Tiberio

Materie:Tema
Categoria:Italiano
Download:97
Data:02.02.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
tiberio_1.zip (Dimensione: 4.41 Kb)
trucheck.it_tiberio.doc     24.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Saggio breve su “Il regno di Tiberio”
Tiberio Claudio Nerone, regna a Roma dal 14 dC al 37 dC. Era figlio adottivo di Augusto, il quale lo aveva raccomandato al senato nel proprio testamento; riguardo la decisione di Augusto di proclamare Tiberio come suo successore, vi è la voce sfavorevole di Tacito, che definisce Augusto come un burattino nelle mani della seconda moglie Livia, che aveva manovrato il marito in modo tale da spianare la strada verso il trono al figlio da lei avuto dal suo precedente matrimonio, ossia Tiberio. Egli venne quindi acclamato dal senato con tutti i poteri all’età di 56 anni. Inizialmente Tiberio ebbe una politica abile, prudente e rispettosa delle prerogative del senato. Appena eletto, fra le truppe stanziate ai confini ebbero luogo gravissime sedizioni che misero in serio pericolo il suo principato; tra le milizie ai confini settentrionali dell’impero non poche erano le ragioni di malcontento; le truppe del Reno e della Pannonia si rifiutarono di giurare fedeltà al nuovo principe e chiesero che fossero migliorate le loro condizioni. A reprimere questa rivolta Tiberio mandò suo figlio Druso, ma ogni tentativo fu vano e Druso rischiò anche di essere ucciso.
Venne allora mandato in suo aiuto Germanico, figlio adottivo di Tiberio ; non senza difficoltà, egli riuscì a riacquistare la fedeltà dell’esercito, e intraprese la guerra contro i popoli della Germania che cominciò nel 14 dC con la sconfitta dei Marsi e terminò nel 16 dC con una grandissima battaglia durante la quale furono sconfitti i Cheruschi. Le notizie delle vittorie di Germanico, facevano crescere in Roma le simpatie verso il giovane figlio di Druso; ma il prestigio che questi con il suo valore si andava acquistando non poteva non irritare Tiberio, che vedeva in lui, oltre che un suo rivale, un rivale del vero figlio naturale Druso. Egli temeva che il figlio adottivo, potesse un giorno marciare alla testa dell’esercito e togliergli il potere. Ma non era solo per questo che Tiberio non vedeva di buon occhio le imprese di Germanico; infatti Tiberio seguiva una politica di pace ed era quindi contro le imprese militari di Germanico. Consigliato anche dalle sue vedute politiche decise di richiamare il figlio adottivo dal Reno e lo inviò in Oriente perché là occorreva un uomo di provata energia, di grande prestigio e appartenente alla famiglia imperiale. Ma in questa missione Germanico fu molto ostacolato da Pisone, il quale, forse eseguendo gli ordini di Tiberio, si mostrò verso Germanico, che pur gli era superiore nel comando, indisciplinato. In seguito Germanico andò in Egitto e, quando tornò in Siria, non riuscì più a tollerare la condotta di Pisone; allora gli fece capire che era necessario che si allontanasse dalla provincia. Pisone partì, ma poco dopo Germanico si ammalò; si sospettò che o da Pisone o da sua moglie gli fosse stato propinato del veleno. Le prove non furono mai trovate, ed esistono ancora dei dubbi se i due coniugi avessero agito di iniziativa propria o dietro ordine di Tiberio o di Livia.
Con questo fatto la popolarità di Tiberio subì un forte tracollo ed egli stesso nel 26 dC si ritirò alla vita privata, abbandonando Roma nelle mani del prefetto del pretorio, Seiano, che aveva astutamente conquistare la sua fiducia. Ma quando, nel 31 dC, fu evidente che Seiano aspirava al trono, Tiberio lo fece arrestare e mettere a morte, insieme ai suoi familiari e sostenitori. Nel 37 dC morì anche Tiberio a Mesano. Tiberio lasciò uno stato in buone condizioni finanziarie, con le frontiere tranquille e con un potere centrale ormai consolidato, anche se gli storici antichi ne hanno tramandato un giudizio negativo.
PAOLA TOGNINALLI II°B

2

Esempio



  



Come usare