Il Fascismo in Italia

Materie:Appunti
Categoria:Storia
Download:520
Data:07.06.2001
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
fascismo-italia_1.zip (Dimensione: 5.78 Kb)
trucheck.it_il-fascismo-in-italia.doc     32 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

IL FASCISMO IN ITALIA

A partire dai primi anni del dopoguerra si instaurò in Italia una nuova forza politica sottoforma di dittatura: il Fascismo.
Il fondatore era Benito Mussolini, un ex socialista che definì il suo disegno politico totalitario, perché il suo obbiettivo era quello di costituire uno Stato onnipotente in grado di controllare la vita sociale, politica ed economica dell’intero paese. Il movimento fascista nacque nella riunione in Piazza San Sepolcro a Milano il 23 marzo del 1919 con la costituzione dei Fasci italiani di combattimento. Il programma iniziale del fascismo costituiva una confusa mistura di elementi sindacalisti, anticlericali, repubblicani e nazionalisti; però si qualificò subito come un movimento antisocialista che ricorreva alla violenza attraverso le famigerate “squadre d’azione”.
Nel novembre del 1921 il movimento si trasformò in Partito Nazionale Fascista (PNF)
Il 28 ottobre 1922 le milizie fasciste si radunarono a Roma con la “Marcia su Roma” ottenendo l’incarico a Mussolini di costituire un nuovo gabinetto.

• LA CRISI DELLO STATO LIBERALE
L’Italia benché uscita vittoriosa dal conflitto mondiale cadde in una profonda crisi politica e sociale. Le tragiche sofferenze diffusero il desiderio di procedere a radicali cambiamenti di ordine politico e sociale. Iniziò cosi il biennio rosso 1919-1920 in cui scatenarono diverse agitazioni popolari che portarono ad importanti conquiste sociali. L’apice di queste sommosse si ebbe con il fenomeno dell’occupazione delle fabbriche, attuato a partire del 1920 con l’occupazione della Fiat.
Coloro che furono favorevoli a questi cambiamenti erano in particolare i partiti di massa. Innanzitutto vi era il partito socialista, lacerato al suo interno tra dualisti, riformisti e massimalisti. All’estrema sinistra del PSI vi era Antonio Gramsci che durante il congresso di Livorno del 1921 diede vita la Partito Comunista D’Italia. L’altro grande partito di massa era il PPI o partito popolare, nato nel 1919 sotto la guida del sacerdote siciliano Don Luigi Sturzo.

• I PRIMI GOVERNI MUSSOLINI
In un primo tempo Mussolini costituì un governo di coalizione con nazionalisti, liberali e PPI. Con la nuova Legge Acerbo del 1923 venne abolito il sistema proporzionale a favore di un maggioritario e in quell’anno il PNF fu il primo partito in Parlamento. In questo periodo furono attuate diverse riforme , la più importante fu quella della scuola del 1923 che privilegiò la tradizionale cultura umanistica a detrimento di quella tecnica e scientifica.
Però a seguito dell’assassinio del deputato socialista-riformista Giacomo Matteotti (10 giugno 1924), compiuto da sicari fascisti, crebbe nel paese il risentimento per l’illegalità e le violenze delle squadre fasciste, per questo in segno di protesta i deputati delle opposizioni abbandonarono la camera (“Secessione dell’Aventino”). Forte dell’appoggio di Vittorio Emanuele II, il quale continuò a mostrare fiducia, Mussolini decise di affrontare un brusco cambiamento e con il discorso in Parlamento del 3 gennaio del 1925 aprì la fase dittatoriale del suo regime.

• IL REGIME FASCISTA
Iniziò così la seconda fase del fascismo, quella del regime dittatoriale, creato con totale eversione dello Statuto Albertino e della tradizione liberale.
Il nuovo regime fu definitivamente sanzionato nel 1926 con le “leggi fascistissime”, un complesso di norme che deliberavano lo scioglimento dei partiti di opposizione, abolirono l’elettività dei sindaci sostituendoli con podestà di nomina regia, assegnarono il potere di formulare leggi al capo del governo, istituirono il Tribunale speciale per la difesa dello Stato,…
Ulteriore importante evoluzione della struttura istituzionale del regime fu la creazione nel 1934 delle Corporazioni: organismi centrali di collegamento tra le associazioni di imprenditori e i sindacati dei lavoratori.

• POLITICA ECONOMICA
Tra il 1923 e il 1928 l’Italia conobbe un periodo di importante espansione economica, questa fase però si concluse tuttavia il 18 agosto del 1926 con il discorso di Mussolini a Pesaro in cui lanciò l’obbiettivo di “quota novanta”, cioè la rivalutazione della lira e la sua stabilizzazione rispetto alla sterlina inglese(una sterlina = 90 lire). Prese allora l’avvio una politica deflazionistica drastica con il consolidamento del debito pubblico. Complessivamente la manovra riuscì a stabilizzare la lira e senza deprimere lo sviluppo industriale, che fu anzi agevolato.
Inoltre fu attuata un’ampia politica dei lavori pubblici con la costruzione della rete stradale e ferroviaria e con la bonifica delle paludi Pontine.
Con la creazione delle corporazioni e con la successiva dichiarazione di guerra all’Etiopia, l’Italia si avviò verso l’autarchia, ossia l’obbiettivo della completa autonomia produttiva de paese.

• STATO E CHIESA
Lo stato fascista seppe a modo suo guadagnarsi la simpatia del mondo cattolico concludendo con il Vaticano i Patti Lateranensi l’11 febbraio del 1929; un concordato che pose fine alla questione romana (trattato) e che portò al riconoscimento della religione cattolica come sola religione dello Stato italiano, inserita inoltre come materia obbligatoria nelle scuole (concordato). L’ultima parte dei Patti (convenzione) consisteva nel risarcimento da parte dell’Italia alla Santa Sede per la perdita dello Stato della chiesa.

• POLITICA IMPERIALE
I timori e le paure suscitate dalla situazione tedesca furono un’occasione per porre di fronte il problema le grandi potenze europee: Francia, Italia e Inghilterra. Fu così che nel 1935 con la conferenza di Stresa venne approvata una dichiarazione contro il riarmo tedesco. Questa fu l’occasione per Mussolini di avanzare delle pretese verso l’Africa e per indirizzare l’imperialismo fascista verso la creazione di colonie di popolamento, seguendo la direttrice Mediterraneo-Africa Orientale.
L’Etiopia così divenne l’oggetto delle mire fasciste, sia perché era ancora uno stato indipendente, sia perché l’Etiopia si mostrò sempre per l’Italia un’aspirazione coloniale.
La guerra etiopica fu breve, ma molto sanguinosa e crudele; e proprio come accadde in Libia la conquista fu spesso ostacolata dalla presenza di frequenti ribellioni. Fu così che con la vittoria del lago Ascianghi e l’occupazione di Addis Abeba il re Vittorio Emanuele III poté divenire imperatore d’Etiopia nel 1936.

Esempio



  



Come usare