Apollo e Diana

Materie:Versione
Categoria:Latino

Voto:

1 (2)
Download:513
Data:18.10.2007
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
apollo-diana_2.zip (Dimensione: 3.21 Kb)
trucheck.it_apollo-e-diana.doc     21 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

APOLLO E DIANA

Apud Graecorum patronus poetarum et musicorum fuit Apollo, deus quem Latona mater genuerat una cum gemina sorore Artemide, cuius nomen apud Romanos Diana fuit. Apollo, sicut fama dicebat, montem Parnasum habitavit cum Musis, novem sororibus, Mnemosines ac Iovis filiis. Musae scientiarum atque atrium patronae errant.
Duo cacumina monti Parnaso sunt: alterum sicut Homerus, Hesiodus aliique poetae conunt, Apollinis, alterum Musarum sedes fuit.
Poetae, cum scribere poemata incipiebant, sive Musarum sive Apollonis tutelam auxiliumque invocabant, praecipueque Calliopis epicorum carminum Musae. Diana, Apollonis soror, venatorum patronae fuit. Diana montes, silvas sacrosque fonts antiqui dicaverunt etiamque luna Apollonis sorori sacra fuit.

TRADUZIONE

Presso i greci il patrono dei poeti e dei musicisti fu Apollo, Dio che la madre Latona aveva generato contemporaneamente con la sorella gemella Artemide, il cui nome presso I Romani fu Diana. Apollo, come diceva la fama, ha abitato il monte Parnaso con le muse, nove sorelle, figlie di Mnemosine e di Giove.
Le muse erano le patrone delle scienze e delle arti. Il monte Parnaso ha due vette: una, così come cantano Omero, Esodo e gli altri poeti fu di Apollo, l’altra (fu) la dimora delle Muse.
I poeti, quando iniziavano a scrivere le poesie, imploravano la tutela e l’aiuto sia delle Muse sia di Apollo, soprattutto Calliope, musa dei poemi epici.
Diana, sorella di Apollo, fu la patrona dei cacciatori. Gli antichi dedicarono i monti, le selve sacre e le fonti a Diana, e anche la luna fu sacra alla sorella di Apollo.

Esempio



  



Come usare