I vulcani

Materie:Riassunto
Categoria:Scienze
Download:352
Data:11.02.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
vulcani_10.zip (Dimensione: 3.48 Kb)
trucheck.it_i-vulcani.doc     22 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Attività vulcanica esplosiva: lave acide, magma viscoso, pressione maggiore nella camera magmatica, violente esplosioni, frammenti detti piroclasti (ceneri, lapilli, bombe e blocchi). PIROCLASTI: caduta gravitativa (+ grandi cadono vicino al luogo di emissione, + piccoli lontano; formano cineriti, tufi, brecce vulcaniche; nel mare si accumulano sul fondo dando luogo a tufiti), flusso piroclastico (temp. e densità elevate, elevati rapporti piroclasti/gas, alta velocità; creazione di nubi ardenti –valanghe di materiale solido e gas a alta temperatura- e lahar –colate di fango provocate dal flusso piroclastico in vulcani con coperture di ghiaccio sommatale-), ondata basale (bassa densità, basso rapporto piroclasti/gas, alta velocità, flusso turbolento, eruzioni freato-magmatiche). Attività vulcanica effusiva: lave basaltiche molto fluide emesse a alte temperature, scorrono lentamente creano fiumi di lava. Lave subaeree: superfici lisce (pahoehoe) o vetrose e taglienti (aa). Lave subacquee: contatto con l’acqua (lava a cuscino, struttura a goccia con crosta solida vetrosa). VULCANI: a scudo (lave basaltiche molto fluide, eruzioni frequenti, convessità verso l’alto, fianchi non molto ripidi), stratovulcani (strati di piroclasti alternati a colate laviche, eruttano sia piroclasti che lava), coni di scorie (pendii ripidi, bassa altezza, fatti di frammenti sciolti quindi facili da erodere), protrusioni solide (lave acide che solidificano nel punto di emissione), fessurazioni colonnali (lava basaltica che si raffredda e produce colonne di basalto a base esagonale), duomi di lava (cupole di ristagno che solidificano sul punto di emissione), necks o plugs (condotti vulcanici riempiti di lava o piroclasti –tappi-), maar (cratere di esplosione). CALDERE: strutture depresse subcircolari o ovali sulle cime dei vulcani a eruzione centrale: di sprofondamento (collasso della parte sommitale del vulcano verso il basso) o di esplosione (depressioni a imbuto, esplosione distrugge la sommità del cono). ERUZIONI LINEARI O FISSURALI: il magma esce dalle fratture e si distribuisce omogeneamente formando i plateaux (espandimenti di lava pianeggiante). VULCANISMO SECONDARIO: ultime fasi di vita di un vulcano o momenti di stasi. Fumarole (emissioni di anidride carbonica e acido solfidrico; solfatara = acido solfidrico reagisce con l’ossigeno e cristallizza lo zolfo; mofete = prevale l’emissione di anidride carbonica), soffioni boraciferi (vapore acqueo + acido borico, sfruttati x energia elettrica), geyser (emissioni di acqua bollente a intervalli regolari), vulcanetti di fango e salse (acque fangose in piccoli laghetti che ribolliscono generando piccoli coni).

Esempio



  



Come usare