Io non ho paura - Niccolò Ammanniti

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano
Download:257
Data:02.05.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
io-non-paura-niccolo-ammanniti_1.zip (Dimensione: 5.94 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_io-non-ho-paura--niccol+     28 Kb



Testo

-Io non ho paura di Niccolò Ammaniti-

_Biografia:
Niccolò Ammaniti nasce a Roma nel 1966. Ha esordito con il romanzo “Branchie”nel 1994.Nel 1996 ha pubblicato la raccolta di racconti “Fango” e nel 1999 il romanzo “Ti prendo e ti porto via”. Nel 2001 ha pubblicato il romanzo “Io non ho paura”.

_Tematiche:
Le tematiche presenti in questo romanzo sono molte:
-Amicizia fra coetanei;-Giustizia e crimine;-La mancanza di lavoro nel Sud che giustifica ogni azione, come quella di ridurre in schiavitù un bambino;-i maltrattamenti fisici e psicologici a cui è sottoposto;-Il coraggio e la ricchezza dei valori del protagonista.

_Genere:
Il racconto appartiene al genere narrativo attuale.

_Tecnica Narrativa:
Il linguaggio dell’autore è semplice, efficace e reale. I luoghi e i personaggi vengono trattati con cura, usando molti aggettivi.
Michele è l’io narrante, il quale racconta i fatti come uno spettatore esterno e in ordine cronologico.

_Trama:
Un gruppo di ragazzi si ritrova a scorrazzare su e giù da una collina. È l’estate del 1978 con un caldo torrido. È difficile sopportare la calura tanto che gli adulti rimangono chiusi in casa, uscendo quando la temperatura diminuisce.
Michele Amitrano, il protagonista, per difendere una ragazza de gruppo,si propone per eseguire la penitenza, ovvero arrivare al piano superiore di una casa disabitata senza né scale né gradini. Dopo alcune difficoltà, riesce salire aggrappandosi a dei rami di fico, ma cade. Il ragazzo impaurito, riesce poi a muoversi percependo di eesere caduto su una tettoia trasparente coperta da un materasso, al di sotto c’e un buco profondo. Qui si trova un bambino raggomitolato su se stesso…
A casa c’è il padre, un camionista che ha deciso di prendersi un periodo di pausa per rimanere con la famiglia e con i figli, Michele e Maria, la più piccola. Michele, da qui, inizia a chiudersi in se stesso e ogni giorno va a trovare il bambino nascosto instaurando,così, un rapporto di amicizia.
Michele non sa se confessare tutto ai genitori ma capisce che c’è qualcosa di misterioso e ingiusto. Una sera insonne,infatti, sentendo dei rumori provenienti dalla cucina, scopre che la sua famiglia è complice del rapimento di Filippo Carducci.
Michele per una leggerezza infantile confida a Salvatore, il suo migliore amico, di aver trovato un bambino rinchiuso in una buca circondato da sporcizia e gli racconta del padre.
Ritornato sul luogo, porta il bambino all’aperto, riuscendo anche a farlo camminare. Improvvisamente compare Felice(un complice) che lo costringe, con un fucile ad allontanarsi.
Felice, dopo averlo riportato a casa, tenta di usare la violenza anche sulla madre, ma viene bloccato dal padre.
A Michele è stato intimato di non andare a trovare più il bambino, ma con il passare di giorni non fa altro che pensare a quest’ultimo.
Un pomeriggio, spinto dalla notizia che i grandi lo vogliono uccidere, decide di andare a liberarlo.
Così Michele si mette alla ricerca dell’amico e una volta trovato riesce a tirarlo fuori e lo convince a scappare, mentre lui rimane ferito nel nascondiglio. Arriva il padre,incarito di uccidere Filippo. Non riconosce il figlio e gli spara.

_Personaggi:
MICHELE AMITRANO (Protagonista):
Ha nove anni e si trascina sempre la sorellina nei giochi con gli amii. Non viene descritto l’aspetto fisico ma vengono messi in risalto i suoi pregi: Altruismo,generosità,disponibilità.
È un ragazzo che agisce senza pensare ma è molto responsabile e maturo. E nel corso del romanzo assistiamo alla consapevolezza, da parte del protagonista, della vita adulta.

LA MADRE:TERESA:
Ha circa trent’anni. È bella con lunghi capelli neri che tiene sciolti,occhi scuri e grandi, una bocca larga e un mento a punta.

IL PADRE:
È un uomo piccolo, magro e nervoso con capelli neri, tirati. Odora di sigarette e colonia.
È un padre distaccato e severo. Non ci sono grandi cambiamenti di personalità durante il romanzo.

FILIPPO CARDUCCI:
ha nove anni ed è presentato come un “mucchio di stracci”. All’inizio diffida di Michele, infatti dopo le sconnesse parole, parla a Michele come un qualsiasi bambino di nove anni.

FELICE NATALE:
è il fratello maggiore del ‘teschio(amico di Michele). È solito picchiare i più deboli e bucare i palloni. È l’esecutore del sequestro e non mostra nessun sentimento di pietà o di pentimento per quello che sta facendo.

_Spazi:
La vicenda si svolge ad Acua Traverse, frazione di Lucignano, con grandi campi coltivati di grano. Prevalgono luoghi aperti come campi e colline ma viene anche descritta la casa del protagonista.

_Tempi:
Il periodo è ben definito: è l’estate del 1978.

_Commento personale:
Questo romanzo mi è piaciuto molto e l’ho trovato scorrevole, si legge pagina dopo pagina con la voglia di continuare.
Tratta di un argomento attuale, il rapimento, e il fatto che i due protagonisti siano bambini mette in evidenza la drammaticità dell’evento i sentimenti e le emozioni.
Il sentimento di amicizia che nasce fra i due ragazzi è molto intenso. Essi appartengono a classi sociali diverse e sono senza volerlo vittime del mondo adulto che è in lotta fra di se, ma vince l’amicizia che porterà uno dei ragazzi a sacrificarsi per salvare la vita dell’altro.

Esempio



  



Come usare