Il Napalm

Materie:Appunti
Categoria:Scienze

Voto:

2 (2)
Download:351
Data:21.11.2005
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
napalm_1.zip (Dimensione: 76.85 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-napalm.doc     1056.5 Kb



Testo

L'USO DEI DEFOGLIANTI CHIMICI NELLA GUERRA DEL VIETNAM
L'avvento delle armi nucleari porta a considerare, a metà del secolo, la guerra chimica come una cosa ormai superata.
Soldato americano con un fucile
La maggior parte degli eserciti possiede degli equipaggiamenti difensivi soddisfacenti e l'efficacia delle armi chimiche è spesso legata a fattori imprevedibili come quelli meteorologici. I paesi più progrediti sanno che l'uso dei gas non può bastare per risolvere un conflitto ma può essere l'arma più efficace ed economica per perseguire specifici obiettivi.
Negli anni Sessanta si guarda con interesse a questo nuovo uso delle armi chimiche; è quello che succede durante la guerra del Vietnam dove gli americani spargono grandi quantità di defolianti per privare i guerriglieri Vietcong della copertura naturale delle
Effetto del napalm sul terreno.
foreste di mangrovie e limitare le riserve di cibo irrorando i campi di riso. Si calcola che dal 1961 al 1971 siano stati utilizzati 72 milioni di litri di erbicidi e 400.000 bombe al napalm le cui tossine hanno inquinato per decenni il suolo del Sud del paese.
Tra le misture di agenti tossici usati nella guerra in Vietnam il più usato è stato il Napalm.
Il Napalm è un derivato dell'acido naftenico o naftoico e dall'acido palmitico (si trova nelle noci di cocco).
E' prodotto dalla saponificazione tramite alluminio dei due acidi, precipitano saponi di alluminio che vengono usati per preparare un gel altamente infiammabile.
E' usato per costruire bombe, mine e combustibile per i lanciafiamme.
La preparazione risale al secondo conflitto mondiale precisamente nel 1942. Il nome Napalm deriva proprio da NAftenico e PALMitico che sono i maggiori costituenti.
Composizione chimica del Napalm

L’uso del Napalm produce una grande fiammata che incenerisce chi si trova a breve distanza, mentre le gocce di napalm scagliate intorno in tutte le direzioni aderiscono alle persone continuando a bruciare per 10 minuti provocando atroci sofferenze.

Esempio