Il dopoguerra e l'avvento del fascismo in Italia

Materie:Riassunto
Categoria:Storia
Download:5232
Data:19.10.2006
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
dopoguerra-avvento-fascismo-italia_1.zip (Dimensione: 407.07 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-dopoguerra-e-l-avvento-del-fascismo-in-italia.doc     579 Kb



Testo

I problemi del dopoguerra
In Italia, i problemi del dopoguerra erano aggravati dalla debolezza delle strutture democratiche e dalla crisi della classe dirigente liberale. L’economia presentava i tratti tipici della crisi post-bellica: sviluppo abnorme di alcuni settori industriali (con problemi di riconversione), deficit del bilancio statale e inflazione galoppante. La società era in fermento. La classe operaia, tornata alla libertà sindacale, chiedeva sia miglioramenti economici sia maggior potere in fabbrica. I contadini del centro-sud, insofferenti dei vecchi equilibri sociali, chiedevano alla classe dirigente l’attuazione delle promesse fatte nel corso del conflitto. I ceti medi, coinvolti dall’esperienza della guerra, si organizzavano per difendere i loro interessi e i loro ideali patriottici. Il processo di democratizzazione era agli inizi, il suffragio universale maschile era stato applicato per la prima volta nel 1913. La decisione dell’intervento era stata presa contro l’orientamento delle masse popolari e della maggioranza parlamentare, provocando fratture nel paese in seno ad una classe dirigente che con la fine della guerra si trovò contestata, isolata e incapace di dominare il fenomeno di mobilitazione di massa che il conflitto aveva suscitato, perdendo l’egemonia di cui aveva goduto fino allora. Invece ne risultarono favorite le forze socialiste e cattoliche estranee alle responsabilità della guerra, e che meglio interpretavano le nuove dimensioni assunte dalla lotta politica.
Cattolici, socialisti e fascisti
I cattolici furono i primi portatori di novità, dando vita nel gennaio del 1919 ad una nuova formazione politica che prese il nome di Partito Popolare Italiano che, ebbe padre riconosciuto e primo segretario in don Luigi Sturzo.
Il movimento si presentava con un programma di impostazione democratica ma strettamente legato al mondo cattolico e alle sue strutture organizzative.
Altra grande novità nel panorama politico italiano fu la crescita impetuosa del Partito Socialista, con schiacciante prevalenza della corrente di sinistra, ora chiamata “massimalista”.
Il loro leader di maggiore spicco era il direttore dell’”Avanti” Giacinto Menotti Serrati, che si poneva come obiettivo l’instaurazione della repubblica socialista fondata sulla dittatura del proletariato. In polemica con questa impostazione, si formarono nel Psi gruppi di estrema sinistra. Fra questi gruppi emergevano a Napoli quello a cui faceva capo Amedeo Bordiga, e a Torino Antonio Gramsci.
dalla minaccia di una dittatura proletaria, sia con quei gruppi che difendevano “i valori della vittoria”. Fra questi gruppi, per lo più destinati a vita breve, faceva spicco quello fondato a Milano il 23 marzo 1919, da Benito Mussolini, con il nome di “Fasci di combattimento”.
Infatti, furono protagonisti del primo caso di guerra civile dell’Italia postbellica: lo scontro con un corteo socialista avvenuto a Milano il 15 aprile del 1919 concluso con l’incendio dell’Avanti.
Le agitazioni sociali e le elezioni del 1919
Fra il 1919 ed il 1920 l’Italia attraversò una fase di convulse agitazioni sociali e di profondi mutamenti negli equilibri politici. Fra il giugno ed il luglio 1919, a causa del continuo aumento dei prezzi, le principali città italiane furono teatro di una serie di tumulti contro il “caro-viveri”. Aumentarono gli scioperi sia nell’industria che nel settore dei servizi pubblici, provocando disagi nell’opinione pubblica. Intense furono anche le lotte dei lavoratori agricoli: oltre alla Bassa Padana con le leghe rosse, le agitazioni interessarono anche le aree del Centro-nord, con le leghe bianche cattoliche. Entrambe si battevano per le stesse rivendicazioni, ma divergevano sugli obiettivi. I socialisti insistevano sul programma di “socializzazione della terra”, i cattolici si battevano per lo sviluppo della piccola proprietà contadina. L’aspirazione alla proprietà della terra fu all’origine di un altro movimento tra l’estate e l’autunno del 1919 nelle campagne del Centro-sud: “l’occupazione” di terre incolte da parte dei contadini poveri, spesso ex combattenti. Guardando nel panorama complessivo delle agitazioni sociali, ciò che più colpisce è la mancanza di un collegamento reciproco. Le prime elezioni politiche del dopoguerra, ebbero luogo nel novembre del 1919 e furono le prime con il metodo della rappresentanza proporzionale con scrutinio di lista. L’esito fu disastroso per la vecchia classe dirigente. I socialisti si affermarono come il primo partito, seguiti dai popolari. Poiché il Psi rifiutava ogni collaborazione con i gruppi borghesi, l’unica maggioranza possibile era quella basata sull’accordo tra popolari e liberal-democratici.
Giolitti, l’occupazione delle fabbriche e la nascita del PCI
Nel giugno 1920 Giolitti, ormai ottantenne, tornò al potere con un programma molto avanzato in cui proponeva fra l’altro la “nominatività dei titoli azionari” e una “imposta straordinaria sui sovrapprofitti” realizzati dall’industria bellica. I risultati più importanti li ottenne in politica estera: il negoziato diretto con la Jugoslavia che si concluse, il 12 novembre 1920, con la firma del trattato di Rapallo. L’Italia conservò Trieste, Gorizia e tutta l’Istria. La Jugoslavia ebbe la Dalmazia salvo Zara assegnata all’Italia. Fiume fu dichiarata città libera. Molte furono le difficoltà della politica interna. Il governo impose la liberalizzazione del prezzo del pane. Il disegno giolittiano di ridimensionare le spinte rivoluzionarie del Psi attraverso una apertura riformista fallì. Il maggior episodio di conflittualità del periodo fu l’occupazione delle fabbriche da parte dei metalmeccanici; da un lato gli industriali della produzione bellica, dall’altro gli operai aderenti al sindacato Cgl. Fu il sindacato a dare inizio alla vertenza, presentando una serie di richieste economiche e normative, cui gli industriali opposero un netto rifiuto. Alla fine di agosto si occuparono le fabbriche. Prevalse la linea della Cgl che intendeva impostare lo scontro sul piano economico proponendo come obiettivo il controllo sindacale sulle aziende. Tale esito fu favorito dalla linea neutrale di Giolitti. Sul piano sindacale gli operai uscivano vincitori ma si diffuse in tutta la borghesia una voglia di rivincita. Al congresso socialista di Livorno del gennaio del 1921, la corrente di sinistra guidata da Gramsci e Bordiga si scisse dal Psi e formò il Partito Comunista d’Italia.
Il fascismo agrario e le elezioni del 1921
L’occupazione delle fabbriche e la scissione di Livorno segnarono in Italia la fine del biennio rosso. La crisi economica si tradusse con un forte aumento della disoccupazione, nelle campagne ci fu un improvviso sviluppo del fascismo-agrario. Tra la fine del 1920 e gli inizi del 1921, il movimento subì un rapido processo di mutazione, accantonando l’originario programma radical-democratico e si fuse su strutture paramilitari (le squadre d’azione) in lotta contro il movimento socialista. In due anni di lotte le leghe socialiste avevano ottenuto non solo aumenti salariali, ma avevano creato degli uffici di collocamento, dove le stesse controllavano il mercato del lavoro. Comunque questo sistema celava all’interno punti di debolezza, venivano privilegiati i salariati senza terra, rispetto alla categoria intermedia (mezzadri, piccoli affittuari, salariati fissi) che aspiravano a distinguere la loro posizione da quella dei braccianti, i proprietari terrieri scoprirono nei fasci lo strumento capace di abbattere il potere delle leghe. Il movimento fascista vide affluire nelle sue file numerose reclute: ufficiali smobilitati che faticavano a reinserirsi nella vita civile; figli della piccola borghesia. In pochi mesi il fenomeno dello squadrismo” dilagò in tutte le province padane, estendendosi anche in Toscana ed in Umbria.
Immune rimase solo il Mezzogiorno. Il successo travolgente dell’offensiva fascista non può spiegarsi solo con fattori di ordine militare, né può essere imputato solamente agli errori dei socialisti; pesanti furono anche le responsabilità del governo. Giolitti infatti, pur evitando di favorire apertamente lo squadrismo, pensò di servirsene per ridurre a più miti pretese i socialisti. In questa strategia si convocarono le nuove elezioni di maggio 1921, per favorire l’ingresso dei candidati fascisti nei cosiddetti blocchi nazionali, per impedire una nuova affermazione dei partiti di massa. I risultati delle urne delusero chi aveva voluto le elezioni. I socialisti subirono una flessione lieve, i popolari si rafforzarono. La maggiore novità fu costituita dall’ingresso alla camera di 35 deputati fascisti capeggiati da Mussolini.
L’agonia dello stato liberale
L’esito delle elezioni portò alle dimissioni di Giolitti all’inizio di Luglio. Il suo successore, l’ex socialista Ivanoe Bonomi, tentò una tregua d’armi tra i due partiti in lotta. Mussolini accettò in quanto voleva inserirsi nel gioco politico “ufficiale”, una strategia però non condivisa dai fascisti intransigenti dello squadrismo agrario, che sabotarono in ogni modo il patto di pacificazione, giungendo a mettere in discussione la leadership di Mussolini. La ricomposizione si ebbe al congresso dei Fasci tenutosi a Roma ai primi di novembre. Mussolini sconfessò il patto di pacificazione. I ras riconobbero in Mussolini la guida ed il movimento si trasformò in partito. Nasceva così il Partito Nazionale Fascista che contava 200 mila iscritti. Nel febbraio del 1922 la guida del governo fu affidata a Luigi Facta, l’agonia dello Stato liberale entrò nella sua fase culminante. Il fascismo si rese protagonista di operazioni più ampie e clamorose, giocando contemporaneamente su due tavoli, quello della “violenza armata” e quello della “manovra politica”. L’immobilismo socialista era sia sul piano della tattica parlamentare che quello della mobilitazione di massa. Addirittura disastrosa si rilevò la decisione, presa dai dirigenti sindacali di proclamare per il primo agosto uno “sciopero generale” legalitario in difesa delle libertà costituzionali: i fascisti lanciarono una violenta offensiva contro il movimento operaio che usciva da questa prova materialmente e moralmente distrutto. L’unica conseguenza fu un inutile scissione ai primi di ottobre del 1922, in un congresso tenuto a Roma, i riformisti guidati da Turati, abbandonavano il Psi per fondare il nuovo “Partito Socialista Unitario”. Poche settimane dopo il fascismo conquistò il potere.
1
2
STORIA

Esempio



  


  1. ISA

    IL DOPOGUERRA IN iTALIA

  2. BAH ELHADJI

    sto cercando gli appunti su un tema di filosofia di kant. sostengo