Il più Grande uomo scimmia del pleistocene

Materie:Riassunto
Categoria:Italiano

Voto:

1.3 (3)
Download:452
Data:09.10.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
piu-grande-uomo-scimmia-pleistocene_4.zip (Dimensione: 7.15 Kb)
trucheck.it_il-pi+     37 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Paolo Savoldelli 2A Romero

Autore: Roy Lewis (1913-1996)

Casa Editrice: Adelphi Edizioni

Anno della prima pubblicazione: Gennaio 2001

Edizione usata: VIII Gennaio 2005

Sintesi de “Il più grande uomo scimmia del Pleistocene”:

Pleistocene: una famiglia, il cui capostipite è Edward, vive alla ricerca di un’evoluzione che possa migliorare il proprio stile di vita. La famiglia è molto numerosa (12 componenti): ne fanno parte quattro fratelli, tra i quali c’è Ernest (il narratore); c’è poi un numero imprecisato di fratelli minori (alcuni dei quali saranno sbranati dalle belve) e di sorelle; numerose anche le zie.
Ogni personaggio è caratterizzato dall’interesse ad un aspetto specifico e ognuno porta avanti l’evoluzione nella materia in cui è specializzato. Edward, invece, da’ alla famiglia stimoli per progredire. Sarà il primo a “domare” il fuoco e successivamente a “crearlo”. Sosterrà anche la necessità di cercare le femmine in orde diverse per rimescolare i geni: dall’endogamia all’esogamia. I fratelli Wilbur e Alexander si occuperanno rispettivamente della caccia e dell’arte figurativa. Il primo imparerà a scheggiare alla perfezione la selce e diventerà osservatore dei comportamenti degli animali. Alexander invece coltiverà la sua passione per il disegno (inizialmente con pezzi di legno bruciato, poi con estratti naturali). Ernest avrà invece il ruolo di “pensatore”: in certi momenti filosofo della situazione, altre volte le sue tesi si avvicineranno a vere e proprie credenze religiose (sostiene per esempio che la caccia è più redditizia quando Alexander disegna grosse prede sulle caverne). La madre relegata sempre più tra le mura domestiche (dopo la scoperta del fuoco) avrà il merito di scoprire la cottura degli alimenti. Anche uno dei fratelli minori ha la sua importanza nell’evoluzione: William si occuperà (per il momento senza successo) dell’allevamento di cani per la caccia ed è grazie a lui che oggi possiamo dire che il cane è il miglior amico dell’uomo. Saranno le sorelle di Ernest ad inventare la moda quando per gioco cominceranno a coprirsi con la pelle delle bestie cacciate.
Naturalmente ci sono anche opinioni contrarie a quella della famiglia di Edward: rappresentati dallo zio Vania, che sostiene fermamente la necessità per l’uomo-scimmia di restare sugli alberi ed addirittura di non lavorare troppo gli utensili, ma di mantenerli grezzi. Vania sostiene la sua tesi dicendo che è più naturale, quindi migliore.
La famiglia di Edward riceve in visita lo zio Ian, un grande viaggiatore, che racconta la situazione dell’evoluzione negli altri continenti; tenta di domare un cavallo e muore durante il tentativo.
Qualche tempo più tardi durante un esperimento si propaga un incendio devastante che costringerà l’intera famiglia a trasferirsi in una nuova area geografica. In questa occasione Edward manifesterà in pieno il suo pensiero progressista: è, infatti, intenzionato a mettere a disposizione degli uomini-scimmia le scoperte da loro fatte, per garantire a tutti le stesse possibilità di evoluzione. Egli a questo punto si scontra con l’ opinione dei figli, che ritengono che il fuoco è un’invenzione da vendere o meglio ancora da cedere su licenza. Inoltre, Ernest si oppone anche a fare un corso di “pirotecnica a pagamento”, poiché preferirebbe tenere per l’orda il brevetto per poter essere riconosciuti come dominatori. In questo caso il padre, con un’azione impopolare, ha la meglio e l’abilità di creare il fuoco diventa di dominio pubblico. Quando l’ormai anziano Edward rivela ai figli una nuova invenzione, l’ arco, questi, spaventati dalla sua efficacia e dalla possibilità che anche altri uomini-scimmia ne vengano a conoscenza, uccidono il padre utilizzando la sua invenzione e tengono per loro il segreto. Durante il rito funebre Ernest fa un discorso per ricordare a tutti che il padre era stato “il più grande uomo scimmia del Pleistocene”.

Personaggi:
I personaggi sono:
* Ernest: è il narratore (interno) del libro. E’ il figlio maggiore di Edward.Divenuto ormai un uomo, oppone le sue idee a quelle del padre e, nel tentativo di non diffondere l’uso e il mantenimento del fuoco e la nuova invenzione dell’ arco, uccide il padre, prendendo la conduzione dell’ orda. Sposa Giselda e la porta nella sua orda.

* Edward: è il protagonista del libro. E’ lui “il più grande uomo scimmia del Pleistocene”. Spinge continuamente la sua famiglia a evolversi e a pensare a nuove invenzioni.

* Zio Vania: è “l’ antagonista” della vicenda. Si mette contro ad ogni idea di Edward iniziando discorsi accesi sui diversi pensieri che loro hanno e alla fine si ritira sempre sugli alberi vinto dai discorsi del fratello anche se in fondo si vogliono bene.

* Oswald, Wildbur; Alexander, William, la mamma e secondariamente Elsie, le altre sorelle Ann, Doreen e Allie, gli zii Mildren Ian e Angela.

Tematiche affrontate:
Le tematiche affrontate sono l’evoluzione dovuta, in certi casi, a scoperte casuali o scoperte volute come l’uso del fuoco e il suo controllo; c’è poi anche l’antagonista che si riconosce nello zio Vania che condanna ogni scoperta ed evoluzione non volendo progredire, anche se alla fine accetta sempre i benefici del progresso.

Giudizio personale:
In questo libro si spiega, anche se in modo ironico e certamente inattendibile, la scoperta della moda, del pensiero filosofico, del disegnatore, dell’allevamento e di altro. Questo è molto divertente perché induce molto alla lettura e al suo coinvolgimento.

PAOLO SAVOLDELLI

Esempio



  



Come usare