"A Zacinto" di Ugo Foscolo

Materie:Appunti
Categoria:Italiano

Voto:

1 (4)
Download:1309
Data:11.05.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
zacinto-ugo-foscolo_3.zip (Dimensione: 7.84 Kb)
trucheck.it_a-zacinto-di-ugo-foscolo.doc     30 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

“A Zacinto”

Componimento composto tra l’Agosto del 1802 e l’Aprile del 1803, il Tema della poesia è rappresentato dal doloroso esilio, dalla lontananza della terra d’origine: Ugo Foscolo è nato a Zante, un’isola del mar Ionio.
L’Incipit è molto forte, in fatti ci sono tre monosillabici accentati( il ne = negazione forte, in contrapposizione al non = negazione più leggera) che servono a ribadire che l’esilio è destinato a durare.
La Struttura del sonetto si articola in due parti: la Prima è rappresentata dalle due quartine iniziali e dalla prima terzina (vv. 1-11), nelle quali viene espressa la nostalgia per il distacco dalla terra d’origine; la seconda parte è costituita dall’ultima terzina (vv. 12-14) in cui sono riportate le amare riflessioni del poeta sul suo infausto destino.
A Differenza di Ulisse, l’eroe dell’Odissea che dopo mille peripezie riuscì a ritornare in patria, foscolo deve arrendersi al suo destino: non rivedrà più la terra natia e sarà costretto a morire lontano da casa, senza il conforto dei suoi cari, che almeno avrebbe significato il mantenimento del legame affettivo.
Si tratta quindi di un sonetto, formato da quattro Strofe ( due quartine e due terzine) di endecasillabi in rima secondo lo schema ABAB, ABAB, CDE,CED .

La poesia presenta tempi verbali, nell’ordine, al futuro, al passato, al presente, ancora al passato, infine al futuro, sebbene, in quest’ultimo caso, con ulteriore richiamo al passato. Ad accomunare due tempi al futuro (né più mai toccherò le sacre sponde”, v. 1; “tu non altro che il canto avrai del figlio / o materna mia terra”, v. v. 12-13) e la certezza del poeta, indotta dal pessimismo di non fare più ritorno alla sua terra. L’unico tempo al passato è al v. 3 (“Zacinto mia, che te specchi nell’onde”) che contiene la constatazione di una caratteristica geografica, cioè l’isola del poeta che si specchia nelle acque del mar Ionio. Nettamente prevalente nella poesia è il tempo passato, in relazione sia alla nascita di Venere “dal greco mar” sia alla poesia di Omero che canto il paesaggio di Zacinto ed il “diverso” esilio del suo eroe Ulisse. Il tempo al passato (“prescrisse”) con cui si conclude la poesia, allude tuttavia a qualcosa in cui gli effetti si trascineranno nel futuro, cioè la sepoltura in terra straniera senza il conforto delle persone care.

Notiamo anche i bipolarismi:
Vita(Positività) – Morte(Negatività)
Realtà(Sofferenza) – Mito(Serenità)
Eroe Classico(Ritorno in Patria)- Eroe Romantico(Foscolo)
Ed anche l’Esilio di Ulisse: voluto dagli Dei in contrapposizione con quello del Foscolo che è stato volontario.

Un aspetto molto importante sono le parole con cui terminano le prime due quartine, le quali contengono tutte in modo alternato le parole: Onde e Acque, la prima di questa sta a significare che la Stessa Venere nacque dalle Onde del Greco Mar, e la seconda indica che l’Esilio è causato dalle “Acque” che lo separano da Zante.

Infine L’espressione in cui compare L’aggettivo “Illacrimata” coniato dal poeta, vuole significare la tristezza di una sepoltura in terra straniera, che resta estranea a qualsiasi affetto e sentimento del poeta, senza il conforto dei propri cari.

Esempio