Il sensismo

Materie:Appunti
Categoria:Italiano
Download:397
Data:02.07.2007
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
sensismo_1.zip (Dimensione: 3.09 Kb)
trucheck.it_il-sensismo.doc     21 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Il Sensismo

Nella seconda metà del ‘700 prevalse la poetica del sensismo, una teoria della conoscenza derivata da Bacone e da Locke. Ispirandosi anche alla filosofia di Condillac, il quale affermava che tutte le conoscenze derivano dall’esperienza e passano attraverso le sensazioni, essa considerava la poesia un prodotto puramente “sensuale” e, come tale, le assegnava lo scopo di suscitare in chi legge o ascolta una sensazione piacevole, uguale a quelle provocate dalle altre sensazioni piacevoli come quelle del mangiare o del bere, che si provano nella vita pratica. Era una concezione materialistica che, portata alle estreme conseguenze, non solo avviliva la poesia ma anche negava ad essa ogni valore assoluto ed universale, perché la faceva dipendere da un gusto individuale, non uniforme e variabile da persona a persona.
I teorici italiani mitigarono tuttavia gli eccessi della poetica sensistica: non solo sostennero che la poesia nasce da un modo geniale ed emotivo di vedere le cose, capace di suscitare negli altri analogo entusiasmo ed analoga passione, ma le assegnarono, sulla scia della tradizione classica, il fine più nobile di essere “utile”, di contribuire, cioè, al rinnovamento civile e morale della società. Era un ritorno alla poetica oraziana del “miscere utile dulci” che univa l’utile al dilettevole e, sotto questo aspetto, la nuova poetica sensistica si avvicinava alla dottrina illuministica, che assegnava alla letteratura il compito di propagandare le nuove idee, per contribuire a rinnovare dalle fondamenta la società.

Esempio



  



Come usare