Salvatore Quasimodo

Materie:Appunti
Categoria:Italiano
Download:1560
Data:12.02.2007
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
salvatore-quasimodo_11.zip (Dimensione: 393.37 Kb)
trucheck.it_salvatore-quasimodo.doc     551 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Salvatore Quasimodo

LA SUA VITA

Salvatore Quasimodo nasce a Modica, in Sicilia, il 20 agosto 1901. Figlio di un ferroviere, trascorre l’infanzia nelle piccole stazioni della campagna siciliana e nel 1908 si trasferisce a Messina, da pochi giorni distrutta da un terribile terremoto. Poi studia a Palermo in un istituto tecnico.
A Roma si iscrive alla facoltà di Ingegneria del Politecnico, ma le difficili condizioni economiche della famiglia lo costringono ad abbandonare l’Università per cercarsi un lavoro.
Nell’arco di pochi anni è prima disegnatore tecnico, poi commesso di negozio e infine riesce a ottenere un posto da impiegato tecnico presso il Genio Civile. Questa occupazione lo costringe a trasferirsi frequentemente da una città all’altra. Intanto riprende a scrivere versi, come aveva cominciato a fare negli anni dell’adolescenza, ma ora con rinnovato interesse e maggiore impegno. Poi si trasferisce a Firenze
dove viene in contatto con il mondo letterario e dove pubblica le sue prime raccolte di poesie, che ne fanno uno fra i maggiori rappresentanti ed esponenti della corrente poetica e letteraria dell’ermetismo, che si affermò in Italia verso la fine degli anni Venti e che rivoluzionò profondamente il campo della poesia. L’Ermetismo, infatti, era un nuovo tipo di poesia caratterizzato da un linguaggio difficile, misterioso, oscuro e incomprensibile, e gli ermetici rifiutarono i versi tradizionali con strofe, rime e ritmi classici, preferendo una poesia libera ed essenziale, scarna, ma densa di pensiero e di significati anche nascosti, che il lettore doveva ricavare con la propria sensibilità dalle poche parole dei loro versi. In alcuni casi poi, abolirono anche la punteggiatura.
Salvatore Quasimodo si reca a Milano negli anni della seconda guerra mondiale e in questo periodo doloroso e tragico si dedica con passione alla traduzione delle opere dei più importanti poeti greci e latini.
Dal 1941 insegna letteratura italiana presso il Conservatorio Musicale di Milano, continuando la sua attività giornalistica e il suo lavoro di poeta e di traduttore, che lo rende famoso. Durante la seconda guerra mondiale egli matura uno stile poetico nuovo che si allontana dall’ermetismo e vuole esprimere l’impegno morale contro la barbarie della guerra, e nel 1959 gli viene conferito il premio Nobel per la letteratura.
La morte improvvisa, dovuta a una emorragia cerebrale, lo coglie a Napoli, il 14 giugno 1968, all’età di 67 anni.

LE OPERE PRINCIPALI

Nel corso della sua attività letteraria Quasimodo ha pubblicato molte raccolte di poesie, tra le quali spiccano: “Acque e terre” (1930), “Ed è subito sera” (1942) e “Giorno dopo giorno” (1947), prevalentemente dedicata ai temi della guerra e dell’occupazione nazista, alla quale appartengono anche le poesie: “Alle fronde dei salici”, “Milano, agosto 1943” e “Uomo del mio tempo”. Quasimodo ha pubblicato anche: “La vita non è sogno” (1949) e altre, che nel 1960 sono state raccolte nel volume “Tutte le poesie” che riassume la sua intera produzione lirica. È da ricordare anche il suo importante lavoro di traduttore del greco e del latino, che ha fatto di lui uno dei più profondi e sensibili interpreti della poesia classica.

I TEMI DELLE SUE POESIE

Nei suoi versi Quasimodo è riuscito a unire in modo equilibrato e armonico le esigenze del rinnovamento dello stile e del contenuto della poesia, già sostenute dall’Ermetismo, con la tradizione classica, che si rifaceva ai grandi modelli dell’antica Grecia e della letteratura italiana.
La sua poesia è quindi l’unione di innovazione e tradizione, nella quale l’autore dimostra grande attenzione verso la ricerca di una espressione semplice, chiara, ricca di profondi significati e contemporaneamente dei più alti sentimenti umani.
I temi maggiormente presenti nelle poesie di Quasimodo si possono ricondurre a tre concetti fondamentali: il ricordo (in gran parte idealizzato) della terra natale di Sicilia, l’interesse per le problematiche sociali a lui contemporanee e l’esigenza di contribuire con i suoi versi a “rifare l’uomo”, ridandogli certezze e ideali nei quali poter sperare. Nella sua poesia, infatti, si avverte l’amore per la cultura classica, l’attenzione per tutti i problemi umani, una visione pessimistica del destino dell’uomo, il rimpianto per il mondo dell’infanzia, e quindi il desiderio di ricostruire i valori calpestati dall’umanità e l’urgenza di poter esprimere la propria pena di uomo, sentendola come comune a tutti gli altri uomini.

UOMO DEL MIO TEMPO

Lo spettacolo del dolore, della disperazione e della morte provocati dalla guerra hanno condotto Quasimodo, chiuso nella sua sofferenza, alla convinzione che l’uomo è come Caino nel primo giorno dell’umanità. L’uomo ha continuato a uccidere i suoi fratelli, come Caino uccise Abele, dimenticando il messaggio evangelico di amore e ciò che distingue l’uomo di oggi dal suo antenato primitivo sono gli strumenti di rovina e di morte che, grazie al progresso tecnologico, si sono fatti più rapidi ed efficaci. In fine il poeta invita i giovani di oggi a dimenticare gli errori commessi dai propri padri, per porre fine alla violenza e alla morte e per costruire un mondo nuovo, fondato sull’amore e popolato da uomini migliori.

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
- t’ho visto- dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
Quando il fratello disse all’altro fratello:
“Andiamo ai campi”. E quell’eco fredda, tenace,
è giunto fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
Salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

PARAFRASI

Il poeta si rivolge all’uomo e gli dice che nonostante tutto il progresso, è rimasto come gli uomini primitivi. Lui, uomo moderno, era in un aeroplano di guerra, con strumenti di morte, il poeta lo aveva visto, e lo aveva visto anche dentro il carro armato a costruire ordigni mortali. Era l’uomo che credeva di aver fatto progressi scientifici, ma fatti con lo scopo di sterminare gli uomini, senza amore e senza pietà e ha ucciso ancora come quelli venuti prima di lui, come si sono uccisi gli animali che lo videro. L’odore del sangue è sempre lo stesso, come dello stesso odore era il sangue versato da Abele dopo che fu ucciso dal fratello Caino. E quell’odore di sangue, quella violenza si è tramandata fino ad ora ed è giunta fino all’uomo di oggi che ne ha fatto parte della sua vita di tutti i giorni. In fine il poeta dice all’uomo di dimenticare le violenze commesse nei secoli, di dimenticare quelli venuti prima di lui perché hanno ucciso, e di lasciare che le loro tombe siano dimenticate e coperte dalla cenere.

Esempio



  


  1. Carla

    Commento della poesia Ora che sale il giorno di Salvatore Quasimodo


Come usare