Poesia comico-realista

Materie:Appunti
Categoria:Italiano

Voto:

1 (3)
Download:501
Data:06.06.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
poesia-comico-realista_1.zip (Dimensione: 6.39 Kb)
trucheck.it_poesia-comico-realista.doc     36.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

I Poeti "comico-realistici"
Negli anni che chiudono il sec. XIII l'esperienza di alcuni poeti fiorentini appare in antitesi - talvolta programmatica - con gli esperimenti dello Stil novo. In polemica con le situazioni e il linguaggio della lirica cortese, e riallacciandosi ad una tradizione latina di rimatori "giocosi", tali poeti preferiscono i temi concreti della vita quotidiana e lo stile semplice e immediato che a quel tempo era detto "comico" (per contrapporlo allo stile alto, detto "tragico").
Per tali motivi la corrente è stata detta "comico-realistica"; ma "realistica", più che la poetica di questi scrittori, è la natura dell'argomento trattato. Lo stesso linguaggio, infatti, pur facendosi diretto e umile, non è privo di astuzia letteraria, e l'immediatezza che lo contraddistingue è frutto di un'accurata ricerca formale.
Non si tratta dunque di poesia popolare, come diretta espressione di un sentire plebeo; né la scanzonata malizia di queste rime si può ascrivere ad una preoccupazione anti-letteraria quale poteva essere quella di Jacopone. Lo Stil novo è invece il punto di riferimento - anche se negativo - dei poeti "giocosi", la cui scelta estetica investe il concreto e il quotidiano con la stessa consapevolezza con cui la poesia cortese s'ispirava ai motivi amorosi.
TEMI
autobiografismo; scoppi d'ira e di rabbia; umor nero; sghignazzamenti (verso la vecchiaia); momenti agrodolci; celebrazione del godimento (donne, vino, gioco); invocazione della morte; doppi sensi; esaltazione del potere del denaro; elogio della dissipazione; lamento sulla povertà; invettiva verso la fortuna cieca e mutevole; invettive contro famigliari e amici; ostentazione di una vita abietta, viziosa e dissipata; sensualità; vanto, come enumerazione iperbolica delle proprie qualità. temi politici; enumerazione delle piccolezze del vivere.

S'io fossi foco (Cecco Angiolieri)
S' i' fosse foco, arderei 'l mondo;
s' i' fosse vento, lo tempesterei;
s' i' fosse acqua, i' l'annegherei,
s' i' fosse Dio, mandereil' en profondo;
s' i' fosse papa, sare' allor giocondo,
ché tutt' i cristiani imbrigherei;
s' i' fosse 'mperator, sa' che farei?
a tutti mozzerei lo capo a tondo.
S' i' fosse morte, andarei da mio padre;
s' i' fosse vita, fuggirei da lui:
similmente farìa da mi' madre.
S' i' fosse Cecco, com' i' sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre,
e vecchie e laide lasserei altrui.

Quando Dio (Rustico Filippi)

Quando Dio messer Messerino fece,
ben si credette far gran maraviglia,
ch'uccello e bestia ed uom ne sodisfece,
ch'a ciascheduna natura s'apiglia:
ché nel gozzo anigrottol contrafece,
e ne le ren' giraffa m'asomiglia,
ed uom sembia, secondo che si dice,
ne la piagente sua cera vermiglia.
Ancor risembra corbo nel cantare,
ed è diritta bestia nel savere,
ed uomo è sumigliato al vestimento.
Quando Dio il fece, poco avea che fare,
ma volle dimostrar lo Suo potere:
sì strana cosa fare ebbe in talento .

Eo non ti lodo Dio (Folgore di San Gimignano)

Eo non ti lodo, Dio, e non ti adoro,
e non ti prego, e non ti rengrazio,
e non ti servo: ch'eo ne son piú sazio
che l'anime di stare in purgatoro;

perché tu hai messi i guelfi a tal martoro
ch'i ghibellini ne fan beffe e strazio;
e se Uguccion ti comandasse il dazio,
tu il pagaresti senza perentoro.

Ed hanti certo sí ben conosciuto,
tolto t'han San Martino ed Altopasso
e San Michele e 'l tesor ch'hai perduto;

ed hai quel popol marcio cosí grasso,
che per soperbia cherranti ' tributo:
e tu hai fatto 'l cor che par d'un sasso.

Esempio



  



Come usare