Il bambino con il pigiama a righe

Materie:Riassunto
Categoria:Italiano
Download:1767
Data:16.01.2009
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
bambino-pigiama-righe_1.zip (Dimensione: 5.29 Kb)
trucheck.it_il-bambino-con-il-pigiama-a-righe.doc     29.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Il bambino con il pigiama a righe.

E’ l’ingenuità di un bambino che questa volta fa da sfondo a uno degli orrori più grandi che ha macchiato irreversibilmente la storia dell’uomo: lo sterminio degli ebrei. “Il bambino con il pigiama a righe”, film tratto dal romanzo omonimo di John Boyne, è un film che si commenta da solo. E’ duro, secco. Non lascia spazio alla fantasia, racconta solo le cose come stanno. Strazia chi lo guarda, fa chiedere ancora una volta perché sia potuto accadere. Mi ha lasciata senza parole, triste e sconvolta. Infatti secondo me è un film terribilmente brutale, anche se allo stesso tempo molto delicato. Il suo scopo è quello di raccontare e rivivere l’orrore dei campi di concentramento. In più aggiunge un ingrediente, che rende il racconto più coinvolgente: l’amicizia. E non è la solita amicizia tra due adulti: la storia questa volta è narrata dagli occhi innocui di due bambini. Il film ha inoltre un finale a sorpresa che distrugge tutto il piccolo fondo di speranza creatosi nelle ultime scene.
Bruno, il protagonista della storia, è un bambino tedesco di otto anni dagli splendidi occhi azzurri, che ha un solo desiderio, quello di tutti i bambini: giocare. Ama molto i libri, ma soprattutto quelli di avventura, e rimane addolorato quando suo padre, un soldato nazista, lo porta via dalla sua casa per andare a vivere in campagna. Bruno non sa esattamente il perché, gli hanno detto solo che era per motivi di lavoro, si trattava di una promozione. E lui si fidava. La nuova casa era un’enorme villa bianca circondata da un giardino sorvegliato da soldati. Bruno però non è contento, perché gli proibiscono di uscire, impedendo così di “esplorare”, il gioco che preferiva e che a Berlino faceva sempre con i suoi migliori amici. Da subito però, affacciandosi dalla finestra della sua camera, si rende conto di non essere solo in quel posto: un grande filo di ferro recintava un rettangolo all’interno del quale si trovavano tante persone “strane”. Bruno è curioso, e subito chiede alla madre se può andarli a trovare. Dapprima la madre non ci trova nulla di male, ma lo stesso giorno uno di quegli “strani” omini entra in casa, portando un sacco di patate. E allora la madre capisce. Corre da suo marito, chiedendo come mai fosse arrivato uno di quelli. La “fattoria”, (così Bruno aveva definito ciò che vedeva dalla finestra), era molto vicina, troppo. Da allora la mamma controlla il bambino incessantemente, è terrorizzata del fatto che il figlio possa uscire per andare a conoscere le persone al di là della rete. Ma l’inconsapevolezza di Bruno è una forte curiosità, è pura ingenuità. Ma d’altronde cosa altro si poteva pretendere da un bambino di otto anni? Bruno decide quindi di scappare per qualche ora durante l’assenza dei genitori. In questo breve tempo conosce Shmuel, un altro bambino, soltanto un po’ “diverso”. Shmuel infatti è magro e pallido e indossa sempre lo stesso vestito: un pigiama a righe bianche e blu. Bruno non ha dubbi: si tratta di un gioco, e invano Shmuel in maniera vaga e imprecisa cerca di dirgli che non è affatto un gioco. “Non dovremmo essere amici, tu ed io”. E’ questo che dice Bruno a Shmuel, dopo aver parlato con i genitori, anche se disubbidendo il bambino inizia a scappare tutti i giorni da casa e a stringere amicizia con Shmuel. Contemporaneamente, in casa di Bruno nascono seri problemi: la madre, comincia a rendersi conto degli orrori che avvenivano nel campo, scopre delle ciminiere, piange tutta la notte per l’orribile morte di Pavel, l’ebreo che li aiutava in casa, picchiato a sangue. Mentre la moglie soffre così, il padre di Bruno continua il suo lavoro in maniera fredda e spietata, disumana come tutto il nazismo. E’ questo il suo atteggiamento in tutta la vicenda: il distacco è la sua arma più forte. Ingaggia addirittura un insegnate privato per i due figli (Bruno ha una sorella, Gretel), che comincia a educare i ragazzi secondo l’ideologia nazista. Bruno non ascolta, perché sa che Shmuel è un ebreo, e trova quindi impossibile che un intero popolo sia così spregevole e malvagio. Gretel invece cambia: da bambina che era, decide di trasformarsi in una donna adulta e con idee proprie: porta le sue bambole in cantina, e riempie i muri della sua camera con svastiche. Dopotutto è l’atteggiamento dei ragazzi, seguire i genitori e tutti gli esempi adulti, accettando le loro idee e trasformandole in proprie. Purtroppo, all’interno di una situazione familiare così difficile, si ha una svolta, che porta a un finale inimmaginabile. La mamma convince il marito a permettere a lei e ai figli di tornare a Berlino, ma Bruno, triste di dover salutare Shmuel decide di andarlo a trovare per l’ultima volta. Davanti al filo che li separa, scopre che il suo amico ha perso il padre, non lo trova più. Decidono così di iniziare quello che per loro senza saperlo sarebbe stato l’ultimo grande gioco: cercare il padre di Shmuel all’interno della “fattoria”. Bruno infatti si era accorto che il terreno era estremamente morbido, e poteva scavare facilmente. Si mettono quindi d’accordo: la mattina dopo Shmuel avrebbe portato a Bruno un “pigiama a righe”, sarebbero entrati nel campo e avrebbero cercato il papà. Bruno subito si rende conto della realtà della “fattoria”, vuole tornare indietro, ma le promesse fatte vanno mantenute. Cominciano la ricerca, e vanno nella baracca dove dormiva il padre. All’improvviso, dei soldati entrano, cominciano ad urlare, li portano in un’altra baracca. Gli dicono di spogliarsi, avrebbero fatto fare loro una doccia. Bruno e Shmuel sono un po’ impauriti, ma tranquillizzati dal fatto che si trattava solo di una doccia. Sì, era solo una doccia. Ma di gas.

Esempio



  



Come usare