sonnet 130

Materie:Traduzione
Categoria:Inglese

Voto:

2.5 (2)
Download:344
Data:29.09.2006
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
sonnet-130_1.zip (Dimensione: 2.69 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_sonnet-130.doc     20.5 Kb


Testo

Focus on the text:

In this sonnet, one of the most famous of the dark lady sequence, Shakespeare appears to be criticising the idealising tendency of most Elizabethan love poetry to compare the beloved with the glories of nature, inspired by Platonic notions beauty.
Shakespeare is being realistic about the woman: she is not beautiful according to the criteria of ideal beauty.

Sonetto 130 di Shakespeare: traduzione

Gli occhi della mia donna non sono come il sole
Il corallo è assai più rosso del rosso delle sue labbra
Se la neve è bianca, allora i suoi seni sono grigi
Se i capelli sono crini, neri crini crescono sul suo capo.
Ho visto rose damascate, rosse e bianche
Ma queste rose non le vedo sulle sue guance
E in certi profumi c’è più delizia
Che non nell’alito che la mia donna emana.
Amo sentirla parlare,eppure so
Che la musica ha un suono molto più gradito.
Ammetto di non aver mai visto una dea camminare
La mia donna quando cammina calca la terra.
Eppure dal cielo al mio amore così raro
Così come rinnega falsi paragoni.

Esempio



  


  1. Sanna Francesca

    sto cercando analisi e commento del sonetto 13


Come usare