo: PACE ". Leggendo questo libro, si apprezzano le cose semplici, di tutti i giorni, e soprattutto noi adolescenti possiamo capire quanto sia importante lavorare per garantire la PACE nel MONDO.

Citazioni indicative:

(…) Mi chiedo in continuazione: perché? Noi non abbiamo fatto niente. Siamo innocenti, ma impotenti!

Esempio



  



Come usare