Scheda libro de La ragazza di Bube

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano
Download:1503
Data:11.11.2005
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
scheda-libro-de-ragazza-bube_1.zip (Dimensione: 5.09 Kb)
trucheck.it_scheda-libro-de-la-ragazza-di-bube.doc     29 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Tatiana Di Lernia 3^c1
9 Ottobre 2005

SCHEDA DEL LIBRO

Autore: Carlo Cassola

Titolo: La ragazza di Bube

Casa Editrice: Einaudi

Identificazione del genere: Romanzo

Intreccio: La seconda guerra mondiale è appena finita e i soldati tornano finalmente a casa. Un partigiano, Bube, durante il viaggio di ritorno decide di visitare la famiglia di Sante, un suo compagno caduto in battaglia. La famiglia è composta da Mara, suo fratello Vinicio e i genitori. E’ proprio qui che i due si conoscono, ma Mara è ancora una ragazzina e “sedurre” Bube è per lei quasi un gioco, uno scambiarsi di lettere e foto. Quando però lui decide di portarla a Volterra per farle conoscere la sua famiglia, i due s’affezionano e si forma tra loro un legame che sarebbe resistito ad uno spasimante e a 14 anni di galera. Bube, infatti, macchiatosi di un grave crimine, è costretto a scappare in Francia per nascondersi, aiutato dai suoi compagni anch’essi partigiani. Mara va a lavorare a Poggibonsi, dove conosce Stefano: i due vivono una breve storia d’amore, “un amore senza domani”. Quando Mara viene a sapere che Bube è stato arrestato si trova davanti ad un bivio: Stefano o Bube. Dopo continui ripensamenti capisce di essere la ragazza di Bube, l’unica in cui il giovane ha riposto la propria fiducia. Egli, infatti, è stato condannato a 14 anni di carcere e Mara decide di aspettarlo.

Tempo: La vicenda va inserita negli anni del secondo dopoguerra, dura circa dieci anni (sono presenti molte ellissi), fabula e intreccio non coincidono poiché sono presenti flashback usati per ricordare momenti ed emozioni passate.

Ambiente: La storia si svolge in Toscana (Poggibonsi, Monteguidi, Volterra)

Personaggi:
Bube(Arturo Cappellini): orfano di padre, partigiano di famiglia umile. E’ magro, bruno, con i capelli lisci e i baffetti. Tende ai comportamenti violenti ed è fiero del soprannome datogli durante la guerra(vendicatore). Si fa spesso giustizia da solo.
Mara: Bionda con i capelli lisci, contenta della sua bellezza, è la vera protagonista della storia. All’inizio è una ragazza sfrontata e sfacciata, non teme il confronto e non sopporta che le siano imposte le cose. Matura durante l’evolversi della situazione, confrontandosi con l’amore e il dolore.
Lidori: amico di Bube, lo aiuta a scappare per non farsi prendere dai carabinieri. Presente più volte nel romanzo, cercherà un altro avvocato per cercare di far assolvere Bube.
Mauro: uno dei corteggiatori di Mara, presente all’inizio della storia. E’ un ragazzo magro con la faccia allegra.
Liliana: cugina di Mara, è curiosa e gelosa. Viene considerata brutta in confronto alla cugina.
Sante: partigiano amico di Bube, caduto in battaglia. Era il fratello di Mara, per questo Bube la conosce.
Castellucci: padre di Mara, è comunista e, al contrario della moglie, è contento che la figlia sia fidanzata con Bube. In gioventù è stato in carcere.
Ines: amica di Mara. Si conoscono quando Mara va a lavorare a Poggibonsi.
Stefano: conosciuto grazie a Ines, è l’amante di Mara mentre si trova a Poggibonsi. Mara poi lo lascia perché capisce che l’uomo della sua vita e Bube. Stefano si sposa con un’altra donna.

Narratore: Esterno e onnisciente, trasmette lo stato d’animo dei personaggi ed è imparziale.

Temi trattati: Sicuramente i principali sono l’amore e la guerra: un’adolescente che da ragazzina diventa una donna, e decide di aspettare il suo amato per 14 anni, rinunciando ai divertimenti e ai ragazzi a cui piaceva.

Tecniche narrative: frasi brevi e parole comuni scelte con accuratezza. E’ molto presente il discorso indiretto.

Commento: Questo libro mi è piaciuto tantissimo e, a differenza di molti altri, mi ha preso sin dall’inizio. Mi è sembrato di vivere negli anni 40, la sua semplicità, la sua naturalezza, l’inimitabile purezza lo rendono un capolavoro, sebbene la trama sia abbastanza comune. Devo ammettere che il finale mi lasciata un po’ perplessa, forse perché sono un’amante degli “Happy Ending”…Pensandoci, però, ho capito che effettivamente non poteva terminare diversamente.
Si parte da una qualunque storia di due ragazzini innamorati per arrivare ad un dramma. D’altronde, in periodi come questi si è praticamente costretti a crescere in fretta. Il personaggio più interessante è stata Mara: all’inizio mi stava antipatica, ma andando avanti nella lettura mi ha appassionata. E’ stato bello seguire il suo cambiamento da una ragazzina che passava le giornate a vantarsi con le amiche a una donna forte e coraggiosa che riesce ad andare avanti anche se il suo amore deve scontrarsi con 14 anni di galera. Io non ce l’avrei fatta.

Esempio



  



Come usare