I Messapi

Materie:Appunti
Categoria:Storia
Download:90
Data:08.10.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
messapi_1.zip (Dimensione: 3.12 Kb)
trucheck.it_i-messapi.doc     20 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

I messapi.

Provenienti, forse dall’Iliria o da creta, popolo do stirpe ellenica talora confuso con gli Japigi.
Si stanziarono nell’antica Calabria e nella Puglia intorno al 1000-800 a.C. durante l’età del ferro.
La loro lingua era il messapico (linguaggio di certa origine indoeuropea), fino a oggi mai decifrato.
La loro religione era principalmente quella greca, praticavano anche il culto di una divinità chiamata Thator Andrahs. Segni di questo culto si anno nella grotta della Poesia Piccola a Roca, una cavità naturale frequentata dall’VIII a.C.. Circa 600 mq di iscrizioni documentano la frequentazione dl santuario da parte dei Messapi, greci e romani.
Attraverso la comparazione tra le invocazioni religiose scritte in greco, latino e messapico, la grotta della Poesia, consente di cominciare a decifrare il misterioso, finora, linguaggio dei messapi.
La loro economia era basata sull’allevamento e sull’agricoltura, vivevano in grotte e/o in case organizzate in villaggi.
Si basavano su un sistema sociale triangolare al quale vertice c’era un re. Di alcuni conosciamo i nomi: Messapus (progenitore dei messapi), Opis, Artas, Dasummius, Malenius. onosciamo anche i nomi di alcuni dei loro insediamenti: Basta, Hidruntum, Uria, Rudiae, Brundisium, Lupiae.
Ingaggiarono numerose guerre contro i popoli vicini: nel 473 a.C. lottarono a lungo contro Taranto con alterne vicende. Diedero il loro aiuto ad Atene durante le guerre del Peloponneso, contro Siracusa nel 413 a.C.. Combatterono contro Alessandro D’Epiro nel 338 a.C.. Nel IV li troviamo uniti a Taranto contro la comune minaccia dei Sanniti e più tardi dei Romani.
Verso la metà del III secolo entrarono a far parte della confederazione capeggiata da Roma.
Si ribella a Roma numerose volte ma furono sottomessi solo dopo il 90 a.C. quando presero la cittadinanza Romana, che accellerò la romanizzazione di tutte le genti illiriche.

Esempio



  



Come usare