Il sistema nervoso

Materie:Appunti
Categoria:Scienze
Download:828
Data:11.05.2009
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
sistema-nervoso_23.zip (Dimensione: 8.3 Kb)
trucheck.it_il-sistema-nervoso.doc     38 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

IL SISTEMA NERVOSO
Il sistema nervoso è composto da diversi organi:
1) IL CERVELLO
2) IL CERVELLETTO
3) IL MIDOLLO SPINALE
4) I NERVI.
Tutti questi organi sono formati dallo stesso tessuto: IL TESSUTO NERVOSO.
Il tessuto nervoso è un tessuto perenne, cioè le sue cellule non hanno la capacità di moltiplicarsi,
(per cui quando c’è una lesione che distrugge alcune cellule nervose il danno è permanente).
Il tessuto nervoso è costituito da cellule specializzate dette NEURONI.
Ogni neurone è formato dal corpo cellulare e da due tipi di prolungamenti numerosi dendriti e un assone.
Il corpo cellulare è la cellula vera e propria e contiene il nucleo e gli organi cellulari
I dendriti sono prolungamenti corti e ramificati che ricevono gli impulsi nervosi e li mandano al corpo cellulare
L’assone è un prolungamento lungo che conduce gli impulsi che provengono dal corpo cellulare.
Gli assomi hanno un rivestimento “la guaina mielinica” contenente la “mielina” questo rivestimento funziona da materiale isolante, gli assomi rivestiti conducono gli impulsi nervosi più velocemente di quelli che ne sono privi.
I dendriti e gli assoni sono chiamati “fibre nervose”
I nervi sono fasci di fibre nervose.
I NEURONI
I neuroni sono cellule specializzate che hanno come proprietà: l’eccitabilità e la conducibilità
1) ECCITABILITA’ significa che quando ad un neurone arriva uno stimolo questo elabora una risposta adeguata allo stimolo ricevuto
2) CONDUCIBILITA’ significa che il neurone conduce i messaggi che riceve o invia sotto forma di impulsi elettrici che viaggiano lungo le fibre nervose
I neuroni hanno forme e dimensioni diverse ma si possono classificare in 3 tipi principali:
1) neuroni motore che trasmettono gli impulsi dal sistema nervoso agli organi periferici
2) neuroni associativi che servono a collegare tra loro altri neuroni
3) neuroni sensoriali (o cellule bipolari o cellule T) che hanno due prolungamenti rivestiti di mielina, uno dei quali conduce l’impulso verso il corpo cellulare (cioè verso l’interno) e l’altro dal corpo cellulare verso l’esterno.
LA SINAPSI:
L’impulso nervoso viaggia sempre in una sola direzione dal dendrite al corpo cellulare e all’assone. Poi l’assone trasmette l’impulso al dendrite di un altro neurone e così via fino a quando l’impulso non raggiunge un centro nervoso (se si tratta di un impulso sensoriale) o un muscolo se si tratta di un impulso motore.
Il passaggio dell’impulso dall’assone al dendrite di un altro neurone è reso possibile da un collegamento detto sinapsi
Ogni assone termina con delle sottili ramificazioni che hanno alla punta un piccolo rigonfiamento detto “bottone sinaptico”
Questo bottone non va a diretto contatto con il dendrite perché tra essi è sempre presente un sottile spazio detto “spazio sinaptico”
Per l’impulso poter passare dall’assone di un neurone al dendrite di un altro neurone è necessario che il bottone sinaptico liberi nello spazio sinaptico una particolare sostanza chiamata: neurotrasmettitore
Vi sono diversi tipi di neurotrasmettitori:
l’acetilcolina
l’adrenalina
la noradrenalina
RIEPILOGANDO IN BREVE:
Il sistema nervoso è formato da tessuto nervoso
Il tessuto nervoso è formato da neuroni
I neuroni sono formati da corpo cellulare dendriti e assoni
Gli assoni sono rivestiti da guaina mielinica
Assoni e dendriti insieme formano le fibre nervose
Fasci di fibre nervose formano i nervi
I neuroni sono cellule con le proprietà di eccitabilità e conducibilità
Ci sono 3 tipi di neuroni: motore, associativi e sensoriali
L’impulso nervoso viaggia sempre solo in una direzione (dall’assone al dendrite)
Il passaggio dell’impulso avviene grazie alla sinapsi
La sinapsi è possibile grazie ad una sostanza chiamata neurotrasmettitore
Vi sono 3 tipi di neurotrasmettitori: acetilcolina, adrenalina, noradrenalina.
IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
Il sistema nervoso centrale (SNC) è costituito da:
ENCEFALO contenuto nel cranio
MIDOLLO SPINALE contenuto nel canale vertebrale.
Sia l’encefalo che il midollo spinale sono protetti da 3 membrane o meningi:
1) la pia madre la membrana più interna, è ricca di vasi sanguigni e aderisce alla sostanza nervosa
2) l’aracnoide la membrana intermedia
3) la dura madre una membrana fibrosa e spessa che riveste la scatola cranica e il canale vertebrale aderendo alle ossa.
Nello spazio tra la pia madre e l’aracnoide si trova un liquido protettivo chiamato liquido cerebro-spinale.
L’ENCEFALO: è la parte del sistema nervoso racchiusa nella scatola cranica.
All’encefalo giungono tutte le informazioni sensoriali dalla periferia del corpo, qui vengono elaborate e poi le risposte vengono rimandate ai vari organi.
Nell’encefalo si trovano due sostanze:
una sostanza grigia: formata dai corpi cellulari dei neuroni che sono grigi perché privi di mielina
e una sostanza bianca (formata da fibre nervose rivestite di mielina)
L’encefalo comprende anche il cervello, il cervelletto e il midollo allungato (o bulbo).
IL CERVELLO: è la parte più importante e voluminosa dell’encefalo.
E’ diviso da un profondo solco in due parti chiamate emisferi cerebrali, destro e sinistri, queste sono collegate tra loro dal corpo calloso.
La parte più esterna del cervello è chiamata corteccia cerebrale ed è formata da sostanza grigia
la memoria, l’apprendimento e il ragionamento.
Nella corteccia si trovano varie zone dette lobi cerebrali ognuno dei quali svolge una precisa funzione (motoria, uditiva ecc)
La sostanza bianca si trova all’interno del cervello e nel suo interno si trovano alcune zone di sostanza grigia che sono il talamo e l’ipotalamo.
IL TALAMO ha la funzione di controllare tutte le informazioni sensoriali (quelle visive dal nervo ottico, quelle uditive ) e le smista verso i vari lobi della corteccia, inoltre svolge un ruolo importante nella percezione del dolore, del gusto, della regolazione della temperatura ecc.
L’IPOTALAMO si trova sotto al talamo e regola gli stimoli provenienti dall’interno del corpo come la fame, la sete, il sonno, il piacere ecc…, esso ha stretti rapporti con l’ipofisi che è una ghiandola che secerne ormoni perché gli ormoni ipofisari infatti sono prodotti sotto il controllo dell’ipotalamo.
IL CERVELLETTO è una formazione che si trova sotto gli emisferi cerebrali.
All’esterno è formato da sostanza grigia chiamata corteccia cerebellare da questa parte un ramo di sostanza bianca che penetra all’interno ed è chiamata albero della vita.
Il cervelletto coordina i movimenti volontari e il linguaggio , senza controllo del cervelletto non potremmo né parlare né stare in piedi
IL MIDOLLO ALLUNGATO è una formazione nervosa che congiunge il cervello con il midollo spinale esso contiene centri che controllano i movimenti involontari come la respirazione e il battito cardiaco.
IL MIDOLLO SPINALE è un cordone nervoso bianco lungo 44 cm. che parte dalla prima vertebra cervicale (l’atlante) alla seconda vertebra lombare. Nel midollo spinale la sostanza grigia si trova all’interno e la sostanza bianca all’esterno.
RIEPILOGANDO IN BREVE:
Il sistema nervoso centrale è formato da encefalo e midollo
Encefalo e midollo sono protetti da 3 membrane: La pia madre.
L’aracnoide
La dura madre
L’encefalo comprende cervello, cervelletto e midollo allungato
Il cervello è diviso in due emisferi cerebrali, destro e sinistro
la parte esterna si chiama corteccia cerebrale dentro la quale si trovano i lobi cerbrali
la parte interna contiene il talamo e l’ ipotalamo
Il cervelletto ha la parte esterna (grigia) chiamata corteccia cerebellare
La parte interna (bianca) dove si trova l’albero della vita
Il midollo allungato congiunge cervello e midollo spinale
Il midollo spinale posto all’interno delle vertebre conduce gli impulsi nervosi dal cervello alla periferia del corpo
IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO
Il sistema nervoso periferico è costituito dai nervi che collegano le varie parti del corpo al sistema nervoso centrale.
A secondo di dove hanno origine si distinguo in: nervi cranici e nervi spinali.
I nervi cranici sono in tutto 12 paia e hanno origine dall’encefalo.
Si distinguo in :
nervi motori, che trasportano impulsi motori ai muscoli
nervi sensoriali, che trasportano impulsi sensoriali dagli organi specifici (nervo ottico)
nervi misti che trasportano tutti e due gli impulsi .
I nervi spinali sono 31 paia e hanno origine dal midollo spinale . Sono tutti nervi misti.
IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO
È la parte del sistema nervoso che innerva i visceri (bronchi, stomaco, esofago ecc) regolando le funzioni della vita come la respirazione, la digestione ecc anche senza il controllo della volontà.
Esso è costituito da due sistemi: il sistema simpatico e il sistema parasimpatico.
I due sistemi agiscono contemporaneamente sugli stessi organi ma in senso opposto. Dal loro equilibrio dipende il buon funzionamento di ogni organo.
Il sistema simpatico (o ortosimpatico) è costituito da una catena di gangli posti ai lati della colonna vertebrale, la sua funzione è quella di accelerare l’attività degli organi innervati.
Es: stimola l’attività cardiaca, i movimenti dello stomaco ecc…
Il mediatore chimico del sistema simpatico è l’adrenalina:
Il sistema parasimpatico manda segnali antagonisti, come ad esempio rallentare l’attività cardiaca il suo mediatore chimico è l’acetilcolina.
L’ATTIVITA’ RIFLESSA Il sistema nervoso centrale, il periferico e l’autonomo sono collegati e collaborano tra loro.
A volte gli stimoli prima ancora di giungere alla corteccia producono una risposta automatica e involontaria detta arco riflesso. (come quando si pensa di toccare una pentola bollente e si ritira la mano senza avere effettivamente sentito la temperature della pentola che è fredda).
IL SISTEMA NERVOSO DEGLI ANIMALI.
Gli animali unicellulari non possiedono strutture nervose specializzate.
Gli insetti, invece possiedono un sistema nervoso piuttosto complesso.
Negli animali vertebrati il sistema nervoso è organizzato come nell’uomo. Le uniche differenze tra un animale e l’altro riguardano lo sviluppo dell’encefalo.
Nei pesci e negli anfibi gli emisferi cerebrali sono molto ridotti, mentre hanno molto sviluppati i lobi ottici e olfattivi.
I rettili hanno emisferi cerebrali più sviluppati ma il cervelletto è poco sviluppato.
Gli uccelli hanno un encefalo piuttosto piccolo ma sono molto sviluppati i lobi ottici e il cervelletto per coordinare i muscoli del volo.
Nei mammiferi gli emisferi cerebrali diventano sempre più voluminosi quanto più un animale è evoluto.
L’uomo si differenzia dagli altri mammiferi per l’enorme sviluppo della corteccia cerebrale.

Esempio



  



Come usare