I modelli di organizzazione

Materie:Appunti
Categoria:Economia Turistica

Voto:

1.5 (2)
Download:121
Data:14.05.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
modelli-organizzazione_1.zip (Dimensione: 5.33 Kb)
trucheck.it_i-modelli-di-organizzazione.doc     37.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

I MODELLI DI ORGANIZZAZIONE

Il modello gerarchico
Il modello gerarchico è il tipo di struttura organizzativa più antico. Le caratteristiche fondamentali sono i rapporti di comando-subordinazione fra il capo (dirigente) e il lavoratore dipendente.

PUNTI DI FORZA
SVANTAGGI
• Precisa definizione dei compiti e delle responsabilità di ogni elemento dell’organizzazione.
• Notevole facilità nel mantenimento della disciplina
• Rapidità nell’assunzione delle decisioni
• Precisione nella trasmissione degli ordini, assicurata dalla “unicità di comando”
• Poca professionalità del dirigente
• La rigidità della struttura organizzativa
• La burocratizzazione
• Ostacoli in caso di assenza o di sostituzione dei dirigenti responsabili di settori particolarmente importanti
Il modello misto
Nel modello misto troviamo:
• Gli organi di line: lavoratori dell’impresa che assumono decisioni e che sono collegati tra loro da rapporti gerarchici;
• Gli organi di staff: persone esperte che svolgono funzioni di consulenza, servizio e assistenza, affiancando gli organi di line;

PUNTI DI FORZA
SVANTAGGI
• Combinazione delle conoscenze specialistiche degli organi di staff con gli organi di line
• Rapporti difficili fra i due tipi di organi
Il modello funzionale
Il modello funzionale consiste nel distribuire il lavoro in base alle funzioni, cioè in base alla specializzazione delle singole persone ( per es: l’esperto di biglietteria a capo del reparto biglietteria..)

PUNTI DI FORZA
SVANTAGGI
• Accentuata “specializzazione” delle competenze
• Migliore utilizzazione dei responsabili delle varie funzioni
• Rapidità e consapevolezza nell’assunzione delle decisioni
• Qualche allentamento nella disciplina
• Possibilità di conflitti di competenza
Il modello divisionale
Il modello decisionale si basa sulla ripartizione delle responsabilità tra persone che si occupano di un particolare prodotto o di una parte del territorio

PUNTI DI FORZA
SVANTAGGI
• È più elastica
• Consente un maggior controllo organizzativo poiché ogni divisione è considerata un centro di profitto
• Un elemento critico è la possibilità dell’accentuarsi di contrasti tra i responsabili delle divisioni

Esempio



  



Come usare