Le Imposte

Materie:Appunti
Categoria:Scienze Delle Finanze
Download:845
Data:25.05.2009
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
imposte_7.zip (Dimensione: 9.56 Kb)
trucheck.it_le-imposte.doc     37 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

SCIENZE DELLE FINANZE: LE IMPOSTE
1. Quali sono gli effetti di una pressione tributaria eccessiva?
Poiché l’imposizione dei tributi incide sulla produzione, i consumi, il risparmio e la distribuzione della ricchezza, la sua intensità può produrre diversi effetti. Poiché riduce la capacità di acquisto della famiglia e delle imprese, se troppo elevato, può determinare una contrazione della domanda e degli investimenti, riducendo la domanda globale. Può inoltre determinare l’inflazione da costi per eccessiva richiesta di aumenti salariali, diminuendo la propensione al risparmio delle famiglie che non vogliono abbassare il proprio tenore di vita. Al lungo termine, gli effetti di una pressione tributaria eccessiva provocano una contrazione delle attività produttive, dell’offerta globale e dell’occupazione, determinando una fuga di capitali verso Paesi ove il peso fiscale è minore.
2. Come può reagire il contribuente di fronte all’applicazione di un nuovo tributo?
Principalmente il contribuente può agire in due modi: o si sottrae al pagamento svolgendo normalmente la sua attività e dunque violando le norme tributarie (evasione) o approfittando delle imprecisioni di alcune leggi (elusione), oppure modifica le proprie scelte economiche per neutralizzare il peso delle imposte pagate incentivando la il lavoro o la produzione (rimozione, elisione) o facendo ricadere l’imposta sul consumatore finale (translazione, ammortamento, diffusione).
3. Che cos’è l’evasione? Perchè è un grave reato contro la società?
L’evasione è un metodo volto a occultare, totalmente o parzialmente, l’esistenza della materia imponibile per sottrarsi al pagamento dei tributi. E’ un grave reato contro la società perchè danneggia il fisco, crea sperequazione tra i contribuenti e nuoce all’equilibrio del mercato.
4. In che cosa consiste l’elusione dell’imposta?
Diversa dall’evasione è l’elusione, ossia il metodo volto ad aggirare, seppur rispettando formalmente le leggi vigenti, la natura delle operazioni di una società, senza imbattersi in obblighi o divieti previsti dalle leggi fiscali. Anche agendo in questo modo si hanno effetti negativi sulla società: riduzione del gettito delle imposte, sperquazione del carico tributario e distorsioni nelle condizioni della concorrenza.
5. Come si può definire la translazione dell’imposta?
La translazione dell’imposta è il processo economico mediante il quale il contribuente riesce a riversare l’onere dell’imposta che ha dovuto versare al fisco su un altro soggetto, il quale ne sopporta effettivamente il peso (tale soggetto spesso coincide con il consumatore finale).
6. Che cos’è la percussione? E l’incidenza?
La percussione è un effetto della translazione che si ha quando l’imposta viene applicata al contribuente di diritto (perosso). L’incidenza è un effetto della translazione che si ha quando il contribuente di fatto sopporta definitivamente l’onere di tale imposta (inciso).
7. La translazione ha conseguenze dannose?
A differenza di quanto accade nel caso dell’evasione, dell’evasione e della rimozione, la translazione non reca danno al fisco perchè l’imposta viene effettivamente pagata; però reca danno alla persone che subiscono l’onere dell’imposta, che non sono state espressamente indicate dalla legge come soggetti passivi.
8. In genere è più frequente l’effetto della rimozione o quello dell’elisione?
Oggetto di molte polemiche, la risposta a questa domanda è che è più frequente l’effetto della rimozione, anziché quello dell’elisione; è vero che il prelievo fiscale può agire da stimolo alla produzione, incentivando i contribuenti a lavorare di più per compensare le perdite subite (elisione), ma è anche vero che si può ottenere l’effetto contrario (rimozione), cosa che succedere con più frequenza.
9. Quali sono le circostanze che più influiscono sulla translazione?
Perchè la translazione sia possibile è necessario che l’imposta colpisca i singoli beni o servizi soggetti a scambio e che il loro prezzo possa essere modificato in seguito all’applicazione dell’imposta.
15. Quali sono gli effetti economici dell’evasione fiscale?
Come detto, le gravi conseguenze dell’evasione fiscale sono il danno al fisco, la sperequazione fra i contribuenti e i danni all’equilibrio del mercato; per quanto riguarda quest’ultimo punto, il danno al sistema di mercato deriva dal fatto che l’evasione altera le condizioni della concorrenza, perchè gli evasori si trovano in avvantaggiati rispetto agli altri operatori economici.
16. E’ possibile che l’introduzione di un’imposta determini effetti positivi sugli incentivi a lavorare e produrre?
L’effetto dell’elisione prevede appunto che il contribuente, mediante un incremento dell’attività, si procuri maggior reddito con il quale far fronte all’imposta; è un’ipotesi comunque realistica, anche se ha incontrato, sprattutto nel secolo scorso, parecchie contraddizioni legate all’effetto della rimozione. Questi due effetti, in contrasto tra loro, in passato hanno fatto discutere molti economisti.
17. Vi sono imposte che normalmente non danno luogo a translazione?
Nel caso di regime monopolistico, vi sono imposte che non danno luogo a translazione: quelle fisse (somme prestabilite per legge, da versare indipendentemente dalla quantità prodotta o dal profitto) e quelle proporzionali al profitto. In questo caso, solamente le imposte proporzionali alla quantità prodotta e venduta danno luogo ad una translazione.
18. Chiarisci la differenza fra l’evasione e l’elusione dell’imposta.
Mentre l’evasione fiscale prevede l’occultamente parziale o totale dell’esistenza della materia imponibile (omettendo di dichiarare l’effettiva produzione, occultando registri contabili e documentazione, fino ad arrivare nei casi più gravi alla distruzione di alcuni di essi), l’elusione fiscale viene attuata aggirando la legge, e non agendo formalmente in modo illegittimo nei confronti del fisco. Infatti, approfittando delle lacune e delle imprecisioni di alcune norme confuse e disorganiche, il contribuente aggira divieti ed obblighi fiscali senza compiere effettivamente atti fuorilegge.
19. Spiega in quali casi e per quali ragioni l’imposizione fiscale può dare luogo e spinte inflazionistiche.
Quando il prelievi fiscale diventa troppo accentuato, i lavoratori che hanno a carico delle famiglie, soggetti molto importanti dell’economia, per mantenere la loro capacità di acquisto senza abbassare il proprio tenore di vita, premono per ottenere aumenti salariali. Le imprese che gli danno lavoro, per soddisfare il bisogno, scaricano sui prezzi di vendita sia il maggior costo del lavoro che il peso delle imposte cui sono direttamente assoggettate. L’inflazione che si verrà a creare sarà un’inflazione da costi.

Esempio



  



Come usare