recensione "scoprendo forrester"

Materie:Tema
Categoria:Italiano

Voto:

1 (2)
Download:179
Data:14.04.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
recensione-scoprendo-forrester_1.zip (Dimensione: 4.62 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_recensione-scoprendo-forrester-.doc     23 Kb



Testo

Recensione: “Fanding Forrester”
Finding Forrester non è che il seguito di “Will Haunting, genio ribelle”, film precedente sempre diretto dal regista Gus Van Sant.
Sean Connery impersona uno scrittore anziano ed irascibile molto famoso per il suo primo ed unico libro pubblicato, vincitore di un premio Pulitzer. Si chiama William Forrester e vive chiuso nel suo appartamento da 40 anni. L’attore principale è sicuramente il debuttante Robert Browns nelle vesti di Jamal Fallace: ragazzo di colore molto in gamba che reprime i suoi pensieri scrivendoli in diari a causa dell’ambiente e delle persone che lo circondano. Ha grandi doti fisiche ma ancor più grandi doti mentali. Nel ruolo dell’antagonista il formidabile F. Murray Abraham combacia perfettamente con il suo personaggio: un professore che cerca di ostacolare Jamal perché nella sua vita non è riuscito a fare quello che poi il ragazzo farà.
Questo film è stato prodotto dalla Columbia Pictures Corporations e dalla Fountainebridge Film con l’aiuto della Laurence Marck Productions negli Usa e in Canada nell’anno 2000. Solo il 9 marzo 2001 è stato possibile vederlo in proiezione nei migliori cinema italiani.
Prevedibile la durata del film ( 136’ minuti), in quanto è drammatico e si sa che generalmente i film di questo genere non sono mai molto brevi.
Questa pellicola racconta la storia di un giovane sedicenne nero il quale, a causa di una sfida, conosce William che aveva sempre visto dietro la sua finestra ad osservare il quartiere. Dapprima con modi bruschi William-Sean instaura un rapporto distaccato con il ragazzo, ma successivamente diventerà un rapporto di amicizia fra insegnante ed allievo. Il signor Forrester istruisce Jamal nello scrivere svelandogli le sue tecniche espressive, mentre Jamal a sua volta lo aiuterà a riaprirsi alla vita. Ciò che accomuna i due è la scrittura che li fa esprimere. Acquisendo gli insegnamentiJamal riesce a migliorarsi tanto che il professore della sua scuola si accorge delle capacità che possiede e, poiché ritiene che la sua bravura sia troppo spiccata per un ragazzo di colore nato nel Bronx, lo accusa di aver copiato un tema da uno scrittore. Il fatto è vero perché William aveva detto a Jamal di iniziare a scrivere partendo da uno dei suoi racconti. Forrester, per salvare Jamal dall’espulsione e dall’umiliazione, trova la forza di uscire di casa, si reca a scuola e legge davanti a tutti l’esposizione scritta dal ragazzo che viene lodato. Il ragazzo ridà a Sean la forza di riprendere a vivere, egli torna nella sua madre patriae ricomincia a scrivere finchè non muore a causa di un tumore che gli era stato diagnosticato alcuni anni prima. Lo scrittore lascia tutti i suoi beni a Jamal ringraziandolo per avergli fatto trascorrere l’ultimo inverno della sua vita in serenità. Jamal va avanti per la sua strada verso una vita da scrittore, superando gli iniziali condizionamenti esterni.
Il film vuole mostrarci il rapporto tra un ragazzo in crescita ed uno scrittore che lo aiuta. L’elemento chiave è la “scrittura” attorno alla quale si svolge tutto il film, ambientato nei giorni nostri. I critici si sono complimentati con Von Sant per le adeguate tecniche espressive. La visione è stata calma e le scene abbastanza curate.
Il tema non è molto originale perché contenente analogie con il film “Profumo di donna” che vede alla fine Al Pacino (come Sean Connery) aiutare il ragazzo in un ambito sempre scolastico dove la giustizia è sempre trionfatrice.
Il film evidenzia l’ennesima performance da parte di Connery, la sincera interpretazione da parte di Robert Browns e superata la prova di F. Murray Abraham nel ruolo del cinico insegnante.
Non troppo adeguate le musiche adoperate, tranne quella della scena finale che spinge lo spettatore alla commozione. La visione è caldamente consigliata agli amanti della scrittura e ad un pubblico maturo, ma anche a chi vuole vedere un film ricco di messaggi, seppure un po’ statico. Film che pur non avendo riscosso molto successo è risultato piacevole alle persone che l’hanno visto.

Esempio



  



Come usare