una questione privata

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano

Voto:

1.7 (3)
Download:517
Data:01.02.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
questione-privata_5.zip (Dimensione: 6.61 Kb)
trucheck.it_una-questione-privata.doc     28.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Matia Luchetta 3^A SCHEDATURA LIBRO
Fenoglio,Giuseppe,Una questione privata,Torino,Einaudi,1963(1986 Nuovi coralli)
• Luoghi: una questione privata è un romanzo amoroso che ha come sfondo la lotta partigiana nelle colline delle langhe, nei dintorni di Alba, territorio molto amato da Fenoglio. Le scene principali del romanzo avvengono maggiormente negli spazi aperti, e precisamente nei paesi di Alba, Canelli e Tresio; altre avvengono negli spazi chiusi, quali la mensa, il quartier generale di Leo, la casa di Fulvia, alcune case di contadini. Il protagonista, recatosi nei luoghi che hanno visto nascere il suo sentimento d’amore , associa la tristezza per aver perso l’amata al suo essere partigiano, costretto a vivere cose spiacevoli, pesanti come la brutalità della guerra e circondato da cose visibili come la pioggia e il freddo, che rappresentano la malinconia, la nebbia, che rappresenta la confusione e l’incertezza ed il fango che rappresenta la pesantezza della condizione umana.
La casa dell’amata rievoca nel protagonista i momenti trascorsi insieme, le lettere, le musiche che hanno ascoltato, ora però la villa è immersa in un atmosfera spettrale che è lo specchio del suo stato d’animo quando viene a conoscenza della relazione tra Fulvia e Giorgio, un suo caro amico.
Nella parte finale del racconto Milton ormai è estraneo alla realtà che lo circonda, corre disperatamente nel tentativo di uscire dalla sua solitudine, e gli alberi sotto i quali crolla pare si trasformino in uno spazio chiuso nel tentativo di proteggerlo come farebbe una madre con il proprio figlio.
• Tempo: il racconto si svolge negli anni della resistenza partigiana contro le truppe d’occupazione. Fenoglio in questo romanzo utilizza il linguaggio del flash-back, una tecnica che consiste nell’ accumulare in poche pagine una grossa quantità di azioni con un coinvolgimento reale: la guerra e tutto ciò che si porta dietro; e azioni fantastiche, con un coinvolgimento mentale: il ricordo della musica e delle lettere scritte. L’autore narra una vicenda passata, ma che sembra durare molto di più dei quattro giorni descritti. Il presente invece viene narrato con una certa frenesia sia per la fretta di cercare qualcuno da scambiare con Giorgio, che per la voglia di porre fine al suo vagare, così da dare un senso alla propria esperienza umana.
• Personaggi: il protagonista principale è Milton, un giovane studente universitario, ex ufficiale che milita nella formazione autonoma. Egli è molto legato alla patria, infatti va a fare il partigiano ed è molto determinato a combattere per essa. Milton ha ventidue anni, è alto, scarno, un po’gobbo e non di bell’aspetto; i suoi capelli sono castani ma a causa della pioggia e della polvere sono striati di biondo. L’unica cosa bella sono gli occhi, tristi e ironici, duri e ansiosi. Egli ha un forte dinamismo, lo si rileva dalle imprese che vive per scoprire la verità sulla probabile relazione tra Fulvia e Giorgio, anch’egli partigiano. Milton è un personaggio molto triste e profondamente innamorato di Fulvia, una sua amica di qualche anno più giovane ; ella ha un bel viso, ha i capelli castani, lunghi, con le trecce e gli occhi castani, impagliati d’oro; le piace ballare, giocare a tennis e leggere poesie.
Giorgio è un coetaneo di Milton ed è il suo “antagonista” nel racconto, essendo anch’esso innamorato di Fulvia. E’ un giovane di bell’aspetto di origine borghese medio-alta e viziato; Giorgio è lo stereotipo del ragazzo bello, ricco e viziato, tutto ciò che Milton vorrebbe essere.
Un personaggio secondario è la governante, che appare nella prima parte del libro e che rivela a Milton l’esistenza della relazione tra Fulvia e Giorgio; ha molto a cuore Fulvia, infatti quando usciva con Giorgio, lei non andava a dormire sino a quando non ritornava e spesso li spiava dalle finestre. La governante era più disponibile nei confronti di Milton, lo riteneva infatti un giovane serio ed educato, lo dimostra la rivelazione della storia tra Giorgio e Fulvia.
Altri personaggi del racconto sono i compagni di brigata e due staffette partigiane fucilate per vendicare la morte del sergente fascista che Milton aveva sperato di scambiare con Giorgio, il quale era stato precedentemente catturato.
• Motivi e temi: alla base della ricerca disperata di Milton non c’è solo l’amore nei confronti di Fulvia, ma anche la speranza di non essere stato ingannato, non solo in amore, ma anche nella vita. Nella ricerca della verità egli insegue il disperato bisogno di sapere che dietro il marcio della guerra si puo’ ancora essere uomini con capacità di amare. Questo bisogno di conoscenza è un modo per Milton di guardare dentro di se e scorgervi un enorme vuoto provocato dalla negazione di tutti gli ideali per cui si è combattuto e creduto. La gelosia causata dalla scoperta della probabile relazione tra Fulvia e Giorgio fa prevalere il sentimento umano su quello partigiano, tanto da indurlo a tralasciare i suoi doveri. Le difficoltà che incontra Milton nel finale quando imbocca la strada che lo condurrà alla morte, sembrano uno sbarramento messo in atto dalla natura per fermarlo, attraverso la pioggia che cade incessante, il fango che frena i suoi passi, la nebbia sempre più fitta.
• Linguaggio: Una questione privata è un libro scritto con semplicità, ricco di metafore, in cui l’uso del discorso diretto è abbastanza ricorrente. La storia è raccontata in maniera molto romantica, per il protagonista si tratta di una vera e propria ossessione che lo porta ad avere frequenti monologhi interiori. Ci sono forme dialettali, termini tecnici riguardanti le armi e molte parole in inglese. L’inglese era la materia di contatto con Fulvia, in questa lingua le scrisse molte canzoni e poesie , che poi leggevano e cantavano insieme. L’inglese era anche una forma di sicurezza, cantando si liberava da tutti i suoi turbamenti; esso era l’espressione in cui riusciva ad essere più profondamente se stesso.

Esempio



  



Come usare