Entrate Pubbliche e Spesa Pubblica

Materie:Appunti
Categoria:Scienze Delle Finanze

Voto:

1 (2)
Download:515
Data:24.05.2005
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
entrate-pubbliche-spesa-pubblica_1.zip (Dimensione: 6.02 Kb)
trucheck.it_entrate-pubbliche-e-spesa-pubblica.doc     33 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LE ENTRATE PUBBLIHE
SPESA PUBBLICA: insieme delle erogazioni monetarie effettuate dallo stato e dagli altri enti pubblici per la produzione di beni e servizi necessari a soddisfare i bisogni della comunità. La somma delle spese pubbliche costituisce il fabbisogno finanziario.
WELFARE STATE: dal secondo dopoguerra in poi, le spese pubbliche, in particolare quelle sociali, sono diventate lo strumento per la politica di redistribuzione del reddito, aumentando però la spesa pubblica.
CROWDING OUT (effetto piazzamento): il problema del welfare state veniva risolto facendo a ricorso a un inasprimento fiscale o all’indebitamento, sottraendo risorse al settore privato.
DEBITO PUBBLICO: insieme dei prestiti assunti dallo stato e dagli altri enti pubblici per coprire i disavanzi di bilancio.
PROJECT FINANCING: consiste nell’aggregare intorno a un’iniziativa di investimento pubblico dei soggetti privati; la pubblica amministrazione svolge la semplice funzione di programmazione, progettazione, assegnazione e controllo dell’opera. In questo modo si possono raggiungere due obbiettivi: si solleva no le pubbliche amministrazioni dagli oneri relativi al finanziamento dell’opera infrastrutturale e si affida al settore privato la gestione dell’opera, incentivando il livello di efficienza e assicurandone la piena utilizzazione commerciale; la spesa graverà solo sui soggetti che effettivamente usufruiscono del servizio e non su tutti i contribuenti.
CONTRIBUTI SOCIALI: particolare forma di prelievo coattivo a carico dei datori di lavoro e dei lavoratori, effettuata da enti pubblici non territoriali per finanziare l’attività assicurativa e previdenziale esercitata da questi enti a favore dei lavoratori (parafiscalità).
POLITICA ECONOMICA: non è indifferente prelevare del denaro a una classe sociale piuttosto che a un’altra; inoltre attraverso le politiche fiscali può: ridistribuire il reddito (far gravare + imposte ai ricchi); agevolare determinate categorie in crisi; incentivare, attraverso sgravi fiscali, le imprese che intendono ubicare i loro stabilimenti in zone geografiche dove la disoccupazione è + forte).

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE PUBBLICHE
ENTRATE PUBBLICHE: mezzi finanziari che lo stato e gli enti pubblici si procurano per far fronte alle spese pubbliche.
ORIGINARIE (derivanti dalla gestione del patrimonio dello Stato)
DERIVATE (prestazioni obbligatorie dovute dai cittadini)
BENI DEMANIALI: soddisfano direttamente i bisogni della collettività; sono inalienabili, imprescrittibili, infruttiferi;
BENI PATRIMONIALI: sono proprietà privata di stato e enti pubblici; sono fruttiferi.
Imposte: beni e servizi pubblici generali; beni e servizi indivisibili e non individualizzabili; coattività del pagamento; non esiste rapporto tra imposta e servizio goduto.
Tasse: beni e servizi pubblici speciali; beni e servizi divisibili e individualizzabili; volontarietà coattività del pagamento; si collega al servizio pubblico goduto.
Contributi: prelievi coattivi di ricchezza attuati dall’ente pubblico nei confronti di determinati soggetti, che si avvantaggiano di opere pubbliche o di servizi generali, resi per l’intera collettività.
Demanio Necessario: beni che x la funzione che svolgono devono necessar. appartenere allo stato (marittimo, idrico, militare).
Demanio Accidentale: beni capaci di soddisfare interessi privati e pubblici (stradale, culturale).
Indisponibili: beni che non hanno i caratteri dei bei demaniali, ma sono prescrittigli.
Disponibili: tutti gli altri beni; servono indirettamente ai fini pubblici, in quanto produttivi di reddito.

Esempio