CINESIOLOGIA

Materie:Appunti
Categoria:Biologia
Download:154
Data:12.10.2005
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
cinesiologia_1.zip (Dimensione: 6.25 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_cinesiologia.doc     39 Kb



Testo

La cinesiologia
I muscoli del collo si dividono in: muscoli della regione laterale e muscoli della regione posteriore.
Regione Laterale
• Platisma
• Sternocleidomastoideo
• Scaleni
Platisma
È un muscolo molto ampio e sottile; si attacca in alto nella mandibola e in basso nel petto;quando il muscolo si contrae porta in basso la mandibola e la parte inferiore della faccia.
(Muscolo della masticazione)
Sternocleidomastoideo
È il muscolo più importante, è a forma triangolare; parte dall’osso occipitale scendendo si divide 2 fasci di fibre uno si attacca alla clavicola e uno allo sterno. Se esercita forza sullo sterno e clavicola si solleva la parte superiore del torace, mentre se esercita forza sul cranio la contrazione fa flettere la testa sul collo avvicinandola al torace.
Scaleni
Sono un gruppo di 3 muscoli: scaleno anteriore,posteriore e medio; Si attaccano sull’apofisi trasversale delle vertebre cervicali e sulle 2 costole. Se esercita forza sulle costole queste si inalzano, esercita forza sulle vertebre, esse si piegano in avanti; se si contraggono da un lato si inclinavano da quel lato e ruotano nel lato opposto.
Regione posteriore
• Lungo del collo
• Grande complesso
• Grande retto della nuca
Lungo del collo
Parte dall’occipite e finisce sulle vertebre cervicali. Quando si contrae da entrambi il lati piega la testa e il collo in avanti; se si contrae da un lato solo piega collo e testa lateralmente.
Grande complesso
Parte dall’occipite e va ad attaccarsi sulle ultime vertebre cervicali e le prime dorsali. Quando si contrae da entrambi i lati manda la testa indietro.
Grande retto della nuca
Parte dall’occipite e termina nella prima vertebra cervicale (ATLANTE).Contraendosi da entrambi i lati piega la testa indietro.
Movimenti del capo: capo flesso in avanti,lateralmente,capo esteso, capo ruotato, circonduzione del capo.

Muscoli del torace
I muscoli del torace si dividono i muscoli della regione anteriore e laterale, muscoli della regione posteriore, e muscoli della regione inferiore.
Regione anteriore e laterale.
• Grande pettorale
• Piccolo pettorale
• Succlavio
• Grande dentato
• Intercostali
Grande pettorale
È un muscolo grande; parte dalla faccia anteriore dell’omero, da cui si diramano molti fasci di fibre che vanno ad inserirsi a ventaglio nella clavicola, nello sterno, nelle costole e nella parte terminale di un muscolo addominale importante il grande obliquo. Se si esercita forza sull’ omero si porta il braccio e la spalla in avanti, se esercita forza sulle costole queste si allargano (muscolo inspiratore)
Piccolo pettorale
Si attacca in basso sulla faccia esterna della 3°4°5° costola e termina con un tendine nella scapola.
Se si esercita forza sulle costole le eleva, mentre se esercita forza su la scapola li abbassa.
(muscolo inspiratore)
Succlavio
Ha una forma cilindrica; va dalla prima costola alla clavicola; Se si contrae abbassa la clavicola.
Grande Dentato
Ha una superficie molto estesa; Parte dalla scapola e si attacca sulle prime 9 costole; Porta in avanti la spalla.
Intercostali
Si dividono in interni ed esterni. Si attaccano tra il margine della costola superiore e il margine della costola inferiore. Contraendosi diminuiscono lo spazio tra le costole (Muscolo Inspiratore)
Regione Posteriore
• Trapezio
• Gran Dorsale
• Romboide
Trapezio
È il muscolo più superficiale del dorso, ha forma triangolare; si attacca in alto nell’occipite e sulle vertebre dorsali e va a terminare sul margine posteriore della clavicola e della scapola. Permette di sollevare la spalla; quando la forza si esercita sulle vertebre e sull’occipite si inclina la testa dal lato della contrazione e gira la faccia dal lato opposto.
Gran Dorsale
Ha una superficie estesa in larghezza, ha forma triangolare;Si attacca con un unico tendine nell’omero, da cui si diramano fasci di fibre che vanno ad inserirsi nelle 6 vertebre dorsali e nelle vertebre lombari. La contrazione dei 2 dorsali abbassa le spalle e avvicina le 2 scapole, portando il braccio in basso e indietro.
Romboide
Si attacca nelle prime vertebre dorsali termina nella scapola; contraendosi avvicina la scapola e porta fuori le spalle.
Regione inferiore
Diaframma
È il muscolo principale inspiratore, separa la gabbia toracica dalla cavità addominale, è a forma di cupola. Tutte le fibre muscolari si uniscono al centro dando origine ad un unico tendine.
La gabbia toracica si alza e si abbassa, cioè le costole si allargano e si elevano. Compie il movimento di espirazione ed inspirazione.
I muscoli inspiratori elevano le costole e lo sterno,mentre quelli espiratori li abbassano.
I muscoli principali della respirazione sono quelli che con la contrazione rendono possibile l’ispirazione e l’espirazione.
I muscoli ausiliari sono quei muscoli che entrano in gioco quando la respirazione deve essere più veloce.
Movimenti della spalla: spalla avanti,indietro,in alto in basso.
I muscoli dell’addome
Sostengono la schiena, mantengono i visceri (stomaco e intestino), fanno fletter il torace e fanno scaricare.
Sono:
• Trasversale
• Grande obliquo
• Piccolo obliquo
• Quadrato dei lombi
• Psoas-iliaco
• Grande retto
Movimenti del busto: busto flesso avanti, busto esteso dietro, busto flesso lateralmente, busto ruotato.
Muscoli dell’arto superiore
Si dividono in muscoli della spalla, del braccio, dell’avambraccio e della mano.
Nella spalla:
• Deltoide
• Sovraspinoso
• Sottospinoso
• Grande rotondo
• Piccolo rotondo
• Sottoscapolare
Deltoide
È un muscolo di notevole dimensioni con forma triangolare. Le sue fibre si inseriscono nella clavicola e nella scapola attaccandosi con un unico tendine all’omero. Porta il braccio in fuori fino al piano orizzontale.
Sovraspinoso
Ha le stesse funzioni del deltoide, solo che va dalla scapola all’omero.
Sottospinoso
Va dalla scapola all’omero. Ha una forma appiattita e triangolare.Fa ruotare il braccio all’esternoI

Esempio



  



Come usare