Idealismo ed Hegel

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2.5 (2)
Download:264
Data:22.12.2006
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
idealismo-hegel_4.zip (Dimensione: 10.16 Kb)
trucheck.it_idealismo-ed-hegel.doc     46.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

L’IDEALISMO
I 3 esponenti di questa corrente filosofica sono tutti + o – contemporanei; I fondatori dell’idealismo sono FICHTE,che ne scrisse la prima opera fondamentale, e SHELLING, ce scrisse la seconda opera;
il massimo rappresentante è però HEGEL con la “fenomenologia dello spirito” del 1807.
L’idealismo ha diversi significati:
significato COMUNE (colui che ha grandi idee attratto da grandi valori)
significato GENERALE[PLATONE E FILOSOFI CRISTIANI] (privilegia la dimensione
ideale rispetto a quella
materiale)
significato GNOSEOLOGICO ( il pensiero è costituito da rappresentazioni)
significato ASSOLUTO (il finito è manifestazione dell’infinito: lo spirito è l’unica realtà)
l’IDEALISMO vuole cercare di trovare un’unità tra soggetto e oggetto.
Panteismo spiritualistico: Dio è dappertutto in quanto attività creatrice libera(=spirito)
Monismo dialettico: lo spirito si manifesta nel suo opposto: finito e infinito sono l’uno
manifestazione dell’altro.
DIALETTICA
Per SOCRATE : è il DIALOGO
Per PLATONE: è la FILOSOFIA
Per KANT: è la LOGICA DELLA PARVENZA(tentativo della ragione di spiegare ciò ke va
oltre l’esperienza)
Per HEGEL: è la LEGGE KE REGOLA IL DIVENIRE, date 2 opposiz trova una mediazione
Hegel distingue 2 FACOLTà
INTELLETTO (facoltà del FINITO) RAGIONE(facoltà dell’INFINITO)
Modo di pensare statico e astratto modo di pensare dinamico e concreto
Gli opposti esistono solo grazie a se stessi coglie l’unità degli opposti (ha la
priorità sull’intelletto
in Hegel torna ERACLITO: cogliere l’unità non implica eliminare gli opposti, in quanto la vita sta nel divenire di questi opposti
se non ci fosse lotta tra gli opposti non ci sarebbe divenire
La dialettica per Hegel è chiusa e CICLICA:
TESI ANTITESI SINTESI
idea in sè idea fuori di sè idea ritorna in sè
affermazione negazione ri-affermazione
astratto-intellettuale negativo-razionale positivo-razionale

ogni affermazione ha la sua negazione: negazione della negazione
x spiegare km una ks è devo dire ks nn è AUFHEBUNG
abolisce e nello stesso
tempo conserva tesi,
antitesi e la loro lotta
CRITICHE A:
ILLUMINISTI⇒ si limitano all’indagine del finito escludendo l’infinito
ROMANTICI ⇒ colgono sì l’assoluto ma a livello di sentimento non concettuale come lui
STOICISMO ⇒ ((l’uomo libero è il SAGGIO xkè riesce a prendere le distanze dalla realtà
circostante)) => x H. al libertà dello stoico è astratta in quanto rimane
nell’ambito del pensiero
SCETTICISMO⇒ ((non c’è un'unica verità)) => x H. anche il fatto di dire che non c’è
nessuna verità è comunque anche questo
una verità
COSCIENZA INFELICE
X H. è la manifestazione dell’infelicità ebraica e cristiana;
la coscienza infelice ha 3 momenti:
1. DEVOZIONE: colui che rispetta le pratiche e i dogmi religiosi
2. FARE E OPERARE: fare qualcosa x gli altri
3. MORTIFICAZIONE DI Sé: negazione assoluta di se stessi, x l’incontro con Dio che
però è impossibile in quanto non avverrà mai
FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO
È il discorso su ciò che si manifesta.La verità sta nel soggetto che pensa l’oggetto.
CERTEZZA SENSIBILE (vedo un oggetto ke mi si
oppone: dice solo ke c’è
qlcs fuori di me)
CONOSCIENZA PERCEZIONE ( rappresentazione e definizione del
(rapporto ke l’uomo l’oggetto alla coscienza)
istituisce cn l’oggetto)

INTELLETTO (coglie quest’oggetto come una forza che
agisce secondo una legge determinata)

SERVO-SIGNORE(dipendenza e indipendenza dall’auto-
coscienza)
inizialmente si pensava ke il servo fosse dipendente e il signore fosse
indipendente poi in base al lavoro il servo è indipendente xkè sa fare le
cose, al contrario del signore che dipende dal servo
AUTOCOSCIENZA STOICISMO, SCETTICISMO e COSCIENZA INFELICE (rapporto del soggetto (liberazione dell’autocoscienza)
con altri soggetti)
RAGIONE OSSERVATA
RAGIONE AUTOCOSCIENZA RAZIONALE MEDIANTE SE STESSA
(rapporto con gli
altri e con le cose;
unisce coscienza e
consapevolezza) INDIVIDUALITà IN Sè E PER Sé (l’individualità pur potendo
raggiungere la propria realizzazione rimane astratta)
la RAGIONE si rappresenta cn la realtà, infatti x H. RAGIONE e REALTà sono una sola identità;
la FILOSOFIA DEVE⇒ prendere atto della realtà e delle strutture razionali che la
costituiscono, ha una funzione giustificatrice
LOGICA E FILOSOFIA DELLO SPIRITO
La LOGICA è la scienza dell’idea pura, ha come oggetto la struttura della realtà, cioè lo spirito in sé.
La logica si divide in 3 sezioni
1. ESSERE
2. ESSENZA
3. CONCETTO(sintesi di essere e essenza)
Nel concetto c’è l’IDEA, ovvero la struttura del pensiero, questa si fa altro da sé e diventa NATURA.
X Hegel però la NATURA non ha valore, è solo il momento in cui l’idea si manifesta;
x Hegel infatti l’unica vera realtà importante è lo SPIRITO.
Lo SPIRITO è:
◙ SOGGETTIVO: lo spirito ke si rivolge a sé stesso, è
- antropologia (ha km oggetto l’anima)
- fenomenologia( ha km oggetto la ragione)
- psicologia ( ha km oggetto lo spirito)
◙ OGGETTIVO: si rivolge agli altri, è dato dalle ISTITUZIONI; è dato da 3 momenti:
- diritto astratto => il 1°diritto è la proprietà, qsta implica il fatto che ci siano dei contratti e,
(tesi) dato che ci sarà cmq sempre qualcuno che non li rispetta, c’è una pena.
Questa x avere seso deve essere interiorizzata dal colpevole con la
- moralità => volontà soggettiva che nasce da un proposito e riguarda il singolo individuo
(antitesi)
- eticità => bene realizzato intenzionalmente; è la moralità ke si fa sociale e riguarda la
(sintesi) società
Le ISTITUZIONI nelle quali si manifesta lo spirito sono:
1. famiglia : unità spirituale fondata su amore e fiducia; si articola in matrimonio,
patrimonio e educazione dei figli
2. società civile : nodo dei rapporti sociali, economici e giuridico-amministrativi
3. stato : è come una grande famiglia, rappresenta il bene comune.
x H. il singolo individuo non ha importanza, infatti prima ci deve essere il bene
dello stato poi quello dell’individuo; egli difende la monarchia costituzionale
(poco potere ai ceti) e il re è la figura nella quale si concentrano i poteri dello
stato,considera infatti lo stato di Federico II lo stato migliore ke ci possa essere;
è contro il LIBERALISMO in quanto questo difende l’interesse solo di alcune
persone e quindi non fa il bene x lo stato.
◙ ASSOLUTO : è il momento in cui lo spirito ha piena coscienza di sé, avviene attraverso ARTE, RELIGIONE e FILOSOFIA.
ARTE = grado + basso: l’INTUIZISCE l’assoluto tramite l’unita fra reale e razionale.
Manifesta l’assoluto in forma sensibile, cioè resta legato alla natura
((qsto è il limite dell’arte x H.)
RELIGIONE = grado intermedio:RAPPRESENTA l’assoluto servendosi d raccont(Bibbia..) ke
mettono insieme una serie di eventi x rappresentare la realtà;
FILOSOFIA = grado + alto: COGLIE la realtà e la verità nella totalità dello svolgimento del
concetto. Spiega il divenire della verità, rapportandosi ad essa
tramite i concetti.
STORIA DELLA FILOSOFIA : è la filosofia stessa che, cercando la verità, dice ke questa si
manifesta attraverso momenti necessari, ovvero i pensieri dei
vari filosofi.
FILOSOFIA DELLA STORIA : leggere tutta la storia dall’antichità ad oggi vedendo lo
spirito concretizzarsi negli eventi. Lo STATO è la massima
concretizzazione dello spirito nella storia. Il fine di questa è
la realizzazione della libertà dello stato.
DIFFERENZE KANT/ HEGEL
KANT HEGEL
DIALETTICA: è una logica della parvenza processo logico-ontologico secondo un
(cosmologia, teologia e psicologia) processo triadico(tesi, antitesi,sintesi)
INTELLETTO: compito specifico: formulare compito specifico: separare e
giudizi distinguere gli opposti
RAGIONE: facoltà ke ci à la conoscenza dei compito specifico:negare le rigide fissità
principi a priori (idee di anima, delle determinazioni dell’intelletto
mondo e Dio)

Esempio



  



Come usare