Atteggiamenti e valori della donna italiana nei confronti della maternità

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

2.5 (2)
Download:120
Data:09.03.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
atteggiamenti-valori-donna-italiana-confronti-maternita_1.zip (Dimensione: 1.62 Kb)
trucheck.it_atteggiamenti-e-valori-della-donna-italiana-nei-confronti-della-maternit+     3.3 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Atteggiamenti e valori della donna italiana nei confronti della maternitа
A questo punto, и d'obbligo chiedersi come la donna italiana viva la sua maternitа.
La societа italiana и ben nota per essere altamente familistica e per essere stata caratterizzata, fino ai nostri giorni, da quello che molti sociologi hanno chiamato il "complesso della Grande Madre", giа presente nella cultura etrusca, e prevalente nella cultura matriarcale degli italici, prima che sparisse a causa dei conquistatori romani del VII secolo a. C.
La personalitа dell'italiano, sembra quindi storicamente legata al "mammismo", ad una relazione di dipendenza privilegiata con la figura materna, simbolo di protezione e sicurezza. In effetti, nella cultura tradizionale, la maternitа и vissuta dalla donna italiana come un'affermazione di tutta la propria

femminilitа, il momento a partire dal quale ella puт acquistare in famiglia un ruolo non secondario riconosciuto dal maschio.
In questo contesto, perт, non dobbiamo dimenticare un aspetto importantissimo dell'essere madre nella nostra societа, che ha contribuito alla diminuzione dei tassi di natalitа e che и fra i primi responsabili del nuovo assetto della famiglia italiana: l'affermazione delle donne nel campo del lavoro.
La maternitа, infatti, intesa come il periodo concesso dalle aziende alle future mamme, che si protrae di solito dal settimo mese di gravidanza al terzo mese dopo il parto, и una conquista ottenuta in tempi recenti (legge n° 1204 del 1971), ed и esigibile, solo in condizioni

lavorative regolari, infatti, tutto il mondo sotterraneo del lavoro nero, ne и ovviamente escluso.
Ci sono casi in cui anche in una situazione di assunzione regolare, si impone alla dipendente, pena il licenziamento, di non usufruire di tale agevolazione, e nonostante le aziende si professino a parole a favore delle donne nel loro organico, molte volte, evitano di assumere donne, che andando in maternitа arrecano un "danno" economico all'azienda, che и costretta per quel periodo a pagare uno stipendio a "vuoto", quando non deve anche prendere qualcuno che sostituisca la persona in questione.

Esempio