La Germania di Guglielmo II di Haensoller

Materie:Tema
Categoria:Storia

Voto:

1 (2)
Download:248
Data:01.12.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
germania-guglielmo-ii-haensoller_1.zip (Dimensione: 4.75 Kb)
trucheck.it_la-germania-di-guglielmo-ii-di-haensoller.doc     24 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

La Germania di Guglielmo II
Guglielmo II di Haensoller è l’imperatore che riesce a destituire il grande stratega Bismark poiché si sentiva minacciato dalla sua figura: la grande popolarità ottenuta nel corso del trentennio a capo del governo aveva suscitato invidie e rivalità nel nuovo imperatore. Il precedente,Guglielmo I,svolgeva il suo ruolo di imperatore ponendo Bismark alla guida del governo;Guglielmo II invece vuole assumere totalmente il potere,dimostrandosi legato all’autoritarismo e all’idea di accentramento del potere: la sua idea di capo del governo era simile a quella di un burattino nelle mani del burattinaio,ovvero metterà a capo del governo elementi facilmente gestibili permettendo così il totale accentramento del potere. Non avendo minimamente le doti diplomatiche di Bismark,Guglielmo II farà assumere alla Germania un atteggiamento bellicoso, favorendo così il movimento politico-militare degli Junker,ma inimicandosi numerose potenze europee in particolar modo Francia e Inghilterra. Nel 1890 Bismark viene definitivamente destituito e sostituito da Caprivi che riuscirà a tenere a freno la politica bellicosa dell’imperatore,dando allo stato un taglio mediamente liberale. Proprio per questo suo liberalismo,viene destituito e sostituito da GULOW che non riuscirà a continuare la politica del predecessore,non riesce a limitare la frenesia di Guglielmo II,che inizia ad attuare una politica bellicosa,guerrafondaia,dando corda al movimento degli Junker. Attua un forsennato riarmo della Germania;inoltre grazie a Tirbitz,uno dei generali appartenenti agli Junker di cui l’imperatore usufruisce,fu allestita una poderosa marina militare,oltre all’esercito già ben addestrato e moderno già dai tempi di Bismark,con il fine di far della Germania una potenza militare sia “via mare” sia “via terra”. Questa politica causerà vari conflitti,in particolar modo per motivi di espansione coloniale,soprattutto con Francia e Inghilterra ,nel desiderio di colonizzazione di Asia e Africa. Le provocazioni di Guglielmo II colpivano territori già colonizzati come il Marocco sotto il dominio francese,e ciò determina lo sfaldamento delle alleanze che Bismark era riuscito a creare,come il Congresso di Berlino:nel 1893 termina l’alleanza tra Germania e Russia,sostituita dalla DUPLICE ALLEANZA formata dal binomio Russia – Francia. Ovviamente lo scopo era strettamente in funzione ANTIGERMANICA,si doveva fermare il pericolo tedesco e soprattutto l’azione militare e politica del suo imperatore. Nel 1904 si viene a formare un ulteriore accordo,l’ INTESA CORDIALE,formata da FRANCIA e INGHILTERRA: le due potenze sempre in conflitto tra loro per motivi di espansione coloniale ( basti pensare che 6 anni prima vi era stata la CRISI DI FRHASODA per motivi di egemonia coloniale in Egitto) si alleano proprio per fermare la Germania (ciò sottolinea quanto la presenza tedesca fosse in grado di turbare “l’equilibrio” europeo). Il terzo anello viene creato tra Russia,Francia e Inghilterra nel 1908/1909. La Germania di Bismark era stato l’ago della bilancia europea,era stata al centro di numerose trattative,sempre appoggiata da potenze notevoli nei vari conflitti: con Guglielmo II rimane isolata,solo gli Asburgo rimangono fedeli ma solo per motivi di vicinanze ideologiche. Francesco Giuseppe,di stampo autoritario si ritrovava a dominare uno stato fratturato,multinazionale,dove c’erano minoranze slave (per la dominazione in Slovenia e Croazia),italiane (Trentino e Friuli),ungheresi (infatti l’impero è detto proprio austroungarico); per tenero a freno le etnie,che rivendicavano con proteste il diritto di autonomia,Francesco Giuseppe usava il ”pugno di ferro”,non utilizzava altro che metodi repressivi antiliberali ( a differenza di Bismark che per eliminare anche la minoranza polacca aveva usato metodi diplomatici). L’Austria perdeva autorità nei Balcani poiché gli stati che erano stati sottratti all’impero ottomano passavano sotto l’influenza russa,e non quella austriaca come in precedenza. L’unica nota positiva del governo di Francesco Giuseppe fu la concessione nel 1907 del suffragio universale maschile ( e ciò lascia riflettere sulla situazione in Italia,in quanto nonostante fosse uno stato democratico il diritto di suffragio universale venne dato molti anni dopo). Logicamente la fine delle alleanze ottenute dal governo di Bismark e le nuove alleanze,indicano che il desiderio di strapotere e l’arroganza di Guglielmo II porterà alla creazione di due blocchi in Europa: gli imperi centrali Austria e Germania e il blocco antigermanico formato da Francia,Inghilterra,Russia e successivamente l’Italia. Quando si parla di blocco antigermanico,non si può parlare di blocco democratico in quanto la componente russa non indica questo tipo di alleanza:in Russia vigeva il regime autoritario zarista,tutt altro che democratico. La divisione di questi due blocchi e la politica di Guglielmo II saranno le premesse per una vera e propria guerra mondiale.

Esempio