Guelfi e Ghibellini

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

1.5 (2)
Download:195
Data:09.10.2001
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
guelfi-ghibellini_2.zip (Dimensione: 4.98 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_guelfi-e-ghibellini.doc     25 Kb



Testo

Guelfi e Ghibellini

1)AGLI INIZI DEL XIII SECOLO CI FU UNO SCONTRO TRA GUELFI E GHIBELLINI PER IL CONTROLLO DEL TRONO TEDESCO. LA CRISI SI CONCLUSE CON IL SUCCESSO DI FEDERICOI DI HOHENSTAUFEN CHE SI DEDICO’ SUBITO AL CONSOLAMENTO DEL POTERE IMPERIALE.
FRDERICOI (BARBAROSSSA)VOLEVA FARSI INCORONARE RE D’ITALIA’ E RIPRISTINARE IL CONTROLLO DELLA CITTA’ DEL NORD E DEL CENTRO RECUPERANDO LE COSIDDETTE REGALIE,OVVERO IL DIRITTO DI IMPORRE LE TASSE ECC.. FATTOSI RICONOSCERE RE,A ROMA,ABBATTE’ IL GOVERNO COMUNALE GUIDATO DA ARNALDO DA BRESCIA CHE SI CONSIDERAVA RAPPRESENTANTE DEI CETI PIU’ UMILI.ANALDO FU POI CATTURATO E GIUSTIZIATO.
2)IL DISTACCO TRA IMPERO E PAPATO SI APPROFONDI’ ULTERIOLMENTE QUANDO FU ELETTO PONTEFICE ALESSANDRO III CHE ERA CONTRARIO ALLE EDEE DI BARBAROSSA. ALCUNI COMUNI VENETI E LOMBARDI SI RIUNIRONO IN UN UNICA LEGA DETTA LEGA LOMBARDA,E CI FU LO SCONTRO DECISIVO A LEGNANO DOVE LE TRUPPE IMPERIALI FURONO SCONFITTE DAI CONFEDERATI. PACE DI COSTANZIA:I COMUNI DELL’ITALIA CENTRO SETTENTRIONALE OTTENNERO IL RICONOSCIMENTO DELLA PROPRIA AUTONOMIA.
IL FIGLIO DI BARBAROSSA DIVENNE SUCCESSORE DEL PADRE E ANCHE SUCCESSORE ALLA CORONA DEL REGNO ROMANO PERCHE’ SPOSO’ COSTANZA DALL’ALTAVILLA UNICA EREDE AL TRONO DI GUGLIELMO II
3)ENRICO VI PROCLAMO’ NEL 1196 SUO FIGLI FEDERICO RUGGERO(FEDERICO II)RE DEI ROMANI. IL PONTEFICE CELESTINO III SCOMUNICO’ L’IMPERATORE.L’IMPERATORE PRIMA DI VENDICARSI DELL’OFFESA SUBITA,MORI’ NEL 1197 IN SICILIA A 32 ANNI.
IN GERMANIA C’ERA LA LOTTA PER IL CONTROLLO IMPERIALE TRA GUELFI (BAVIERA GUIDATI DA OTTONE)E GHIBELLINI(SVEVIA GUIDATI DA FILIPPO).
CON LA MORTE DI ENRICO VI SI VERIFICO UNA SITUAZIONE FAVOREVOLE NEI CONFRONTI DEL PAPATO.A PRENDERE IL ‘IL GIOCO DEL MONDO’ FU INNOCENZIO III CHE FINI’ DAI PRIMI ANNI DEL SUO PONTIFICATO ISPIRO’LA SUA POLITICA.
INFATTI EGLI CONVOCO’ A CAPO DELL’IMPERO FEDERICO II CHE SI ERA IMPEGNATO A NON UNIRE MAI LA CORONA IMPERIALE A QUELLA SICILIANA.
4)ERESIA:SI TRATTA DI UN’ANTICA PAROLA GRECA (SCELTA)CHE INDICAVA UN MOVIMENTO ECCENTRICO RISPETTO AL SISTEMA DOTTRINARIO RICONOSCIUTO COME VALIDO DALLA MAGIOR PARTE DEI CRISTIANI.
ALLE AUTORITA’ INTERESSAVA REPRIMERE QUESTO MOVIMENTO.
IL CATARISMO:I CATARI CERCAVANO DI REALIZZARE PIENAMENTE IL MODELLO INDICATO DAL NUOVO TESTAMENTO(IL VECCHIO SACRAMENTO ERA RIFIUTATO).SECONDO LA REALTA’ DEI CATARI LA VITA UMANA E’ DIVISA IN 2 ELEMENTI FONDAMENTALI:IL BENE(DIO E LO SPIRITO) E IL MALE(SATANA E LA MATERIA).I CATARANI DISPREZZAVANO IL PATRIMONIO L’AMORE FISICO E TUTTO CIO’ CHE ERA CARNALE.
I SEGUACI DI PIETRO VALDO.I VALDESI,ERANO DEI POVERI LOMBARDI QUESTI RIFIUTAVANO IL RITUALE CATTOLICO,QUALUNQUE POTEVA AMMINISTARE I SACRAMENTI.
LO SPIRITUALISMO DI GIOACCHINO DA FIORE FU CONDANNATO COME ERETICO,MA QUESTO NON IMPEDI’ LA SUA DIFFUSIONE IN ITALIA.
CRISI DELLA CRISTIANITA’=SECONDO INNOCENZIO III GLI ERETICI ERANO PEGGIORI DEGLI STESSI SARACENI E COME TALI DOVESSERE ESSERE ESTIRPATI.
IL PRIMO ASSALTO FU RISOLTO CONTRO GLI ALBIGESI CHE ERANO SEGUACI DEL CATARISMO E PRENDEVA IL NOME DA ALBI ERA CITTADINA DELLA FRANCIA MERIDIONALE.IL CATARISMO FU ESTIRPATO E GIA’ ALLA FINE DEL XIII SECOLO SOPRAVVIVEVA IN ALCUNE PICCOLE LOCALITA’ ALPINE.
IL IV CONCILIO LATERANESE:INNOCENZIO III FECE DI TUTTO PER ELIMINARE GLI ERETICI.CHI SI FOSSE RIFIUTATO DI SRADICARE L’ERESIA DELLE PROPRIE TERRE SAREBBE STATO SCOMUNICATO.
6)L’INQUISIZIONE :E’UN TRIBUNALE CHE HA DIFESO,CON INFLESSIBILE RIGORE,L’UNITA’ E LA COMPATTEZZA DELLA CHIESA CATTOLICA. CHIUNQUE AVESSE AVUTO UN CONTATTO CON UN ERETICO ERA AUTOMATICAMENTE UN OGGETTO ALL’ATTENZIONE DEL’INQUISITURA.IL PROCESSO SI SVOLGEVA SENZA AVVOCATI E LA CONDANNA ERA INAPPELLABILE. L’ACCUSATO CHE NON CONFESSAVA VENIVA TORTURATO.
7)I FRANCESCANI ERANO SEGUACI DI FRANCESCO D’ASSISI FIGLIO DI UN RICCO MERCANTE DELLA CITTA’ CHE SI ERA SOTATO ALLA PVERTA’ ASSOLUTA.SECONDO LA REGOLA FRANCESCANA I FRATI MINORI NON POTEVANO POSSEDERE NULLA E QUINDI DOVEVANO FARE RICORSO ALLA CARITA’.
I DOMENICANI ERANO SEGUACI DI DOMENICO DI GUZNAN.DOMENICO VOLLE FARE DEL SUO ORDINE UN ORDINE COLTO E TEOLOGICAMENTE AGGUERRITO,IN GRADO DI ATTACCARE GLI ERETICI SUL LORO TERRENO
FEDERICO II
FECE ABOLIRE TUTTE LE CONCESSIONI FEUDALI OTTENUTE ILLEGALMENTE,LE FORTEZZE E I CASTELLI COSTRUITI FURONO RASI AL SUOLO.IL NUOVO PAPA GREGORIO IX SCOMUNICO' FEDERICO II PERCHE’ NON MANTENNE LA PROMESSA CIOE’ DOVEVA INTRAPENDERE AL PIU’ PRESTO UNA CROCIATA. BEN PRESTO DIVENNE RE DI GERUSALEMME E QUINDI LA PALESTINA ERA NUOVAMENTE APERTA AI CRISTIANI.
MA IL PONTEFICE SI SPINSE BEN OLTRE E LANCIO’ IL SUO ESERCITO CONTRO IL REGNO DI SICILIA.
L’IMPERATORE RIENTRATO DALLA PALESTINA SCONFISSE CON FACILITA’ LE TRUPPE DEL PONTEFICE E QUEST’ULTIMO FU COSTRETTO A RITIRARE LA SCOMUNICA E AD ACCETTARE UN ACCORDO.
9)FEDERICO II EMANO’ UN MANIFESTO POLITICO IL LIBER AUGUSTALIS DICEVA CHE IL SOVRANO AVEVA LA SUPREMAZIA SUI BARONI,SUI COMUNI E SULLA CHIESA. FEDERICO II ISTITUI’ LA PRIMA CATTEDRA DI AUTONOMIA D’EUROPA E QUESTO FU UN GRANDE PROGRESSO PER LA MEDICINA DI QUEL SECOLO.LA SCUOLA SICILIANA E’ LA PRIMA SCUOLA LETTERARIA FIORITA NEL NOSTRO PAESE DURANTE L’ETA’ MEDIOEVALE. PER IL SOSTENTAMENTO DI QUESTE INNOVAZIONI IMPOSE,A QUESTE ATTIVITA’ PRODUTTIVE, TRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI.
10) FECE SI CHE IL POTERE SI ACCENTUAVA TUTTO SUL MERIDIONE ED ENRICO VII FIGLIO DI ENRICO II CHE DETENEVA IL REGNO DI GERMANIA E QUINDI CHE POTEVA CONTARE SULL’APPOGGIO DELLA LEGA LOMBARDA,NON ERA D’ACCORDO CON IL PADRE.
11)DI CONSEGUENZA IL PAPA INNOCENZIO IV SCOMUNICO ENRICO E GLI SCATENO’ CONTRO UNA CROCIATA.LA SITUAZIONE PER FEDERICO II SI FACEVA SEMPRE PIU’ DIFFICILE. LUI SICURAMENTE CON IL SUO ESERCITO AVREBBE VINTO TUTTO E TUTTI PERO’ A 56 MORI’.
NELLA PERSONALITA’ DI FEDERICO II E’ PRESENTE UNA CONTRADDIZIONE TRA IL GUSTO,APERTO E PREGIUDICATO.
DOPO LA MORTE DI FEDERICO II IL SUO SUCCESSORE FU MANFREDI.DOPO UN BATTAGLIA A BENEVENTO FU SCONFITTO E UCCISO

Esempio