La violenza nello sport

Materie:Appunti
Categoria:Italiano

Voto:

1 (2)
Download:484
Data:26.02.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
violenza-sport_1.zip (Dimensione: 4.28 Kb)
trucheck.it_la-violenza-nello-sport.doc     23 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LA VIOLENZA NELLO SPORT, ESPRIMI LE TUE OPINIONI
La violenza è un fenomeno purtroppo diffuso in ogni attività sportiva, e non solo nei giorni d’oggi, ma anche nella storia.
Già nella Grecia antica, che è all’origine della nostra storia “europea” erano sempre presenti atti di violenza, soprattutto negli sport come lotta e pugilato, in cui per vincere era necessario uccidere il proprio avversario.
Negli sport dove invece non occorreva far morire il nemico (corsa, salto in lungo, lancio del giavellotto, lancio del disco, gara dei carri da guerra erano quelli prevalenti), succedeva spesso che i giudici venissero comprati o minacciati, in modo da garantirsi la vincita.
Sono dunque cose di sempre gli imbrogli, le astuzie, le violenze, le liti, le risse e le riappacificazioni tra gli atleti.
Nello sport di oggi la violenza possiamo vederla anche tra i tifosi, che lanciano in campo fumogeni, petardi o altri oggetti pericolosi. Questi atteggiamenti violenti si verificano in tutte le discipline sportive specie nelle partite importanti e tra squadre molto forti e conosciute. Vedere in televisione gesti violenti mi intristisce e mi toglie il desiderio di seguire lo sport. Attori di violenza non sono solo i tifosi ma anche, a volte i giocatori stessi; capita infatti che non accettino le decisioni dell’arbitro e questo provoca a volte risse in campo. Può capitare che la lite sia potenziata dall’assunzione di farmaci illegali che servono a migliorare le prestazioni ma a loro volta provocano reazioni indesiderate.
Va detto che oggigiorno lo sport è fortemente intrecciato alla potenzialità economica. Il giocatore forte è un affare affare per la squadra e per questo può venir sottoposto a trattamenti non legali e pericolosi per la salute.
Lo sport è molto importante per irrobustire il fisico, per il divertimento, ma soprattutto per imparare alcune regole di convivenza civile. Non tutti capiscono che non si può sempre vincere; lo sport vuol dire anche saper perdere, accettando i propri limiti.
Per noi ragazzi è importante giocare in modo “sano”, cioè divertendoci imparando a rispettare gli altri e le regole che il gioco impone. Per questo è fondamentale per noi avere esempi positivi sia da parte dei giocatori, che devono riscoprire la voglia di giocare rispettandosi, sia da parte di alcuni tifosi che devono imparare di nuovo che in fondo…è solo un gioco.
Da molto tempo si pensano strategie per limitare le violenze nello sport. Sono state create leggi che prevedono il controllo delle persone che accedono agli stadi, sanzioni economiche per chi detiene oggetti pericolosi, e addirittura divieto di assistere alla partita. Nonostante queste manovre non è semplice ridurre o eliminare la violenza. Si tratta di modificare la “cultura” dello sport coltivando le nuove generazioni, trasmettendo loro i valori essenziali dello sport; così facendo forse a lungo termine si potranno vedere i risultati.

Esempio



  



Come usare