L'attacco terroristico a Londra

Materie:Appunti
Categoria:Italiano

Voto:

2 (2)
Download:86
Data:15.02.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
attacco-terroristico-londra_1.zip (Dimensione: 4.74 Kb)
trucheck.it_l-attacco-terroristico-a-londra.doc     26.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

La guerra all'occidente

Giovedì 7 Luglio ’05 i terroristi hanno compiuto un nuovo attacco terroristico, questa volta a Londra; colpendo la metropolitana, bruciando i treni nei tunnel, uccidendo con le bombe decine di persone, fino a paralizzare la città nel terrore allargando l'allarme a tutta l'Europa. In realtà il bersaglio simbolico e politico delle bombe erano i leader dei grandi Paesi del mondo che aprivano il G8, proprio nello stesso Paese.
Ormai la sfida al nostro mondo corre con un percorso realistico dentro il pensiero occidentale, le sue scadenze e le sue procedure simboliche.
E tuttavia, nonostante il bersaglio propagandistico che mirava a bloccare il G8, resta la sensazione che il vero obiettivo sono proprio i piccoli gesti quotidiani di ognuno di noi, che formano la banalità della democrazia di ogni giorno. Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti, che siamo dentro una stessa storia, da quel giorno di settembre del 2001 in cui il secolo fu deviato. Siamo proprio noi cittadini che vivendo in un sistema democratico ci trasformiamo in dei bersagli. E rende più facile la percezione che episodi distinti di terrorismo si accumulano fino ad oggi nello stesso problema, che è un nostro problema: l'attacco alla democrazia.
Se è così, bisogna dire che non basta ripetere il no alla guerra. Bisogna prima dire no anche al terrorismo, perché l'attacco al metrò londinese, dopo quello di Madrid e New York universalizza la minaccia ma rende visibile anche il bersaglio comune,che ricerca le ragioni del conflitto tra Occidente e Medio Oriente.
La vera guerra dura da quasi quattro anni, anche se nei ripari nelle nostre capitali e nel nostro "modo di vivere" ci siamo forse illusi di essere ai margini, spettatori, capaci di tenere la crisi all'esterno.
I morti delle torri di Manhattan dell'11 settembre 2001, come i passeggeri dei treni di Madrid e oggi di Londra, erano persone qualsiasi che stavano lavorando. Così come molti dei civili che muoiono a Baghdad nella zona sunnita.
Questo è un modello di confronto bellico al quale non eravamo abituati. L'orrore che colpisce persone del tutto innocenti assomiglia a quello che nasce per le strade, quando la malavita organizzata spara per colpire un avversario ben preciso e sacrifica passanti e bambini innocenti.
Penso più che uno scontro fra nazioni per questioni di confine, di modelli di vita o addirittura di religione, ci troviamo di fronte a un ad una mossa feroce, barbarica che definisco come un disequilibrio chimico di un corpo che è il pianeta.

Esempio



  



Come usare