Il sionismo

Materie:Appunti
Categoria:Storia
Download:87
Data:31.01.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
sionismo_1.zip (Dimensione: 3.76 Kb)
trucheck.it_il-sionismo.doc     21.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Il nazionalismo degli Ebrei:
il Sionismo

In tutta l’Europa della fine del XIX secolo ci fu un risveglio generale del nazionalismo.
Questo fenomeno si registrò soprattutto in alcune nazioni, quali Germania, Francia, Italia, ma si manifestò anche presso il popolo ebraico. Ciò accadde per alcune cause particolari, come l’”Affaire Dreyfus” in Francia o a causa dei pogrom russi. Tutto ciò scosse la coscienza degli Ebrei, che iniziarono a desiderare una loro patria. Fino a quel momento, gli Ebrei avevano desiderato solo l’integrazione, ora il loro nuovo obiettivo era l’emancipazione. Nacque così un nuovo movimento politico-religioso: il Sionismo. il fondatore di tale movimento fu Theodor Herzl, il quale espose le sue teorie in un opuscolo intitolato “Die Judenstaat” (lo Stato Ebraico). Herzl basava gli ideali del movimento sul desiderio di fondare uno stato che potesse accogliere tutti gli Ebrei che non potevano o non volevano integrarsi con gli altri popoli. Questo nuovo stato ebraico doveva sorgere possibilmente in Palestina, antica patria ebraica, oppure in Argentina. Il Sionismo dunque cercava una risoluzione alla questione ebraica.
Questo movimento al suo interno ebbe non solo numerosi consensi ma anche tanti dissensi. I consensi li trovò presso gli abitanti dell’Europa orientale soprattutto ma anche in parte di quella centrale. Tra i dissensi, gli Ebrei più accaniti furono quelli americani ed europei occidentali. Questi preferirono una politica di assimilazione e temevano che il movimento potesse far dubitare i Paesi che li ospitavano del loro patriottismo. Anche alcuni rabbini si opposero, denunciando le idee sioniste come “violazione della missione di Israele”, e perciò furono detti protestatari. Pure alcuni scrittori si occuparono della faccenda, accusando Herzl di accrescere i disaccordi tra le nazioni sostenendo che gli Ebrei non erano adatti all’agricoltura, l’attività che, secondo Herzl, doveva essere la base economica del nuovo Paese. Herzl comprendeva che per attuare qualsiasi programma politico dovevano riunirsi i rappresentanti della popolazione ebraica dispersa in tutto il mondo. Per pubblicizzare l’evento, fondò un settimanale intitolato “Die Welt” (il Mondo). Il congresso avrebbe dovuto riunirsi a Monaco, ma i rabbini del luogo protestarono fortemente, così si scelse la città di Basilea. L’impresa era ardimentosa, perché finalmente, dopo ben 1800 anni, cioè dopo l’antichissima Diaspora, gli Ebrei poteva nuovamente riunirsi. Il congresso durò tre giorni, vi presero parte ben 204 rappresentanti di tutte le comunità ebraiche del mondo. Si ebbe una così grande adesione che i vari discorsi furono tradotti in ben cinque lingue diverse: tedesco, russo, inglese, francese e hyddish. Tutte le decisioni che vennero prese al congresso di Basilea vertevano su un unico obiettivo: la creazione di una nuova patria ebraica. Per questo si incoraggiava a consolidare la coscienza nazionale ebraica, a colonizzare la Palestina con operai, agricoltori ed artigiani Ebrei e ad organizzarsi in società locali.

Esempio