Gli storiografi dell'anno mille

Materie:Riassunto
Categoria:Storia

Voto:

1 (2)
Download:209
Data:01.08.2008
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
storiografi-anno-mille_1.zip (Dimensione: 3.65 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_gli-storiografi-dell-anno-mille.doc     22 Kb



Testo

STORIA-Gli storiografi dell’Anno Mille come esempio di interpretazione della storia

“Un popolo atterrito dall’imminenza della fine del mondo:nell’opinione di molti uomini di cultura,quest’immagine dell’anno mille rimane viva ancor oggi(…)Una tale rappresentazione trae gran parte della sua forza da tutti gli ostacoli che impediscono di vedere chiaramente questo momento della storia europea”. Le fonti infatti sono scarse e quasi tutte pessimiste,poiché all’epoca la storia non era narrata con un fine scientifico, ma per la formazione umana del lettore;e le condizioni ambientali erano tanto difficili,che la maggior parte della gente viveva in stati di miseria anche morale,e quindi necessitava di continui ammonimenti.
Ma anche l’istruzione delle persone colte durante l’Alto Medioevo era scaduta di livello,con il curioso effetto che fu interpretato alla lettera il cap.XX dell’Apocalisse,che fissa il termine della storia umana proprio a “mille anni”dell’Era Cristiana:infatti,tra i tanti concetti creati dal mondo antico,era stato dimenticato il valore simbolico dei numeri.Condizionati da tale errore,gli studiosi del tempo,che avevano una grande capacità di pensare per simboli(si veda la sezione di Italiano intitolata”La conoscenza simbolica”) ed erano abituati ad alte riflessioni,furono allarmati da una serie di fatti avvenuti intorno alla fine del millennio:eclissi di sole,carestie,eresie,prodigi di vario genere di cui poi si approfittarono numerosi falsari,…
Ma l’anno mille passò senza danni;ci fu allora una tensione di rinnovamento generale:le violenze dei signor feudali furono limitate e la cavalleria acquistò il compito di difesa del popolo,numerosi Ordini si perfezionarono attraverso riforme interne(si veda l’esempio di Cluny),si diffusero i pellegrinaggi collettivi. Anche le condizioni materiali permisero gradualmente una vita più civile:con il crescente controllo della natura da parte dell’uomo scomparvero molti atteggiamenti superstiziosi(purtroppo non tutti:l’antisemitismo che allora coinvolgeva tutti i ceti è un chiaro esempio di paura del diverso) e un uso più equilibrato della ragione fece comprendere che “il meraviglioso è soltanto la schiuma dell’eterno”.
Tuttavia gli scrittori di storia dell’epoca sembravano non notare il miglioramento delle condizioni di vita,lo sviluppo dell’economia,le trasformazioni che subiva la società del loro tempo con l’affermazione del sistema feudale. Ma la loro non si può definire semplice distrazione o incapacità di osservare:Georges Duby nel suo testo”L’Anno Mille”(da cui sono tratte tutte le precedenti citazioni)comprese la vera ragione di un difetto solo apparente:”Non guardavano terra terra.Volgevano lo sguardo più in alto”.

Esempio