traduzioni di Ovidio

Materie:Traduzione
Categoria:Latino

Voto:

1.5 (2)
Download:147
Data:02.02.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
traduzioni-ovidio_2.zip (Dimensione: 4.87 Kb)
trucheck.it_traduzioni-di-ovidio.doc     23.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

DEDALO E ICARO

…cum puer audaci coepit gaudere volatu, deseruitque, cealique cupidine tractus, altiur egit iter.
Quando il ragazzo cominciò a gustare l’azzardo del volo, si staccò dalla sua guida e, affascinato dal cielo, si diresse verso l’alto.
L’INTENTO: LA MUTAZIONE DELLE FORME IN NUOVI CORPI (p. 562)
In nova fert animus dicere formas corpora; di, coeptis (nam mutastis et illas) aspirate meis primaque ab origine mundi mea perpetuum deducite tempora carmen!
L’animo mi porta a descrivere le forme cambiate in corsi nuovi; o dèi, siate propizi alle mie cose che vado ad iniziare (infatti proprio voi che avete cambiato quelle) e dalla prima origine del mondo portate il mio carme fino ai miei tempi.
TUTTO SI TRASFORMA (p. 563)
Corpora, sive rogus flamma seu tabe vetustas
Abstulerit mala posse pati non ulla putetis!
Morte caren animae semperque priore relicta
Sede novis domibus vivant habintantque receptae:
Ipse ego (nam memini) Troiani tempore belli
Panthoides Eurphobus eram, cui pectore quondam
Haesit in adverso gravis hasta minoris Atridae;
Cognovi clipeum, leavae gestamina nostrae,
nuper Abanteis templo Iunonis in Argis!
OMNIA MUTANTUR, NIHIL INTERIT: errat et illinc
Huc venit, hinc illuc, et quoslibet occupant artus
Spiritus eque feris humana in corpora transit
Inque feras noster, nec tempore deperit ullo.
Utque novis facilis signatur cera figuris
Nec manet ut fuerat nec formas servat easdem,
Sed tamen ipsa eadem est, animam sic sempre eandem
Esse, sed in varias doceo migrare figuras.
Corpora, sive rogus abstulerit flamma seu tabe abstulerit vetustas,
posse pati non ulla mala, putetis!
Animae carent morte et(que) relicta priore semper domibus sede novis vivunt et receptae habitant :
Ipse ego (nam memini) eran Panthoides Euphorbus tempore Toriani belli, cui hasta gravis minoris Atridae haesit in adverso pectore; cognomi clipeum, leavae gestamina nostrae, nuper templo Iunonis in Argis Abanteis ! Omnia mutantur, nihil interit : spiritus errat et illinc venit huc hinc venit lilluc, et occupat quoslibet artus eque feris transit in humana corpora et noster(spiritus) in feras, nec deperit ullo tempore.
Et ut cera facilis signatur novis figuris nec manet ut fuerat nec servat easdem formas, sed tamen est ipsa eadem, sic doceo animam semper eandem esse, sed migrare in varias figuras.
Non crediate che i corpi possano patire il male, sia che il rogo li abbia dissolti con la fiamma o il tempo con la decomposizione! Le anime non muoiono e abbandonata la sede precedente continuano a vivere in nuove dimore e dopo esservi state accolte vi abitano. Io stesso (me ne ricordo) ero Euforbo figlio di Panto al tempo della guerra di Troia, (Euforbo) a cui un giorno la lancia del figlio minore di Atreo si conficcò in pieno petto. Ho riconosciuto lo scudo, fardello della mia mano sinistra, da poco nel tempio di Giunone ad Argo, città di Abante. TUTTO CAMBIA, NULLA MUORE: lo spirito vaga e da lì viene qui e da qui va lì e abita qualsiasi corpo e dagli animali passa nei corpi umani e il nostro(spirito) negli animali, e non muore mai. E come la cera malleabile viene modellata in nuove figure, non rimane com’è stata né conserva le medesime forme, ma tuttavia è la stessa, io insegno che l’anima così pure rimane sempre la stessa ma che passa in figure diverse.

Esempio



  



Come usare