Crisi e fermenti nel mondo mediterraneo

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

2 (2)
Download:112
Data:07.06.2000
Numero di pagine:13
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
crisi-fermenti-mondo-mediterraneo_1.zip (Dimensione: 22.82 Kb)
trucheck.it_crisi-e-fermenti-nel-mondo-mediterraneo.doc     95.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

CRISI E FERMENTI NEL MONDO MEDITERRANEO
1200- 800 a. C. anni oscuri per le popolazioni mediterranee poiché le migrazioni indoeuropee travolsero le civiltà allora esistenti. In questo periodo cessarono gli scambi via mare; molte delle abitudini di vita vennero cambiate facendo si che in alcune zone la scrittura fosse usata sempre meno fino a scomparire.
Vennero poste le basi delle successive civiltà mediterranee
Nel Mediterraneo orientale scomparvero:
- i regni Micenei
- l’Impero ittita
- l’Egitto riuscì con difficoltà a respingere gli assalitori
Il Mediterraneo occidentale fu a sua volta sconvolto dall’arrivo delle popolazioni indoeuropee:
- nella penisola italica le pianure si spopolarono
- nel Meridione cessarono gli scambi con le terre egee
I Fenici
- 850 –750 a. C. le navi fenice riprendono a navigare usando le rotte già sperimentate prima delle grandi invasioni indoeuropee
- i Fenici ricercarono lungo la costa delle località adeguate che divennero porti attrezzati e scali commerciali
- seconda metà dell’VIII secolo gli ASSIRI conquistarono le città fenice imponendo pesanti tributi agli abitanti
- In questo modo a causa delle invasioni degli assiri molte persone si spostarono verso occidente fondando nuove città in località strategiche del Mediterraneo occidentale
- Ogni insediamento fenicio a Occidente dipendeva dalla MADREPATRIA, DALLA CITTA DI ORIGINE DEI SUOI ABITANTI, ed era per questo una COLONIA.
- Le colonie e la madrepatria erano unite da LEGAMI COMMERCIALI e da un TRIBUTO OBBLIGATORIO
- COLONIE:
Cartagine fondata dai coloni di Tiro nell’814 a. C., con una posizione strategica al centro della costa africana del Mediterraneo. Divenne in seguito indipendente dalla madrepatria.
NEL MONDO GRECO RINASCE LA CITTA
- I DORI avevano distrutto la civiltà micenea in Grecia; erano organizzati in tribù, che si erano impossessate di una parte del territorio e lo avevano suddiviso in villaggi autosufficienti.
- Ogni villaggio era retto da un CAPO che decideva in accordo con i CAPOFAMIGLIA.
- Le famiglie vivevano di agricoltura e allevamento.
II MILLENIO a. C.
- I Greci fuggono dalla Grecia e si rifugiarono sulla costa dell’Anatolia o Asia Minore dove fondarono delle nuove città in una zona costiera chiamata IONIA.
- I Greci della Ionia fondarono le loro città in località strategiche e in luoghi fertili.
- Le più importanti città ioniche furono: EFESO, MILETO, ALICARNASSO
VIII SECOLO a. C.
- Alcuni villaggi si trasformarono in città favorite da alcune condizioni favorevoli:
DELFI sorse attorno a un santuario
CORINTO sorse sul golfo Saronico, all’incrocio delle piste percorse da uomini e merci
Altre città sorsero in zone ricche di giacimenti di metallo
ATENE cominciò ad ingrandirsi perché era la residenza dei re
Nel nord si continuò a vivere nei villaggi come nel periodo antico
SI AFFERMA LA CITTA STATO
La CITTA diventa:
- il luogo del governo
- il luogo dell’amministrazione della giustizia
- il luogo del culto delle divinità comuni
- il luogo dove organizzare una comune difesa
La CITTA estese il suo controllo sul territorio circostante:
- sulla vicina campagna coltivata
- sulle più lontane terre incolte
- sui villaggi sparsi intorno
Si forma la CITTA STATO ossia la POLIS
I CITTADINI erano coloro che:
- vivevano nel territorio controllato dalla città
- possedevano un appezzamento di terreno
- possedevano la CITTADINANZA, il diritto di appartenere a quello Stato: la cittadinanza si trasmetteva di padre in figlio ed era dovuta alla nascita
LE CITTA STATO erano autonome e isolate, ma ebbero caratteristiche comuni:
- una forma di governo
- un territorio
- una popolazione
LA DISTINZIONE SOCIALE TRA GLI ABITANTI DELLE POLEIS erano una conseguenza delle invasioni
1) I DISCENDENTI DEI FONDATORI DELLA CITTA: GLI ARISTOCRATICI
Essi formavano un gruppo ristretto di famiglie in possesso di grandi proprietà terriere
Facevano lavorare da altri le terre che possedevano
Si dedicavano all’allevamento dei cavalli da usare in combattimento
Erano guerrieri e la guerra fu il loro mestiere
Erano NOBILI, poiché si distinguevano dalle altre famiglie per la loro origine
2) I POPOLANI
Erano i discendenti di coloro che avevano accettato l’autorità degli invasori
Erano uomini liberi
Avevano obblighi militari e civili
Dovevano combattere in guerra
Dovevano pagare i tributi potevano possedere terre e svolgere attività artiginali e commerciali
3) I SERVI
Vivevano in condizioni di povertà
Discendevano da coloro che avevano tentato di opporsi agli invasori
Non avevano libertà personale
Molti di loro erano servi della gleba, schiavi obbligati ai lavori agricoli.
LA REPUBBLICA ARISTOCRATICA
- MONARCHIE DI CONSIGLIO
Le poleis nel periodo più antico erano organizzate in monarchie di consiglio: il re governava consultando i capi delle famiglie nobili
- 750 a. C. La Monarchia viene sostituita dalla REPUBBLCA:
La repubblica è una forma di governo in cui il potere di comando è suddiviso tra cittadini eletti, allora chiamati magistrati.
- All’inizio si ha una REPUBBLICA ARISTOCRATICA:
Forma di governo nella quale solo gli aristocratici potevano essere eletti magistrati in quanto erano ricchi e forti militarmente
I nobili aristocratici furono i soli a godere dei diritti politici dai quali erano esclusi i popolani ed i servi.
- SPARTA REPUBBLICA ARISTOCRATICA
La maggioranza della popolazione che era composta da:
1) PERIECI , uomini liberi
2) ILOTI, servi della gleba
Era controllata dagli SPARTIATI, che facevano parte della falange oplitica:
La FALANGE OPLITICA era una formazione di soldati ordinati in file compatte:
La Repubblica Aristocratica era così organizzata:
- nell’APPELLA, assemblea che riuniva tutti gli uomini che avevano compiuto i 30 anni
- nella GHERUSIA che preparava i testi di legge da sottoporre all’assemblea e giudicava i casi in cui era prevista la pena di morte. Era composta da 30 aristocratici di età superiore ai 60 anni
- 5 EFORI, sorveglianti, eletti dall’appella, che amministravano la giustizia e controllavano le azioni dei cittadini comprese quelle dei gheronti.
LE COLONIE DELLA GRECIA
- 750 – 650 a. C. vi fu una nuova migrazione verso le zone costiere dell’Occidente e dell’Oriente a causa della scarsità delle risorse alimentari
- la Grecia non possedeva zone adatte alla crescita del grano
- la popolazione era aumentata e il grano non bastava più
- vennero organizzate spedizioni coloniali per trovare terre da coltivare
- con un capo, chiamato, ECISTA, partivano 100 o 150 persone, per lo più uomini che avrebbero formato nelle nuove zone nuove famiglie.
- Le nuove colonie si fondano lungo le coste del Mar Nero e del Mediterraneo occidentale
- Le colonie nuove non dipendevano dalla madrepatria, ma era una comunità autonoma con il proprio governo
- Nell’ITALIA MERIDIONALE furono fondate le colonie di PITECUSA, CUMA,
- Le regioni meridionali si riempirono di colonie greche e furono denominate Magna Grecia
SITUAZIONE DELL’ITALIA NEL PERIODO DELL’ARRIVO DEI GRECI:
- Era abitata da molti popoli
- La zona costiera tra il TEVERE e l’ARNO offriva terre da coltivare e risorse minerarie , soprattutto metalli
Gli abitanti di questa zona venivano chiamati ETRUSCHI
Gli Etruschi vivevano di agricoltura, ma soprattutto della lavorazione e del commercio del ferro
Grandi insediamenti erano all’epoca dell’arrivo dei Greci: VEIO, CERVETERI, TARQUINIA, VULCI, ORVIETO
- La zona tra il TEVERE e l’ANIENE che corrispondeva al Lazio antico era una zona adatta alla pastorizia e all’agri
Coltura
Gli abitanti erano noti come LATINI
Abitavano in villaggi tra loro indipendenti
Le famiglie non risentivano di particolari distinzioni sociali perché nessuno possedeva una maggiore quantità di
Terra o bestiame rispetto agli altri
730 a. C. cominciarono i rapporti tra Greci e Latini
700 a. C. RIPRESA DEI COMMERCI
- gli aristocratici delle poleis e gli abitanti delle colonie richiesero:
1) oggetti di lusso
2) oggetti raffinati come vasi di terracotta, pugnali finemente decorati o gioielli
- Si formarono così i NUOVI RICCHI:
Svolgevano attività in proprio
Non dipendevano da un padrone
Formarono il CETO MEDIO
- Il CETO MEDIO si componeva di :
artigiani
proprietari di navi
mercanti commercianti
- i PICCOLI PROPRIETARI TERRIERI
si impoveriscono e rischiano la libertà
ciò è dovuto dal fatto che il grano delle colonie costava meno rispetto a quello che veniva da loro prodotto
essi si indebitavano presso i ricchi chiedendo prestiti che non erano in grado di restituire
molto spesso non potendo ripagare il prestito diventavano schiavi di coloro che li avevano aiutati
- NULLATENENTI aumentano
Vengono chiamati THETI
Non possedevano nulla
Lavoravano dietro un compenso
Erano braccianti occupati nelle terre dei grandi proprietari terrieri
Molto spesso non trovavano lavoro perché venivano sostituiti dagli schiavi, molto più convenienti
IMPORTANZA E RUOLO DEL CETO MEDIO
- Ceto medio = la popolazione non aristocratica
- Esso modificò l’organizzazione degli eserciti della poleis
- La cavalleria era formata da nobili aristocratici ed era stata da sempre il principale reparto militare, essa determinava il risultato della battaglia
- 700a. C. incominciano ad operare gli OPLITI
fanti armati di spada e di lancia
erano protetti da uno scudo rotondo e maneggevole
combattevano schierati in una falange
avanzavano a piedi
si muovevano in file compatte contro lo schieramento avversario
per organizzare una falange oplitica occorreva un grande numero di uomini armati governanti chiesero dunque l’aiuto al ceto medio
il ceto medio poteva permettersi una armatura da oplita in quanto era meno costosa dell’armatura da cavaliere
- tra il 600 e il 500 a. C. l’esercito mutò la composizione sociale
accanto agli aristocratici combattevano coloro che appartenevano al ceto medio
la difesa dello stato non era più affidata solo agli aristocratici
- il CETO MEDIO reclama gli stessi diritti degli aristocratici di fronte allo Stato
chiedono :
1) una stessa legge in base alla quale essere giudicati
2) la partecipazione al governo
- Importanza del ceto medio
1) combattevano militarmente come opliti nell’esercito
2) contribuivano allo sviluppo della città con il loro lavoro
- il ceto medio riuscì ad ottenere una legge scritta facendo un passo avanti verso l’eguaglianza
- Reclamò poi i DIRITTI POLITICI
1) la possibilità di essere eletti per occuparsi del governo della città assieme agli aristocratici
- il ceto medio si allea con i nullatenenti contro i nobili creando dei malcontenti e facendo in modo che gli aristocratici non fossero più in grado di governare da soli
- nelle poleis sconvolte dal malcontento si fecero avanti uomini ambiziosi che seppero conquistarsi la fiducia degli insoddisfatti: i TIRANNI, che imposero il proprio dominio personale sullo Stato.
- VII SECOLO a. C. si sviluppa una nuova forma di governo chiamata TIRANNIDE
La tirannide vede un signore assoluto controlare il potere politico
Si diffuse nella maggior parte della Grecia e dei territori coloniali
Non durò a lungo poiché i tiranni si abbandonarono ad atti di violenza e crudeltà
La tirannide ruppe le forti resistenze degli aristocratici a rinunciare al governo
- 500 – 400a. C. si sviluppò un’altra forma di governo: la REPUBBLICA DEMOCRATICA
In questa forma di governo si prevedeva che:
- i cittadini fossero eletti alle cariche dello Stato
- i cittadini si occupavano del governo della poleis
- i diritti politici furono riconosciuti ai maggiorenni maschi, uomini che avevano compiuto i 20 anni
- le donne, gli stranieri e gli schiavi furono esclusi dal governo dello Stato
- la COSTITUZIONE fu la più importante legge scritta dello Stato
essa stabiliva a chi fossero riservati i diritti politici
stabiliva chi poteva essere eletto stabiliva chi poteva eleggere
stabiliva i compiti di ogni magistratura
stabiliva ogni incarico politico
- 594 a. C. ATENE fu la prima a giungere a un governo democratico
- con Solone, un nobile che godeva la fiducia di tutta la popolazione si arrivò ad una repubblica TIMOCRATICA
- la TIMOCRAZIA era una forma di governo che vedeva ridotto in parte il potere degli aristocratici a favore del resto della popolazione
- gli uomini liberi vennero divisi in 4 classi secondo il loro CENSO , la loro ricchezza
- tutti potevano partecipare alla assemblea popolare chiamata ECCLESIA
- tutti potevano essere sorteggiati per diventare giudici del tribunale popolare chiamato ELIEA
- Potevano essere eletti alla magistrature più importanti dello Stato gli Ateniesi più ricchi:
gli ARCONTI governavano lo Stato, mentre i BULE che erano 400 preparavano i lavori dell’assemblea
gli Arconti inoltre potevano accedere all’AEROPAGO, suprema corte di giustizia.
-
NELL’ATENE DI CLISTENE TUTTI POSSONO OCCUPARSI DEL GOVERNO
- 560 – 527 a.C. TIRANNIDE DI PISISTRATO
Egli favorì tutte le attività economiche e la cultura
Sotto il suo governo Atene divenne un grande centro di traffici, di attività artigianali, di arte e di spettacoli teatrali.
- 509 a. C. fu eletto arconte CLISTENE
Era un aristocratico rispettato da tutti
Abolì le classi di SOLONE
Raggruppò gli abitanti della polis in 10 TRIBU, in base alla loro RESIDENZA nel territorio
Tutti i cittadini maschi ebbero gli stessi diritti e gli stessi doveri:
- eleggere
- essere eletti o sorteggiati a tutte le cariche dello stato
- Con Clistene si ebbe una COSTITUZIONE DEMOCRATICA
COSTITUZIONE DEMOCRATICA
- Le riforme di CLISTENE posero tutti i cittadini ateniesi allo stesso livello
- Ciò che acquistò importanza fu l’idea di appartenere allo stesso TERRITORIO e alla stesa comunità
- Gli uomini liberi facevano parte dell’ESERCITO
- Tutti erano tenuti a partecipare al GOVERNO della polis
- Chi rivestiva una carica pubblica operava SENZA COMPENSO
- In questo modo era difficile per i nullatenenti occuparsi del governo poiché vivevano del proprio Lavoro e non potevano abbandonarlo
- Clistene introdusse l’OSTRACISMO = BISOGNAVA DIFENDERE LA DEMOCRAZIA DALLA TIRANNIDE. Almeno 6000 cittadini si riunivano a giudizio e decidevano se allontanare per 20 anni dallo stato quegli individui che cercavano di aumentare il loro POTERE PERSONALE
CHI ERA ESCLUSO DALLA DEMOCRAZIA?
- nelle poleis greche solo i MASCHI avevano la possibilità di diventare cittadini con diritti politici
- a 18 anni diventavano EFEBI ed entravano nell’EFEBIA = istituzione che si occupava della loro educazione militare ( lancio del giavellotto e nel tiro all’arco, letteratura, musica), proseguivano poi la loro educazione per imparare a FARE POLITICA
- Le DONNE invece si dedicavano ai lavori domestici se apparteneva a una famiglia agiata, si occupava dei bambini
- Fino a quando non si sposavano erano poste sotto l’autorità del padre, al quale tutti i membri della famiglia dovevano obbedienza
- Non possedevano i diritti politici, né i diritti civili, ossia la possibilità di disporre di se stesse e dei propri beni
- Gli STRANIERI erano numerosi
- I METECI, uomini liberi erano emigrati da altre città perché attirati dalla possibilità di arricchirsi altrove
Erano artigiani , commercianti, e mercanti
Godevano di diritti civili
Potevano risiedere nel territorio della polis
Potevano esercitare liberamente il loro mestiere
Potevano prendere in moglie una donna del posto
Avevano modeste tasse annuali
Non venivano riconosciuti loro i diritti politici
In caso di guerra entravano a far parte delle milizie, in genere come marinai
- Gli SCHIAVI erano privi di qualsiasi libertà
La loro vita apparteneva al loro padrone
Svolgevano lavori di ogni tipo
Erano importanti per il funzionamento della democrazia poiché lavoravano al posto degli uomini liberi, che potevano dedicare il loro tempo alla vita politica
GLI ETRUSCHI
- ETRURIA : è quel territorio tra il Tevere e l’Arno
VII secolo a. C. gli Etruschi erano il più potente popolo della penisola italica
Avevano conoscenze in ogni settore
Avevano una evoluta organizzazione del governo e della società
Il loro sviluppo poggiava:
1) su una fiorente agricoltura (fertili pianure e vallate adatte alla coltivazione)
2) sulla metallurgia, lavorazione dei metalli (grandi giacimenti minerari di ferro, rame, piombo, e argento)
3) sul commercio marittimo (con il legname delle foreste appenniniche si costruivano le navi, i golfi e le insenature costiere erano ricche di porti per l’ancoraggio delle navi.)
- VIII e VII secolo a. C. i grandi insediamenti sono:
VEIO
CERVETERI
ORVIETO
- questi insediamenti sono delle città indipendenti che avevano esteso il loro dominio su tutto il territorio circostante
GOVERNO DELLE CITTA ETRUSCHE
- Erano governate da un RE –SACERDOTE , detto LUCUMONE
Egli era il giudice supremo
Il capo militare
Il capo religioso
- gli ARISTOCRATICI
erano nobili guerrieri
possedevano terreni coltivabili
possedevano le miniere
controllavano la produzione artigianale
controllavano le spedizioni marittime
dopo il 600 a.C. crearono delle REPUBBLICHE ARISTOCRATICHE
- Non esisteva il CETO MEDIO
- Il resto della popolazione viveva in stato di semi servitù
1) contadini
2) artigiani
3) domestici
4) lavoratori delle miniere
questi erano considerati uomini liberi
lavoravano x gli aristocratici come manodopera
- gli SCHIAVI privi di libertà personale
COMMERCIO ETRUSCO
- GLI Etruschi si occuparono di diverse attività:
1) coltivare la terra dopo aver bonificato numerose zone paludose
2) sfruttare i giacimenti minerari
3) commercio marittimo che era sviluppato grazie alle attività artigianali
traffici con la Sardegna
traffici con Cartagine sulla costa africana
concorrenza ai naviganti fenici e greci
4) commercio via terra
in questo modo si espansero oltre i loro confini naturali tra il Tevere e l’Arno
si diressero verso sud verso la Campania, contendendo il traffico commerciale alle colonie greche
si pinsero a nord nella pianura padana, diventando padroni dei valichi alpini che mettevano in comunicazione l’Europa centrale
5) entrarono in contatto con i CELTI, tribù guerriere
i Celti vendevano agli Etruschi: carne salata, cuoio, tessuti e schiavi
Gli Etruschi vendevano ai Celti. Vasi in ceramica, come i buccheri di argilla nera e oggetti in bronzo
IL TEVERE SEPARA ETRUSCHI E ROMANI
- Il fiume Tevere all’altezza della città di Veio faceva da confine tra il territorio etrusco e il nascente stato latino
- X secolo a. C. i Latini avevano fondato villaggi sui colli:
1) Capitolino
2) Palatino
3) Aventino
Questi erano i 3 colli più vicini alla curva del fiume dove convergevano le piste commerciali lungo la valle del Tevere. Questa zona era una zona favorevole e strategica; permetteva lo scambio di merci come il SALE
NASCITA DI ROMA
- La possibilità di controllare questa zona e quindi il transito delle erci fece la fortuna dei villaggi sui colli vicini
- Essi si ingrandirono fino a diventare un unico insediamento
- Il COLLE PALATINO era il centro del controllo di tutta la comunità
- Con scavi recenti sono stati trovati i resti del POMERIO = recinto sacro e delle mura che risalgono all’VIII secolo a. C.
- Roma secondo la tradizione venne fondata da ROMOLO nel 753 a. C.
GLI ETRUSCHI FANNO DI ROMA UNA CITTA STATO
- VII secolo a. C. il Lazio si venne a trovare tra due aree governate dagli Etruschi
1) a nord l’Etruria
2) a sud la Campania
- 600 a. C. gente etrusca si impadronì del governo della città ormai strategica per i commerci
- 600- 500 a. C. Roma fu governata da sovrani di origine etrusca, sostenuti dalle famiglie aristocratiche che dall’Etruria si erano stabilite nella città
EDIFICI E OPERE PUBBLICHE TRASFORMANO LA CITTA
- Gli Etruschi costruiva no opere idrauliche per la bonifica e per l’irrigazione
1) CLOACA MASSIMA il più importante canale di scolo della città
2) Fecero prosciugare la zona tra i colli Capitolino e Palatino
3) Costruirono il FORO = piazza principale
4) Pavimentarono le zone di transito: l’area del Foro venne rivestita di pietra e le strade cittadine di ciottoli
5) I Romani impararono dagli Etruschi ad organizzare lo spazio della città seguendo il modello etrusco che prevedeva strade tra loro parallele e perpendicolari:
il CARDO con direzione nord sud
il DECUMANO con direzione est ovest
6) i Romani appresero l’uso delle ARCATE nelle costruzioni in pietra
7) la città venne abbellita con edifici pubblici:
la REGIA = abitazione del re
il CIRCO MASSIMO = per i grandi giochi
Il TEMPIO di Giove, Minerva e Giunone, divinità protettrici della città
CINTA MURARIA racchiuse il territorio dove si erano sviluppati gli antichi villaggi
-
1

Esempio



  



Come usare