L'anarchismo e l'internazionale socialista

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

2 (2)
Download:143
Data:25.03.2008
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
anarchismo-internazionale-socialista_1.zip (Dimensione: 14.7 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_l-anarchismo-e-l-internazionale-socialista.doc     52.5 Kb



Testo

1870 I prussiani sbaragliano le truppe francesi e entrano a Parigi cingendola d’assedio.

Da Versailles i principi tedeschi dichiarano:
1. Unità della Germania
2. L’imperatore tedesco (Re di Prussica Guglielmo I)
La Francia è umiliata a distrutta ,fine della guerra franco – prussiana
Napoleone III va in esilio TERZA REPUBBLICA (1870)
La terza repubblica assunse un carattere radicale riguardo alla difesa nazionale che si basava sostanzialmente sull’appello al popolo.
Leader di questa tendenza : Leon Gambetta (1838-1882)
Confidava nella mobilitazione delle masse ma il suo
Tentativo fallì. Il governo capitolò e chiese l’armistizio
ai prussiani. Dopo le elezioni fu indetta quindi:
ASSEMBLEA NAZIONALE
(maggioranza monarchica)
Il governo era guidato da Adolphe Thiers
La Francia dovette firmare i trattati di pace e pagare una
forte indennità di guerra alla Germania (Alsazia e Lorena)
Dopo un assedio durato mesi nel popolo parigino si diffondevano fermenti di rivolta.
CONSEGUENZE: Il governo, la cui maggioranza parlamentare era monarchica,si spostò a Versaille.
Il 18 marzo 1871 Aperta insurrezione contro il governo nazionale
LA COMUNE Si riformano spontaneamente
le istituzioni della grande rivoluzione:
• La guardia nazionale
• Federazioni(formate da delegati di ogni quartiere)
• Comitato centrale(Assemblea municipale che doveva guidare la resistenza)
DIVERSITA’:La comune ragionava ancora nei termini del vecchio giacobinismo. Non si mirava infatti a pianificare lo sviluppo di una società fondata sul lavoro industriale senza sfruttamento ma solo ad offrire a tutti le stesse risorse e le stesse opportunità (libertà,uguaglianza e fraternità)
REAZIONI ALLA COMUNE
Thiers scelse la linea dura. Dopo mesi di violenti bombardamenti il 21 maggio l’esercito dei “versaglieli” entrò nella capitale. Ci fu un massacro spietato e volutamente capitale.
Ristabilito l’ordine (Basilica del sacro Cuore su Montmartre per celebrare la fine delle discordie civili ed invocare il riscatto della Francia)

La Comune ebbe un enorme importanza in un momento in cui si andavano a confrontare diverse linee di pensiero e diverse ipotesi d’azione politica del movimento operaio internazionale.
Con la sconfitta, le diverse anime della sinistra francese ed europea definiscono le loro identità politiche e le loro prospettive.
MAGGIOR ESPONENTE: Michail Bakunin
Rifiutavano qualsiasi tipo di direzione politica ritenendo che qualunque forma di comando, anche momentaneo fosse sempre una negazione alla libertà.
1. Abolizione dello stato,dei partiti e delle istituzioni politiche
2. La propaganda e l’esempio avrebbero acceso la rivolta.(TERRORISMO: Incubo delle polizie di tutto il mondo.)
Gli anarchici avevano quindi una visione molto semplificata dei problemi sociali e politici.Quest’ideologia si sviluppò quindi nei paesi più arretrati e con un economia senza complesse dinamiche(Italia, Spagna, Russia)
RUSSIA(Paese molto arretrato industrialmente e con comunità contadine estremamente vivaci)
Movimento d’ispirazione anarchica composto per la maggior parte da intellettuali e contadini convinti che dall’uguaglianza del popolo sarebbe nata la società futura
Partito socialista rivoluzionario represso durante la guerra civile.
(strati giovanili)
Anima più estremista dell’anarchismo filosofico.
Rifiutavano drasticamente non solo il dispotismo politico zarista e l’oppressione sociale, ma soprattutto le regole morali comunemente accettate. Ritenevano necessaria l’azione anche violenta in vista di un miglioramento della società.
ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DEI LAVORATORI
PRIMA INTERNAZIONALE
(Organizzazione del movimento rivoluzionario)
Fondata da Marx nel 1864 a Londra.
Secondo Marx (socialismo scientifico)le risorse spontanee del popolo o una rete sindacale non erano sufficienti per portare a compimento una rivoluzione.Solo un partito politico completamente nuovo,che esprimesse esclusivamente gli interessi della classe operaia, avrebbe potuto fare la rivoluzione e costituire il socialismo.
Netto disaccordo con il filone ideologico anarchico.
Sciolta nel congresso di Philadelphia nel 1876.
La patria del socialismo divenne la Germania .Fu fondato nel 1875 il
SPD(Partito social democratico tedesco)
• Di stampo marxista
• Partito di massa (400 mila iscritti)
• Controllo di centinaia di quotidiani
• Si era dato perfino un organo ufficiale (L’Avanti)
• Incremento della rappresentanza in parlamento
• Socialismo di cattedra per il numero elevato dei suoi intellettuali
Fenomeno decisamente innovativo nel panorama del movimento operaio che fu imitato in molti altri Stati europei dove sorsero altri partiti socialisti.
SECONDA INTERNAZIONALE SOCIALISTA 1882
1. Partito social democratico tedesco
2. Altri gruppi (che conciliarono le differenze)
Francia : SFIO (Section Française de l’Internationale Ouvrière)
Italia : PARTITO DEI LAVORATORI ITALIANI(1892) --- Partito
socialista italiano.
La prevalenza del marxismo non fu comunque assoluta:
Divisione della seconda internazionale

SITUAZIONE DIVERSA IN GRAN BRETAGNA
Il socialismo marxista non attecchi infatti, dopo l’esperienza del Cartismo ( fallito)si era formato il modello del movimento sindacale.
TRADE UNIONS (All’origine piccole organizzazioni di mestiere che poi abbracciarono grandi categorie di lavoratori)
FURONO:
1. Legalizzate
2. Autorizzati degli scioperi (Utilizzati moltissimo)
3. Riconoscimento contrattazione collettiva
DIFETTI:
1. Rimasero molto chiuse Considerate espressione di una
2. Quota di partecipazione “aristocrazia operaia”
IN REALTA’: Agli inglesi mancava una cultura classista,anzi avevano una mentalità profondamente influenzata dalla religione.Sinistra britannica puritana(categorie che derivavano dalla morale calvinista)
Lottavano per il riconoscimento di una dignità della persona umana che prescindesse dall’uguaglianza rispetto alla proprietà dei mezzi di produzione.
1906 PARTITO DEI LAVORATORI (Labour Party)
Confederazione alla quale non si poteva aderire indipendentemente al lavoro svolto ma solo collettivamente e automaticamente, attraverso l’appartenenza al proprio sindacato di categoria.
LO SCOPO:
1. Garantire ai lavoratori un peso politico
2. Una società senza classi e senza sfruttamento
3. Capitalismo verso il disastro(idea Kautsky)
Il Labour non si fondava sul partito ma bensì sulla pratica sindacale.

Esempio



  



Come usare