l'architettura del primo novecento

Materie:Appunti
Categoria:Architettura

Voto:

2.5 (2)
Download:782
Data:05.01.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
architettura-primo-novecento_1.zip (Dimensione: 4.71 Kb)
trucheck.it_l-architettura-del-primo-novecento.doc     26.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

VIAGGIO NELL’ARCHITETTURA DEL PRIMO NOVECENTO

1- L’ARCHITETTURA TRA DUE SECOLI

Un nuovo stile si sviluppa negli anni a cavallo tra due secoli: ‘800 e ‘900; è un fenomeno cosmopolita, si diffonde in Europa e negli Stati Uniti e interessa le attività artistiche. Dall’architettura all’arredamento, dalla grafica alla moda, dall’artigianato all’oreficeria.
Questo stile assume nomi diversi: Art Nouveau in Francia e Belgio, Jugendstil in Germania e Austria, Modernismo in Spagna, Liberty in Gran Bretagna e Stile Floreale in Italia.
L’Art Nouveau privilegia i ritmi curvilinei, le linee sinuose e ondulate e il gusto per la decorazione ispirata alle forme naturali.
In architettura è comune sviluppare uno stile ornamentale libero dai rigidi schemi di simmetria e proporzione.
Le superfici e le strutture vengono alleggerite da motivi floreali movimentate da rientranze e sporgenze illeggiadrite da linee curve; mentre nella decorazione degli interni è frequente l’uso del vetro e del ferro battuto (es. interno casa Tassel Victor Horta)

2- IL RINNOVAMENTO AMERICANO

L’Art Nouveau si diffonde anche negli U.S.A., dove vengono elaborate soluzioni architettoniche originali e innovative.
Louis Sullivan propone un’architettura semplice e geometrica: vengono costruiti i primi grattaceli.
Il notevole sviluppo verticale di questi edifici è possibile dall’uso del cemento armato, di strutture metalliche leggere e resistenti e l’uso dell’ascensore elettrico.
Gli elementi portanti sono abbelliti da decorazioni che rimandano all’Art Nouveau.

3- L’ARCHITETTURA RAZIONALISTA

negli anni successivi alla Prima Guerra Mondiale l’architettura reagisce alla tradizione degli stili storici e all’esuberanza decorativa dell’Art Nouveau.
Architetti e urbanisti come Walter Geropius e Le Corbusier, sono accomunati dal desiderio di stabilire un ordine funzionale per le città e le abitazioni.
Le finalità etniche e sociali precedono quelle estetiche perché il valore di un edificio va ricercato nella rispondenza dei materiali e della struttura alla funzione.
Pianificazione urbanistica, edilizia abitativa, vengono progettati e realizzati per migliorare la qualità della vita. Soprattutto nell’edilizia abitativa gli architetti razionalisti propongono:
• Eliminazione di ogni elemento considerato decorativo
• Uso di forme semplici e razionali
• Uso di materiali come vetro, ferro e cento armato
• Uso prevalente di coperture piane, a terrazzo
I principi generali dell’architettura razionalista si diffondono in tutto il mondo grazie all’istruzione del Bauhaus in Germania.

4- L’ARCHITETTURA ORGANICA

nei primi decenni del secolo è comune la volontà di rompere con l’architettura del passato. Al geometrismo dell’architettura razionalista, quella organica preferisce un’architettura dalle forme più libere e articolate.
Frank Lloyd Wright è il principale protagonista dell’architettura organica.
Le sue costruzioni si integrano nel paesaggio: hanno una pianta molto libera.
Questa libertà di impostazione, visibile all’esterno, si ripete negli ambienti interni dove lo spazio abitabile si adatta alle necessità di vita dell’uomo.
In Wright la tecnologia moderna, i materiali e la natura si integrano in modo perfetto.

Esempio



  



Come usare