Alexander Magnus et Diogenes

Materie:Versione
Categoria:Latino

Voto:

1 (2)
Download:589
Data:14.02.2007
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
alexander-magnus-et-diogenes_1.zip (Dimensione: 3.04 Kb)
trucheck.it_alexander-magnus-et-diogenes.doc     24.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Alexander Magnus et Diogenes
TESTO ORIGINALE
Alexander Maguns in Graeciam descenderat et iam Chrinthum pervenerat. Ibi cum multi scriptores et philosophi ad eum salutandum convenirent, sperandum erat Diogenem quoque, qui tum Chorinthi habitabat , venturum visere se contulit. Quem cum invenisset apricantem:”ecquid a me vis?”, interrogavit. “ego quidem paratus sum omnia quae vis facere”. Tum Diogenes:”hoc unum velim:paululum discedas, ne solem mihi officias”. Ferunt Alexandrum, hanc procacitatem admiratum, exclamavisse:”ego certe, nisi Alexander essem, vellem esse Diogenes!”
TRADUZIONE
Alessandro Magno era sceso in Grecia e già era arrivato a Corinto. Lì, poiché si riunivano molti scrittori e filosofi per salutarlo, si sperava che anche Diogene, che allora abitava a Corinto, venisse. Ma volendo minimamente soddisfare la volontà del re, lo stesso si recò a far visita a Diogene. E avendolo trovato che prendeva il sole chiese:”vuoi forse qualcosa da me?io certamente sono pronto a fare tutto ciò che vuoi”: allora Diogene:”questo solo vorrei:allontanati un po’ per non oscurarmi il sole”. Dicono che Alessandro, ammirata questa provocazione, disse:” io certamente se non fossi Alessandro vorrei essere Diogene”.

Esempio



  



Come usare