Il lavoro precario

Materie:Tema
Categoria:Diritto

Voto:

1.5 (2)
Download:251
Data:17.05.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
lavoro-precario_1.zip (Dimensione: 4.67 Kb)
trucheck.it_il-lavoro-precario.doc     28.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

RELAZIONE: LAVORO PRECARIO
Molta gente si domanda perché i giovani di oggi, la generazione moderna cambino frequentemente il tipo di scuola o facoltà, di preferire un lavoro precario a uno fisso. Secondo il mio punto di vista bisogna prendere caso per caso, senza generalizzare; da dire, anche, che ciò non sempre, come comunemente si fa, potrebbe essere un fatto negativo, infatti, uno esplorando i vari fronti, sia nella scuola sia nel lavoro, trova ciò che più gli piace, svolgendo con più piacevolmente lo studio o la scuola. Gli “adulti” dicono che trovano questi comportamenti assurdi e infantili, ma questi, secondo la mia concezione, sono spiegati dal fatto che un tempo non c’erano tante alternative di studio o di lavoro come ci sono oggi, ed è ovvio che una persona che studia o lavora si trova disorientata dalle tante strade che conducano al suo futuro e uno prima di poter scegliere vuole esplorarle tutte. Non mi ritrovo, poi, almeno con quanto io stesso abbia potuto toccare con mano di giovani che preferiscano lavori precari a lavori fissi, o di lunghi viaggi al posto della carriera. Penso che nessuno rifiuti un posto sicuro a uno instabile, tuttavia, quando una persona ne analizza un’altra tiene conto solo degli aspetti superficiali, aspetti che sorreggono la propria tesi, spesso basata sui pregiudizi, o di casi sporadici. Per fare un esempio una persona che perde il lavoro, sottolineando anche spesso che non è colpa della persona stessa ma della disoccupazione che sta investendo il paese in questo momento e della totale indifferenza da parte del datore di lavoro sui diritti del lavoratore che adoperando su un fantomatico taglio alle spese non importa se vieni cassaintegrato e se hai un affitto da pagare; cosa può fare allora un giovane operaio contro una montagna che prende il quintuplo del suo stipendio? Chiaro che se colui che dice che i giovani non protestano se vengono licenziati se prende esempio dalle fabbriche o dalle grandi aziende dove chiunque che stia facendo gavetta, e di giovani in carriera sotto i trent’anni ce ne sono ben pochi, come possono fare a spuntarla contro un’ altra persona ben più potente: perché protestare? Ormai quando vieni licenziato c’è subito qualcun altro pronto a sostituirti e cosa puoi dire al tuo datore di lavoro per far valere i tuoi diritti? Al massimo puoi solamente sfogarti con qualche insulto. D’ altra parte non si possono prendere esempio dalle piccole aziende dove praticamente tutti i posti di lavoro sono occupati e coloro che gli occupano se lo tengono ben stretto. io, leggendo le definizioni che qualche superficiale ha dato della cosiddetta generazione moderna facendola passare come apatica, assurda, irrazionale, irresponsabile, “senza voglia di crescere e di responsabilizzarsi”, essendo incluso in questa malvagia generazione di sfaticati non mi riconosco e non ci riconosco i miei coetanei e coloro che ne fanno parte, ma, tutto sommato, non posso dargli completamente torto, perché una parte di questa generazione è costituita, come quelle che la hanno preceduta dai cosiddetti “figli di papà”, quelle persone sì, apatiche e senza voglia di crescere, a cui tutto è dovuto. Tuttavia sono convinto che questi discorsi e questo giudicare quelli più giovani siano parole ripetute e ripetute e probabilmente questa generazione tra 40 anni si troverà a criticare dall’alto la nuova generazione e così via. Questo a mio parere perché i tempi cambiano e i critici, nostalgici, vogliono guidare la nuova generazione venuta con i consigli criticando e giudicando senza tenere conto appunto del cambiamento dei tempi e l’unità di misura non è più la stessa. Un’ altra critica che mi è capitata di sentire è che i giovani d’oggi sono privi di ideali; ma il problema non è in noi ma è in tutto il resto che non offre ideali e il che è degenerativo, infatti, se si ricordano gli anni settanta - ottanta, ci sono stati quei famosi scontri tra i giovani schierati alcuni a destra e altri a sinistra con risultati devastanti, e tanti morti, probabilmente, basandomi su notizie lette perché non ero presente, avvenuti appunto per scarsità di ideali creando un bisogno di schierarsi da una parte. Quindi, questi problemi sono sempre gli stessi che si ripetono generazione in generazione. Tuttavia, essendo anche problemi che si ripetono ci sono sempre giudizi in agguato dalle persone “più anziane” che criticano senza tenere conto che tutti gli esseri umani sono uguali e quindi se la nuova generazione è cosi tanto malvagia la colpa non è nostra ma del mondo corrotto che ci hanno lasciato, che come tutte le altre cose i risultati non si vedono subito ma progredendo con gli anni.

Esempio



  



Come usare