GUIDO GOZZANO (Torino 1883-1916)

Materie:Appunti
Categoria:Italiano

Voto:

2 (2)
Download:372
Data:28.06.2005
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
guido-gozzano-torino-1883-1916_1.zip (Dimensione: 3.42 Kb)
trucheck.it_guido-gozzano-(torino-1883-1916).doc     22 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

GUIDO GOZZANO(Torino 1883-1916)
Laureatosi in legge,conobbe un rapido successo dopo la pubblicazione del suo primo libro di versi,La via del rifugio (1907),a cui seguirono I colloqui(1911).Compì un viaggio in India,perché colpito dalla tisi:frutto delle sue impressioni furono le prose di Verso la cuna del mondo(1917);però l’episodio più clamoroso della sua vita fu il legame amoroso con la poetessa Amalia Guglielminetti. Gozzano scrisse anche due volumi di fiabe,I tre talismani(1914) e La principessa si sposa(1917),e due volumi di novelle L’altare del passato(1918)e L’ultima traccia (1919).La morte gli impedì di terminare il poemetto didascalico Le farfalle,iniziato durante il viaggio in India. Con G.giunge alle sue più alte declinazioni poetiche l’esperienza dei crepuscolari e da lui si muove l’innovazione linguistica e tematica del ‘900;i toni di parlato che costituiscono il fondamento linguistico dei crepuscolari,sono riscattati in G.da una vigile coscienza letteraria che conduce la sua parola a raffinati impasti.In questa stilizzazione trovano la loro armonia i temi inquieti e contrastanti della poesia gozzaniana:ma qui è anche un limite,in quanto tutte le emozione e le contemplazioni sono filtrate attraverso la letteratura,e la reminiscenza culturale è chiamata continuamente a sostenere l’immagine,la descrizione,il racconto.La sua poesia trascende la comune poetica crepuscolare per attingere ad una vastità di interessi e un’inquetudine di situazioni che ne animano la fitta trama. Quindi la ricerca di conforto nelle piccole cose e nella natura è legata in G.ad una opposta tensione verso i grandi spazi aperti.Nascono da questo contrasto le descrizioni del piccolo mondo provinciale,un mondo borghese e tradizionale a cui egli pare volgersi come al solo rifugio capace di salvarlo dalla sua inquietudine. G.è anche un prosatore notevole ed originale:vanno ricordate le fresche e ariose novelle le rievocazioni e le descrizioni torinesi ed infine le pagine del viaggio in India,intrise di orientali splendori,di atmosfere dominate dal senso della corruzione e della morte,a tratti appena addolcite da qualche spunto di intima malinconia.

Esempio



  



Come usare