La pena di morte: tema svolto

Materie:Tema
Categoria:Italiano

Voto:

1 (2)
Download:911
Data:15.06.2005
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
pena-morte-tema-svolto_1.zip (Dimensione: 3.29 Kb)
trucheck.it_la-pena-di-morte:-tema-svolto.doc     21.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Nelle società antiche, che si reggevano prevalentemente sul potere assoluto del monarca, la pena di morte era considerata non solo legittima, ma anche necessaria.Il delitto infatti non era punito perché danneggiava un privato cittadino, ma perché, violando una legge emanata dal sovrano, recava oltraggio al sovrano stesso, alla sua autorità. Così la pena capitale era considerata al pari di una “vendetta di Stato” e, in quanto tale, doveva avere la maggiore pubblicità possibile e le esecuzioni erano trasformate in veri e propri spettacoli per i sudditi.
Uno dei primi pensatori ad aprire un dibattito sul problema etico della pena capitale ed a proporre una diversa visione della giustizia è stato Cesare Beccaria. Partendo da una concezione tipica della sua epoca spiegò che gli uomini si uniscono in società, rinunciando ciascuno ad una parte di diritti individuali, allo scopo assicurare la sicurezza e la libertà di tutti. La legge, insomma, deriva da un patto tra uguali e mai nessuno sarà allora disposto a stipularne uno con cui regala ad altri individui il più grande ed inviolabile dei suoi diritti:quello alla vita. Beccaria continua poi osservando che millenni di pena di morte non hanno impedito agli uomini di commettere i peggiori delitti.Più che supplizi spettacolari sarebbero allora efficaci pene prolungate nel tempo, come ad esempio lunghi periodi di detenzione.Ciò che più intimorisce un potenziale delinquente è infatti non tanto la cruenza della pena, quanto la certezza di questa. Ma la grande novità nel pensiero di Beccaria sta nel fatto che, in un’epoca in cui si era sicuri che il male fosse radicato fin dalla nascita in alcuni uomini predestinati al peccato, egli per primo considera l’influenza che un ambiente degradato può avere anche anche sul più onesto degli individui.E’ da questa consapevolezza infatti che nasce l’idea della pena come strumento di “rieducazione” del cittadino, idea,ovviamente inconciliabile con la pena capitale, che è alla base di quasi tutti i sistemi giudiziari delle più solide democrazie.

Esempio



  



Come usare