La marcia su Roma

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

2 (2)
Download:208
Data:31.01.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.txt (File di testo)
Download   Anteprima
marcia-roma_1.zip (Dimensione: 1.38 Kb)
trucheck.it_la-marcia-su-roma.txt     2.52 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LA MARCIA SU ROMA
Marcia su Roma, serie di avvenimenti svoltisi tra il 27 e il 28 ottobre 1922 per iniziativa dei fascisti italiani, e che portarono al governo Mussolini e al potere il fascismo. L'eventualitа di ricorrere a mezzi illegali per la presa del potere da parte dei fascisti fu prospettata da Mussolini nella seduta segreta di Firenze della direzione fascista del 29 settembre 1922. La decisione di passare all'azione si ebbe il 16 ottobre nel corso di una riunione, tenuta a Milano, tra Mussolini, i capi della milizia, Balbo, De Vecchi, De Bono, i generali Fara e Ceccherini, il capo dei fascisti romani Ulisse Igliori e M. Bianchi e A. Teruzzi. L'annuncio pubblico fu dato da Mussolini nella relazione al congresso nazionale fascista di Napoli (24 ottobre). Gli ultimi preparativi furono compiuti nel corso della stessa notte, durante una riunione all'hotel Vesuvio. Secondo i piani, un quadrumvirato, composto da Balbo, De Bono, De Vecchi e Bianchi, e insediato a Perugia, avrebbe assunto nella notte tra il 26 e il 27 i pieni poteri e nei due giorni successivi sarebbe seguita la mobilitazione delle squadre fasciste che avrebbero occupato i punti chiave. Le forze destinate alla capitale (26.000 uomini) furono inquadrate in quattro colonne (una di riserva e tre concentrate a Santa Marinella, Monterotondo e Tivoli). Tali progetti si attuarono in due direzioni: sul piano insurrezionale e sul piano politico. Il 27 furono occupati i punti strategici dell'Italia settentrionale e centrale (resistenze furono opposte ad Ancona, Bologna e Verona). Le forze dirette a Roma vennero temporaneamente fermate (mattina del 28) a Civitavecchia, Orte, Avezzano e Segni. Mussolini rimase a Milano in attesa degli sviluppi della situazione a livello governativo, mentre il presidente del consiglio, Facta, richiamato il re da San Rossore (Pisa) a Roma, propose lo stato d'assedio, e infatti il generale Pugliese, capo del territorio di Roma, predispose, con i suoi 28.000 uomini, le difese della capitale. Il sovrano si rifiutт di avallare la proposta di Facta e nel pomeriggio del 28 le colonne fasciste entrarono nell'Urbe, accolte dal favore della folla. Venne compiuto un estremo tentativo di sanare la crisi proponendo a Mussolini un ministero con Salandra, ma Mussolini rifiutт sostenendo fino in fondo la richiesta di un gabinetto interamente fascista. Non essendo riusciti nй De Vecchi nй Federzoni a ottenere da Mussolini un atteggiamento meno rigido, Vittorio Emanuele III si risolse a richiedere formalmente che Mussolini formasse il governo (29 ottobre).

Esempio