Il Romanticismo

Materie:Appunti
Categoria:Italiano
Download:240
Data:15.02.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
romanticismo_59.zip (Dimensione: 5.47 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-romanticismo.doc     30.5 Kb



Testo

Il romanticismo
Nel Romanticismo, il sentimento, che aveva accompagnato la riflessione illuministica sulla ragione, diventa il nucleo centrale della riflessione degli intellettuali. I motivi di questo cambiamento furono essenzialmente:
- storico-politici, legati al periodo napoleonico e alla Restaurazione, che mettono in crisi alcuni valori illuministici tra cui l’egualitarismo, a cui si sostituisce l’idea che individui e popoli siano frutto della propria storia. Ciò comporta: il principio di individualità, e quindi l’esaltazione delle differenze sia dei singoli sia dei popoli; una riflessione sulla natura umana vista come sentimento e passione;
- sociali, legati alla difficile collocazione dell’intellettuale in relazione al potere, al pubblico e alla propria provenienza. Da ciò scaturiscono molteplici scelte, come: mettere la propria cultura al servizio della patria, farsi osservatore critico della nuova società borghese e rifiutare la nuova società e fare un’analisi spietata della natura umana.
Questo nuovo movimento culturale e letterario si manifesta come oppositore dell’illuminismo. Ne rinnega la visione dell’esistenza basata sulla ragione e afferma il sentimento, la passione, la fantasia.
Il romanticismo esalta perciò l’individuo, come creatura unica ineguagliabile.
Contro il cosmopolitismo illuministico, che tendeva ad abbattere i confini tra le nazioni e a far si che ogni uomo si sentisse cittadino del mondo , i romantici esaltano le nazioni e i popoli concepiti come un insieme di persone con cultura diversa da tutti gli altri popoli.
Contro l’antistoricismo dell’illuminismo, che condanna il passato, il romanticismo afferma che la storia è l’evoluzione e il progresso da un’età ferina a stadi sempre più alti di civiltà.
Ma soprattutto il romanticismo non accetta la concezione materialistica dell’esistenza affermata nell’illuminismo ma ne esalta l’aspirazione ad una libertà senza limiti .
L’aspetto essenziale del romanticismo è proprio in questo bisogno che ha l’uomo romantico di acquistare coscienza di se e del suo posto nel mondo,e insieme di conoscere l’essenza della natura che lo circonda e di penetrare nel mistero dell’universo.
Il romanticismo eredita dal illuminismo alcune conquiste fondamentali: il diritto di tutti gli uomini di vivere in uno stato libero; il diritto di ogni popolo a governarsi da se senza essere soggetto alla dominazione straniera; la convinzione che il potere sia in mano al popolo e non al sovrano. Tutti ideali che spinsero ben presto i romantici alle cospirazioni, alle società segrete, alle rivolte aperte, alle barricate, alle lotte per ottenere le costituzioni e infine alla guerra per l’indipendenza.
Il romanticismo in Inghilterra e in Francia
Il manifesto del romanticismo inglese è la Prefazione alla seconda edizione delle Ballate liriche (1800) dei poeti William Wordsworth e Samuel Taylor Coleridge: vi si afferma che la vera poesia nasce dal sentimento e dall'immaginazione, quando la tensione espressiva non viene imbrigliata dalla fredda perfezione formale. Nella letteratura francese analoga funzione di manifesto programmatico ebbe un'altra Prefazione, quella di Victor Hugo al proprio dramma Cromwell (1827): vi sono esposte le ragioni della scelta di un protagonista così diverso dai modelli della tradizione classica, contraddistinto dalla presenza di difetti e qualità riscontrabili anche nell'"uomo comune", anche se già in precedenza Rousseau aveva evidenziato nel processo di "umanizzazione" dell'eroe una caratteristica delle moderne tipologie del personaggio letteraria. Hugo ebbe comunque il merito di contestare e rifiutare uno dei canoni ritenuti fino ad allora fondamentali dell'arte drammatica, quello delle tre unità, di tempo, di luogo e di azione, la cui formulazione veniva tradizionalmente attribuita alle teorie poetiche di Aristotele.Il manifesto del romanticismo inglese è la Prefazione alla seconda edizione delle Ballate liriche (1800) dei poeti William Wordsworth e Samuel Taylor Coleridge: vi si afferma che la vera poesia nasce dal sentimento e dall'immaginazione, quando la tensione espressiva non viene imbrigliata dalla fredda perfezione formale. Nella letteratura francese analoga funzione di manifesto programmatico ebbe un'altra Prefazione, quella di Victor Hugo al proprio dramma Cromwell (1827): vi sono esposte le ragioni della scelta di un protagonista così diverso dai modelli della tradizione classica, contraddistinto dalla presenza di difetti e qualità riscontrabili anche nell'"uomo comune", anche se già in precedenza Rousseau aveva evidenziato nel processo di "umanizzazione" dell'eroe una caratteristica delle moderne tipologie del personaggio letteraria. Hugo ebbe comunque il merito di contestare e rifiutare uno dei canoni ritenuti fino ad allora fondamentali dell'arte drammatica, quello delle tre unità, di tempo, di luogo e di azione, la cui formulazione veniva tradizionalmente attribuita alle teorie poetiche di Aristotele.
FOSCOLO E IL ROMANTICISMO
La posizione del Foscolo nei confronti del movimento romantico ed in particolare del romanticismo milanese, è complessa e contraddittoria, in quanto da un lato egli appare come un antagonista del movimento per la sua adesione al mondo classico, dall'altro appare come un precursore delle inquietudini sentimentali dei tempi nuovi, iniziatore di una nuova riflessione sulla storia che durerà per tutto l'arco dell'Ottocento. .Tutta la sua vita viene quindi vissuta in funzione delle proprie esigenze.Il poeta rivendica il valore assoluto della propria personalità attraverso un giudizio negativo del mondo e la dolorosa acquisizione delle proprie contraddizioniLa sua volontà di farsi sentire e di intervenire sulla scena storica, di giudicare il mondo e di modificarlo, lo spinge ad assumere l’impegno del libero scrittore, non asservito ai potenti. In effetti nella vita di Foscolo tutto è provvisorio, egli è dominato da un’instabilità che lo porta sempre altrove, alla ricerca di nuove sensazioni ed emozioni.

Esempio



  



Come usare